Pallavolo. L'Ortona non sbaglia l'esordio in campionato: 3-2 sul Brescia

Subito festa al Palazzetto di Ortona

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

25

Pallavolo. L'Ortona non sbaglia l'esordio in campionato: 3-2 sul Brescia

ORTONA. La prima di campionato ha sempre un sapore diverso, poi giocarla in casa è quasi magia. Davanti ad un pubblico spettacolare va in scena la sfida Sieco Service Impavida Ortona – Centrale del Latte McDonald's Brescia.

Tante emozioni al Palazzetto dello Sport tra cui il premio Kirk Kilgour consegnato al capo della tifoseria ortonese “I Dragoni” dal presidente Tommaso Lanci e che tutto il pubblico ha festeggiato con la società. Tornando alla gara Ortona scende in campo con capitan Lanci al palleggio e opposto Paoletti, schiacciatori Borgogno/Fiore, al centro Guidone/Simoni e il libero Cortina.

Brescia risponde con Tiberti in regia e opposto Bisi, Cisolla/Rodella schiacciatori, i centrali Cruz/Agnellini e il libero Fusco.

La Sieco sembra partire con il piede sull'acceleratore (3-0) ma Bisi non ci sta, ribaltando il risultato sul 3-5.

E' sempre l'opposto bresciano ad urlare tutta la sua rabbia e a segnare il 9-12 al timeout tecnico.

Coach Lanci è costretto a fermare il tutto perché la squadra ortonese non risponde, è piatta e poco reattiva. (11-15)

Nulla da fare in casa Impavida e sul 13-20 la panchina ortonese comincia ad alterarsi sul serio.

L'ultimo grido di orgoglio è quello di Guidone che ferma a muro Rodella sul 17-24; ma il set è ormai nelle mani avversarie. ( 17-25). Si rientra in campo per il secondo parziale. Vista la partenza degli ospiti (4-6) coach Lanci cambia le carte in tavola con Di Meo al posto di Borgogno e Sesto al posto di Guidone.

Il carattere è una dote innata e finalmente si intravede quello ortonese. Fiore mette giù l'ace del primo vantaggio locale 8-7.

12-10 nella pausa e allungo sul 18-13 grazie al buon turno al servizio di Di Meo e alla concentrazione di tutti gli attori in campo.

Fiore vola in difesa e Di Meo schianta un pallone pesantissimo con l'esplosione dell'intero palazzetto. (23-17) Impavidi conquistano il set 25-17.

Via al “terzo” con formazioni invariate.

Parte avanti l'Atlantide con errori abruzzesi già visti nel primo set. ( 3-6)

La gara si accende e Ortona cerca di rincorrere ancora e ancora. Bisi segna il +4 per i lombardi. (8-12).

Il granitico muro di Simoni su Rodella segna l' 11-12 e ora è Zambonardi a fermare il gioco.

Ora è punto a punto, pallone su pallone...parità sul 14-14.

Paladino coraggioso è Michele Simoni e ancora parità sul 17-17.

Sul 20-21 palla dubbia chiamata in campo, scatena l'ira del Palasport ma è ancora Di Meo a segnare il 21-21.

Cisolla trascina i suoi e Ortona si annienta sul più bello. E' proprio il campione ex Sieco a chiudere per Brescia. (22-25)

Set decisivo in quel di Ortona e gli impavidi soli possono cambiare le sorti della gara.

La parità comincia a prendere piede spinta da un Cisolla ispirato e da una Sieco che deve assolutamente accellerare il passo. (8-8)

Paoletti è molto arrabbiato e attacca a tutto braccio per vedere l'Impavida avanti 13-11.

Forse ci voleva un po' di cinismo per risvegliare gli animi, Ortona ora ha un viso e un atteggiamento diverso. (19-13)

Fiore sboccia e la Sieco chiude. 25-15

Tie-break al Palazzetto dello Sport, inizialmente segnato praticamente da Alessio Fiore che sembre indemoniato. Il 7-1 è tutto suo! Tre ace ( dal 4° al 7° punto) proprio dello schiacciatore pugliese manda in temperatura il pubblico.

Ora non c'è storia e la Sieco non ha pietà. 15-6 e partita vinta.


SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA – CENTRALE DEL LATTE MCDONALD'S BRESCIA 3-2 ( 17-25/ 25-17/22-25/25-15/15-6)

Sieco Service Impavida Ortona: Fiore 19, Simoni 9, Guidone 3, Matricardi n.e., Sesto 8, Cortina L, Toscani L, Di Meo 10 , Lanci 1, Paoletti 19, Borgogno 4, Maiorana n.e., Orsini n.e.

Allenatore: Lanci

Centrale del Latte McDonald's Brescia: Norbedo n.e, Agnellini 6, Rodella 8,Tiberti 2, Cruz 5, Fusco L, Turla L, Bisi 23, Zanardini, Sorlini 1, Statuto n.e., Cisolla 17.

Allenatore: Zambonardi