Basket. Ottimo test per la Proger Chieti che supera 88-80 Jesi

Questa sera presentazione della squadra

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

24

Basket. Ottimo test per la Proger Chieti che supera 88-80 Jesi


JESI. Coach Galli replica e in avvio preferisce nello starting five ancora una volta Vedovato ad Allegretti.

Si ripete lo stesso canovaccio recitato con Falconara, nei primi 5’ la Proger va veloce come il Freccia Rossa e ai poveri malcapitati dello Jesi non resta che lo sconcerto e l’impotenza. Grandina sulle teste dei marchigiani, che incapaci di leggere la difesa delle Furie incassano un terrificante 18-0 di parziale. Abbott in versione Arsenio Lupin ruba palla e riparte, fa pentole e coperchi, difende e in sequenza realizza nove punti con canestri in entrata, in transizione e dalla lunga. Gli altri non stanno a guardare e anche Sergio, Vedovato e Armwood si iscrivono a referto. Quando Battisti realizza per i padroni casa i primi due punti per i tifosi locali è la fine di un incubo. Si è giunti al minuto cinque e a questo punto Galli mischia le carte, entra Sipala al posto di Abbott e Vedovato lascia il posto ad Allegretti. Chieti prende fiato e nel finale di quarto Jesi opera un parziale recupero. 

Si riparte con Piazza, Piccoli, Sipala,, Armwood e Allegretti, che inizia a carburare e a mettere in mostra tutta la sua capacità di produrre senza troppi fronzoli gioco e canestri. Jesi finalmente entra in partita e imbrocca un parziale di 8-0 che la richiama in partita. Proger in calo anche se è possibile ammirare nel finale di quarto un Armwood molto più inserito nel gioco rispetto a tre giorni fa. 

La fase di stanca prosegue anche nel terzo quarto, Galli osserva, esperimenta e impara, schierando quintetti di piena sperimentazione. L’intensità difensiva è ormai lontana parente della prima frazione di gioco e Jesi, guidata da un solista talentuoso come Greene riesce a limare progressivamente lo svantaggio sino ad annullarlo. 

Nel quarto periodo si torna finalmente a giocare una partita vera, anche perché nessuna delle due squadre ci sta a perdere. Tornano in campo Monaldi, Piccoli, Abbott, Allegretti e Armwood, che ripartono alla grande, riaprendo il gas a manetta. Una schiacciata stratosferica di Armwood rompe gli equilibri iniziali e Abbott torna a vestire la mantellina di Superman. Allegretti non gli è da meno, offrendo un repertorio di giocate di alta scuola. Si sbaglia qualche tiro di troppo ma si torna a difendere alla morte e Chieti progressivamente prende il largo. Un canestro da tre di Monaldi e un fallo antisportivo fischiato ai danni di Armwood chiudono definitivamente i giochi. 

La Proger prevale di otto lunghezze ma non è tanto il risultato a offrire spunti bene augurunti alla stagione della Proger quanto la volontà della sqiuadra di giocare coesa  e con tanta tanta determinazione. La condizione ancora precaria impedisce alle Furie di giocare tutta la gara a ritmi importanti ma è indubbio che anche la prova di Jesi sia stata un test al momento ampiamente superato.. 

Sono piaciuti, come detto, sia Abbott, mostratosi monumentale senza alcuna forzatura di gioco, che Allegretti, apparso in grande crescita di condizione. Passi avanti anche per Armwood che ha mostrato maggior applicazione e un atletismo d primo livello. Piccoli ha rivelato finalmente il suo patrimonio tecnico, anche se, come è del tutto coerente con la sua giovane età, ha alternato grandi giocate ad errori banali. Maturerà e alla svelta. Per gli altri vale il discorso di sempre che recita come in preparazione sia del tutto lecito mostrare una condizione altalenante. Una volta recuperata la brillantezza di Monaldi, Sergio e Vedovato ne vedremo delle belle. Questa squadra sa stare in campo e a prescindere dai suoi solisti gioca un buon basket. Il viaggio continua!  

Domani alle ore 20.00, presso Palazzo Lepri, la Proger si presenterà al suo pubblico e lo farà mostrando un viatico immacolato in un clima di cauto e ragionevole ottimismo. C’è tanta curiosità nei confronti di questa squadra, sarà l’occasione per avvicinarla e conoscerla da vicino. Tutti invitati, nessun escluso, c’è voglia di far festa prima di iniziare la fare sul serio. Non mancate questa occasione.


JESI Vs PROGER CHIETI 80-88 (14-25, 23-18, 26-19, 17-26). 

CHIETI: Abbott 18, Piazza 2, Allegretti 20, Marchetti, Sipala 1, Piccoli 7, Vedovato 5, Sergio 9, Monaldi 7, Armwood 19, Coach: M. Galli.

JESI: Greene 18, Picarelli 7, Santiangeli 18, Hunter 9, Paci 12, Gueye 10, Janelidze 2, Battisti 2, Moretti, Ciampaglia, Leggio 4, Scali, Lucarelli, Schiavoni. Coach: Lasi.