CALCIO

Nazionale. Un rigore di De Rossi stende la Bulgaria e avvicina gli Europei

Novanta minuti di qualità e quantità di Marco Verratti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

21

Nazionale. Un rigore di De Rossi stende la Bulgaria e avvicina gli Europei

PALERMO. Nella notte di Palermo l’Italia conquista tre punti d’oro contro la Bulgaria e ribadisce il primato in classifica del girone H con 18 punti, detenuto per poche ore dalla Norvegia, che nel pomeriggio aveva battuto la Croazia, rispettivamente seconda a quota 16 e terza a 14. Secondo successo nel giro di pochi giorni, stesso risultato di Firenze con Malta: stavolta a decidere è stato un rigore trasformato al 6’ del primo da Daniele De Rossi, protagonista anche in negativo per l’espulsione al 10’ della ripresa per fallo di reazione. 
Sei punti in due partite per un’Italia che avrebbe meritato altri gol, che ha creato molto e sciupato ancora di più. Conte lascia Pirlo in panchina e affida il centrocampo a De Rossi, con Verratti a destra e Paolo sulla fascia sinistra; in porta Buffon – che prima della partita ha ricevuto dal presidente della federazione bulgara Mikhail Kassabov un mazzo di fiori in omaggio alle sue 150 gare con maglia azzurra – in difesa Darmian e De Sciglio laterali con Bonucci e Chiellini centrali, in avanti il tridente Candreva-Pellè-El Shaarawy.
Ottima la partenza dell’Italia che, dopo una bella combinazione al 1’ Candreva-Pllè con rovesciata alta di El Shaarawy, ottiene al 4’ un calcio di rigore per un intervento irregolare di Veselin Minev su Candreva. De Rossi trasforma dagli undici metri spiazzando Mitrev, ma l’arbitro russo Karasev fa ripetere e al 6’ De Rossi realizza l’1-0 infilando all’angolino alla sinistra del portiere bulgaro, che intuisce senza arrivare sul pallone.
Azzurri più pimpanti rispetto alla gara di Firenze contro Malta, padroni del campo con un pressing asfissiante che mette più volte in difficoltà gli avversari. Un disimpegno sbagliato, però, rischia di mettere in pericolo al 18’ Buffon, che salva la porta con un intervento strepitoso su Micanski lanciato in contropiede. 
Poi, dal 26’ al 35’ ben tre occasioni per Pellè, che non riesce a centrare il bersaglio. Pericolosa sulle corsie laterali, l’Italia cerca il raddoppio, ma la stoccata vincente non arriva. E, dove mancano gli Azzurri di incisività, ci pensa Mitrev, come in occasione del tiro a botta sicura di Parolo al 45’.
La ripresa si apre con l’Italia all’attacco e ancora Mitrev devia su Parolo. Si susseguono le iniziative e le occasioni per gli Azzurri, ma al 10’ tanto l’Italia quanto la Bulgaria restano in dieci per l’espulsione di De Rossi e di Micanski, entrambi puniti per fallo di reazione. Conte passa al 4-4-1 con Candreva ed El Shaarawy esterni e Pellè unica punta. Scatenato El Shaarawy al 16’, con Mitrev che in uscita bassa chiude lo specchio della porta.

I primi due cambi da parte di Conte arrivano, a distanza di un minuto uno dall’altro, al 27’ e al 28’: Zaza al posto di Pellè e Florenzi per El Shaarawy. Il cittì posiziona Florenzi sulla destra davanti a Darmian e Candreva si sposta a sinistra.
Il caldo di Palermo e le energie spese nel primo tempo si fanno sentire sulle gambe degli Azzurri.  Mentre i bulgari si spingono in avanti alla ricerca del pareggio, al 41’ arriva la sostituzione di Candreva con Eder, che guadagna subito un calcio di punizione battuto con un tiro tagliato sul secondo palo da Florenzi per il colpo di testa alto di Bonucci. Ultimi spiccioli di gara per vedere protagonista Buffon al 47’ su un tiro potente, ma centrale, di Milanov.

ITALIA-BULGARIA 1-0 (primo tempo 1-0)


MARCATORI: De Rossi su rigore al 6’ p.t
ITALIA (4-3-3): Buffon; Darmian, Bonucci, Chiellini, De Sciglio; Verratti, De Rossi, Parolo; Candreva (dal 40’ s.t. Eder), Pellè (dal 26’ s.t. Zaza), El Shaarawy (dal 28’ s.t. Florenzi) (Sirigu, Padelli, Criscito, Barzagli, Soriano, Pirlo, Immobile, Gabbiadini, Vazquez). All. Conte.
BULGARIA (4-2-3-1): Mitrev; V.Minev, Aleksandrov, Bodurov, Y.Minev (dal 18’ s.t. Bandalovski); Dyakov, Chochev; Nedelev (dal 21’ s.t. Alexandrov), Popov (dal 26’ s.t. Rangelov), Milanov; Mitsanski (Makendzhiev, Terziev, Hristov, Manolev, Ivanov, Slavchev, Tonov, Zlatinski) All. Petev.
ARBITRO: Karasev (Russia).
NOTE - spettatori 21.000, incasso 218.430 euro.Espulsi De Rossi (reazione) e Mitsanski (gioco violento) al 10’ s.t.. Ammoniti: Y. Milnev, Rangelov, Diakov per gioco scorretto. Recuperi: 1’ p.t.; 4’ s.t.