Rugby. Seconda sconfitta consecutiva per L'Aquila. Il Padova passa al Fattori

Troppo forti i patavini. Sabato di nuovo in casa col Mogliano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

20

Rugby. Seconda sconfitta consecutiva per L'Aquila. Il Padova passa al Fattori


L'AQUILA. Seconda sconfitta in altrettante gare per L'Aquila Rugby Club, che perde 10-39 (0-5) nell'esordio casalingo al “Fattori” contro il Petrarca Padova, che si dimostra più maturo e aggressivo.

Dopo il vantaggio per i neroverdi al secondo minuto, con un piazzato di Simone Matzeu, e una punizione fallita da Menniti-Ippolito, si mette subito male per il XV di Mercier e Niculae: al 7' Niccolò Fadalti si invola sull'ala e marca meta. Nella trasformazione la stessa ala patavina non trasforma. Il Petrarca gioca velocissimo con i suoi tre quarti: da azioni sulle ali nasce la seconda meta al 10' con Nostran, e la terza – cinque minuti più tardi – con Trotta: 3-17. Al 24', in una prima mezz'ora disastrosa per L'Aquila, arriva anche la meta del bonus offensivo del Petrarca: 3-24.

Con un gap pesante e tre quarti di partita da giocare i neroverdi iniziano a reagire: la mischia, dove partono dal primo minuto i neoacquisti Tamba e Badalicescu, mette in seria difficoltà gli avanti del Petrarca: il finale è convulso. Ben 10 mischie consecutive fischiate nella ventidue del Petrarca, con due gialli ai piloni tuttineri Iacob e Acosta e il pubblico che protesta rumorosamente contro la terna arbitrale per la mancata meta tecnica. Prima dell'intervallo, dopo dieci mischie e il gioco più volte interrotto, arriva la meta di Alessio Mattoccia. Con la trasformazione di Matzeu si va negli spogliatoi sul 10-24.

Il secondo tempo si apre ancora a vantaggio del Petrarca: Fadalti centra un piazzato e il neo entrato Ferraro va in meta dopo una maul. Sul 10-27 il risultato per i neroverdi è compromesso. C'è tempo per la meta tecnica della beffa, fischiata dall'arbitro Meconi, e seguita dalle proteste dei tifosi aquilani sugli spalti del “Fattori”. Poi, succede ben poco: finisce 10-39, dopo una gara non spettacolare.

“Non abbiamo giocato bene, e siamo partiti ancora peggio – dichiara a fine gara l'allenatore degli avanti Dragos Niculae – abbiamo una squadra molto giovane, e abbiamo fatto degli errori di esperienza”.

Sabato prossimo si replica al “Fattori”, con i neroverdi che affronteranno il Mogliano.


L'AQUILA RUGBY CLUB – PETRARCA PADOVA 10-39 (10-24)


Marcatori: 2' cp Matzeu (3-0); 7' m Fadalti (3-5); 10' m Nostran (3-10); 16' m Trotta tr Fadalti (3-17); 24' m Nostran tr Fadalti (3-24); 40' m Mattoccia tr Matzeu (10-24); 42' cp Fadalti (10-27); 45' m Ferraro (10-32); 52' m tecnica tr Fadalti (10-39).

L'AQUILA RUGBY CLUB: Biffi, Panetti (53' Ciofani), Erbolini (70' Angelini), Mattoccia, Perju, Matzeu (c), Carnicelli (53' Speranza), Ceccarelli, Gentile, Boccardo (60' Cecchetti), Sirbe, D'Onofrio (60' Cialone), Badalicescu (45' Subrizi), Marchetto (74' Di Valentino), Tamba (45' Breglia). All.: Mercier.

PETRARCA PADOVA: Menniti-Ippolito (33' temp. Bigoni), Fadalti, Favaro (50' Marcato), Benettin (55' Belluco), Rossi, Nikora, Su'a (50' Francescato), Conforti, Nostran, Salvetti (36' temp. Milani), Michieletto, Trotta, Bigoni (30' Iacob, 70' Acosta), Maistri (41' Ferraro), Acosta (58' Tveraga). A disp.: Giusti. All.: Cavinato.

Arbitro: Meconi (Roma)

Cartellini: 33' giallo Iacob (Padova); 36' giallo Acosta (Padova).

Man of the match: Melson Nikora (Padova)

Calciatori: Matzeu (L'Aquila) 2/2; Menniti-Ippolito (Padova) 0/1; Fadalti (Padova) 4/7;

Note: giornata di sole. Terreno in buone condizioni, spettatori 500 circa.

Punti conquistati in classifica: L'Aquila Rugby Club 0; Petrarca Padova 5.