Rugby. Ancora una volta avversari troppo forti per L'Aquila. 33-16 Fiamme Oro

Primo tempo equilibrato poi alla lunga i laziali hanno avuto la meglio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

24

L'Aquila rugby

L'AQUILA.Una L'Aquila Rugby Club a corrente alternata cede, nell'anticipo televisivo giocato al “Fattori” in diretta Rai, alle Fiamme Oro. Finisce 16-33, con il XV cremisi che conquista il bonus offensivo.

Punteggio sbloccato dopo tre minuti dall'Aquila, che piazza con il mediano di mischia Daniel Faasen. Dopo un calcio di punizione fallito dall'estremo cremisi Maicol Azzolini, le Fiamme Oro iniziano a prendere le misure e segnano due mete in 15 minuti, la prima con Marinaro e la seconda con Duca, dopo aver vinto una touche ai cinque metri.

Gli allenatori neroverdi Mercier e Niculae sostituiscono, dopo venti minuti, Montivero in prima linea con Breglia ma la mischia aquilana soffre la pressione e l'esperienza degli avanti cremisi. Al 25', dopo diverse fasi in attacco, Massaro marca la terza meta per i suoi e porta il risultato sul 6-21. 
Ma è proprio nel momento peggiore che L'Aquila inizia a crescere, attaccando e giocando alla mano. Al 32' Faasen riduce lo svantaggio con una punizione, mentre allo scadere, dopo una lunga pressione esercitata nella ventidue avversaria e una meta fantasma annullata, Ezequiel Cortés varca la linea dei pali L'Aquila va sotto il break. Si va negli spogliatoi sul 16-21.

Nel secondo tempo le Fiamme cambiano due uomini (uno per reparto) e vanno in meta dopo due minuti con la prima linea Alessio Ceglie. Gli avanti del XV romano si impongono su quelli aquilani e si succedono ripetute mischie che portano anche al giallo a Nico Breglia. In inferiorità numerica, i neroverdi subiscono l'ultima meta, ancora con Gianmarco Duca, che firma il bis e si prende lo scettro di man of the match. Finisce 16-33, con la delusione del folto pubblico del “Fattori”.

“C'è un cambiamento di atteggiamento a questo credo si veda – dichiara durante il terzo tempo Ludovic Mercier – il problema è che non abbiamo bisogno di giocatori che giocano da soli, perché non si può salvare una squadra da soli, dobbiamo dare sempre tutto per i compagni. Quelli che non vogliono lavorare per la squadra, per quanto mi riguarda, possono anche andare via”.

“Siamo delusi stasera – conclude l'head coach – perché nel primo tempo abbiamo concesso due mete facili e gli avversari hanno giocato sui nostri errori. Il gruppo è giovane e deve crescere”.

L'AQUILA RUGBY CLUB – FIAMME ORO 16-33 (16-21)

Marcatori: p.t. 3' cp Faasen (3-0); 10' m. Marinaro tr. Azzolini (3-7); 13' m. Duca tr. Azzolini (3-14); 14' cp Faasen (6-14); 25' m. Massaro tr. Azzolini (6-21); 32' cp Faasen (9-21); 39' m. Cortés tr. Faasen (16-21); s.t. 42' m. Ceglie (16-26); 61' m. Duca tr. Azzolini (16-33).

L'AQUILA RUGBY CLUB: Biffi, Panetti (26' temp. Angelini), Cortés (48' Angelini), Erbolini, Perju, Matzeu (70' Carnicelli), Faasen (63' Speranza), Ceccarelli (79' Rossi), Boccardo (59' Rossi), Gentile (48' Cecchetti), D'Onofrio (48' Flammini), Cialone, Badalicescu (55' Subrizi), Marchetto (79' Montivero), Montivero (22' Breglia).

All.: Mercier.

FIAMME ORO: Azzolini, Sepe (41' Di Massimo), Massaro, Valcastelli, Seno, Halse (70' Della Rossa), Marinaro (71' Calabrese), Duca, Bergamin (20' Favaro), Zitelli, Cazzola (41' Mammana), Sutto, Ceglie (63' Iovenitti), Vicerè (70' Cerqua), Naka (70' Moriconi).

All.: Eugenio.

Arbitro: Bertelli

Cartellini: 59' giallo Breglia (L'Aquila); 76' Mammana (Fiamme Oro).

Man of the match: Gianmarco Duca (Fiamme Oro)

Calciatori: Faasen (L'Aquila) 4/5; Azzolini (Fiamme Oro) 4/6.

Note: terreno in buone condizioni. Spettatori 1500 (quota abbonati 300 ca). Centesima presenza in Eccellenza per Michele Sutto (Fiamme Oro)

Punti conquistati in classifica: L'Aquila Rugby Club 0; Fiamme Oro 5.