SERIE B

Delfino Pescara. Bjarnason sceglie il Basilea, Lapadula il Pescara... e Brugman?

Ufficiale: per il caso Catania la Serie B slitta a settembre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

282

Delfino Pescara. Bjarnason sceglie il Basilea, Lapadula il Pescara... e Brugman?

Brugman

PESCARA. Dopo lunghi giorni di stallo, caratterizzati soltanto da cessioni più o meno illustri, inizia finalmente a muoversi anche il mercato in entrata del Pescara. Dopo il fallimento del Parma infatti, Gianluca Lapadula ha firmato e ha allontanato tutte le voci circa un suo possibile passaggio in altra società. L'ex fantasista tra le tante del Nova Gorica però con ogni probabilità non ricomporrà il tandem devastante che ha trascinato il Teramo in Serie B insieme a Donnarumma. Il destino in biancazzurro del centravanti infatti è tutt'altro che scontato. Donnarumma è al centro dei desideri non soltanto del Diavolo ma anche della Salernitana e per buona pace dei tifosi abruzzesi il suo futuro sembra lontano dal Delfino. Piacciono (da settimane, ndr) Corvia, Galano, Dezi e Di Cesare ma di concreto al momento non c'è ancora molto. Su Dezi si attendono buone nuove dal Napoli che ovviamente è interessato a cedere il giocatore in prestito per fargli maturare esperienza.

Si è intanto chiusa la telenovela Bjarnason. Saltato nei giorni scorsi il suo trasferimento al Torino, il giocatore islandese ha scelto il Basilea (che ha offerto per il cartellino al Pescara gli stessi soldi dei granata, ndr) che ha sottoposto al centrocampista un ricco triennale da 750mila euro a stagione (il Torino aveva offerto al massimo 450mila, ndr).

Sempre in uscita è sempre più vicino il trasferimento di Brugman al Palermo. Sebastiani è irremovibile e ha chiesto 3 milioni di euro cash senza contropartite. I rosanero sembrano non voler andare oltre i 2 milioni ma la sensazione è che l'affare possa chiudersi in maniera positiva entro le prossime settimane.

Infine è ufficiale lo slittamento della Serie B (almeno) al 5 settembre. A comunicarlo il presidente della cadetteria Abodi, che vuol dare alla giustizia sportiva tutto il tempo per chiarire al meglio tutti i contorni della vicenda Catania. Gli etnei, infatti, non sono gli unici coinvolti in B, basti pensare alle 5 partite truccate prese in esame e alla situazione del Teramo (che aspetta fiducioso ulteriori indagini e il processo sportivo).

Andrea Sacchini