Rugby. In Serie B sconfitta pericolosa del Paganica. Serie C: ok Avezzano

Domenica aquilani attesi sul campo dell'Arezzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1419

Rugby. In Serie B sconfitta pericolosa del Paganica. Serie C: ok Avezzano




ABRUZZO. Un Paganica Rugby troppo contratto e poco attento nella gestione delle fasi decisive della partita perde 18-16 lo scontro diretto con la Union Viterbo, inanella la quarta sconfitta consecutiva tra le mura amiche e vede farsi più in salita la strada verso la permanenza in categoria.
Il Paganica conquista sì un punto di bonus difensivo ma, con il Viterbo che sale a quota 7, vede accorciato a 6 lunghezze il margine sulla zona pericolosa della classifica.
Fondamentale, a questo punto, sarà fare bottino pieno la settimana prossima sul campo del Vasari Arezzo.
In Toscana serviranno 15 uomini rispettosi delle regole ma pronti alla battaglia: uno spirito tratteggiato alla perfezione nel dipinto che l’artista Sergio Mastrantonio ha donato alla società rossonera nell’immediato post partita.
Classifica: Reno Bologna 31 punti; Modena 27; Vasari Arezzo 17; Polisportiva Paganica 13; Union Viterbo 7; Emergenti Cecina 3.
Prossimo turno (domenica): Viterbo-Emergenti Cecina; Vasari Arezzo-Polisportiva Paganica; Modena-Reno Bologna.

SERIE C. VINCE ANCORA L'AVEZZANO
Ed anche la partita con l’Arvalia Villa Pamphili viene archiviata con un successo.
Sul campo sintetico dei romani, davanti ad un folto pubblico ed in una giornata quasi estiva i ragazzi avezzanesi riescono a conquistare la vittoria mantenendo così la testa della classifica.
Ci si aspettava un match duro e così è stato con i capitolini che, memori della forza del reparto di mischia marsicano, schierano due piloni come seconde linee dando maggior peso al loro pack con l’intento di conquistare più palloni possibili da trasmettere alla veloce linea dei trequarti.
La buona intuizione dura per quasi tutto il primo tempo dove i gialloneri stentano ad imporre il proprio gioco con il reparto pesante, ma, appena finite le energie fisiche, i padroni di casa devono inchinarsi allo strapotere dei marsicani.
Passiamo alla cronaca: dopo pochi minuti abruzzesi in vantaggio grazie a due punizione di Roberto Lanciotti, reazione del Villa che, sfruttando la superiorità numerica grazie ad un giallo inflitto a Giovanni Ranalletta, costringono l’Avezzano a 10 minuti di arcigna difesa con ripetute azioni a pochi metri dalla linea di meta, ma il carattere e la determinazione dei gialloneri scongiurano l’eventuale segnatura.

Da questo momento il pallino del gioco torna nelle mani dei marsicani che da una touche conquistata a due mani mettono in atto una rolling maul che solo un evidente fallo avversario fa crollare a terra, decisione sacrosanta da parte del direttore di gara e meta tecnica assegnata, trasformazione in mezzo ai pali e parziale della prima frazione fissato sul 13 a 0.
Si torna in campo consapevoli di una probabile reazione dei padroni di casa che però non riescono a passare la metà campo per tutto il secondo tempo, controllo avezzanese e meta della sicurezza realizzata dalla seconda linea Antonio Cofini.
Triplice fischio finale e meritata vittoria dei ragazzi guidati da Corrado Di Stefano e Luca Terrenzio.
“Sapevamo che sarebbe stata dura ma siamo riusciti nell’impresa dimostrando di avere un grande carattere ed una giusta maturità sportiva – questo il commento dei due tecnici. Avevamo preparato l’incontro nei minimi dettagli e tutti i ragazzi hanno rispettato le direttive impartite. Ora ci aspettano altri quattro delicatissimi match, ma con la giusta umiltà ed il giusto allenamento potremmo arrivare in alto”.