Basket. Degrado e malfunzionamento al Palasport Via Elettra: i club chiedono chiarezza

Lettera congiunta dei 4 sodalizi cittadini all'assessore allo sport Diodati

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

25

Basket. Degrado e malfunzionamento al Palasport Via Elettra: i club chiedono chiarezza

PESCARA. Le società Amatori Basket Pescara, Pescara Basket, Phoenix Pescara e Yale Pescara hanno inviato all’Assessore allo sport del Comune di Pescara, Dott. Giuliano Diodati, una lettera in cui sollevano una serie di problematiche relative alla gestione ed all’utilizzo del Palasport di Via Elettra, principale impianto cittadino nel quale esse svolgono l’attività agonistica della pallacanestro con circa 800 tesserati.

In particolare le società richiamano in via ultimativa l’assessore competente sullo stato di ampio degrado e malfunzionamento della struttura, a partire (a titolo esemplificativo ma non esaustivo) dai frequentissimi guasti dell’impianto elettronico segnapunti e dalla ripetuta rottura dei tabelloni di cristallo e dei sostegni dei canestri. Ciò espone le società a sanzioni disciplinari ed economiche.

Ma soprattutto le società lamentano all’amministrazione cittadina l’ inopinato ulteriore aumento dei canoni per l’utilizzo del palasport per le ore di allenamento e (ancor più) per la disputa delle partite. Canoni che, già onerosissimi, hanno ora raggiunto livelli di totale insostenibilità per i bilanci delle società che, ricordiamo, attingono esclusivamente alle risorse interne dei soci appassionati ed alle quote delle famiglie dei giovani tesserati.

Nel sottolineare quindi l’assoluta valenza sociale delle proprie iniziative, che con grande sacrificio dei propri dirigenti ( a titolo assolutamente volontaristico) permettono da anni a migliaia di ragazzi e ragazze pescaresi di svolgere una bella e sana attività sportiva di squadra, le scriventi società ribadiscono che la mancanza di una rapida ed efficace soluzione delle problematiche le costringerebbe ad un doloroso quanto inevitabile disimpegno, la cui responsabilità ricadrebbe interamente in capo all’Amministrazione Comunale.