Basket Serie C Abruzzo. Penta Teramo ok col Magic Chieti

Sarà decisiva gara 3

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

986

Penta Basket

Penta Basket




ABRUZZO. Il Penta Teramo nel momento più importante della stagione sfata il tabù Magic Chieti e pareggia la serie di semifinale grazie al 86-69 che rimanda ogni verdetto alla "bella" di sabato prossimo a Chieti. Ottima prova quella messa in campo dai biancorossi di Gramenzi che se in attacco hanno messo in mostra le individualità di Cufari (Mvp della gara), Moretti ed Alassio, in difesa, lasciato sfogare Di Falco, hanno limitato il temuto Italiano a soli 3 punti.
Entrambe le panchine sceglievano di iniziare la gara con un quintetto basso, privandosi dei lunghi per giocare un basket più offensivo e spregiudicato. Con Negrini e De Lutiis ai box in casa Teramo e Salvatore in casa Magic Chieti, sono i cosiddetti outsider ad approcciare meglio la gara. Alassio con 4 punti era il topscorer in attacco molto ben distribuito (12-7 al 3'30") che costringeva gli ospiti a rincorrere fin dalle primissime battute. Il secondo fallo di Moretti complicava i piani di Gramenzi (12-12 al 5') che però trovava ottime risposte dal capitano Palantrani che si caricava i suoi sulle spalle (22-12 al 8'). Il Magic si dimostrava squadra tenace e ben allenata e nello spazio di 2' metteva a segno un parziale di 0-8 che riapriva la gara (22-20 al 10').

Il secondo quarto si apriva subito con una tegola per il Penta: Moretti commetteva il terzo fallo costringendo la panchina biancorossa a cambiare in corso d'opera il piano partita. Il dodicesimo punto di un chirurgico Di Falco portava gli ospiti in vantaggio (24-25); vantaggio prontamente rintuzzato da 5 punti del play Cufari (30-26). La tripla in chiusura di quarto di Palantrani mandava le due squadre negli spogliatoi sul punteggio di 42-34.
Il terzo quarto iniziava con un 0-12 di parziale del Magic Chieti (42-46 al 24') ai danni di un Penta rimasto praticamente negli spogliatoi. I primi punti teramani arrivavano dopo 5' ed erano una vera e propria boccata d'ossigeno (46-46). Moretti inventava allo scadere dei 24" un gioco da tre punti ed il Penta tornava in vantaggio togliendo molte delle certezze ai teatini che mollavano qualcosa in difesa. Moretti dominava sia in attacco che in difesa ed il Teramo metteva il piede sull'acceleratore concretizzando in meno di 5' un parziale di 16-6 che valeva il +10 (62-52 al 30').
Di Falco dopo un terzo quarto da spettatore nei primi due possessi dell'ultimo periodo metteva a segno due triple (62-58) che costringevano Gramenzi al time-out. Il Penta ne usciva alla grande ricominciando a macinare pallacanestro (69-60 al 33'). Le triple di Cufari e Moretti lanciavano il Teramo sul +12 (75-63 al 35') contenendo le sfuriate di un Di Falco letteralmente immarcabile. Il Penta ne aveva comunque di più e grazie alle magie di un tarantolato Cufari (28 punti a fine gara) gestiva il vantaggio fino al 86-69 che rimandava ogni verdetto a gara 3.