Basket. Impresa Roseto ad Omegna: 90-93 il finale in rimonta

Ultimo quarto da sogno per gli abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1053

Basket. Impresa Roseto ad Omegna: 90-93 il finale in rimonta




OMEGNA. Roseto, dopo un finale al cardiopalma, sbanca il PalaBattisti per 90-93 e vince la sua 8^ ‘partita nelle ultime 11 uscite. Ottimo momento di forma per la Mec-Energy, che a Omegna, malgrado l’assenza di Jackson (ai box a causa di una contrattura muscolare), fornisce una prestazione da grande squadra, spinta da un Pitts micidiale, autore di 30 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, ma soprattutto degli ultimi 4 punti segnati dagli Sharks, decisivi per la conquista dei 2 punti.
Alla palla a due, Omegna parte con Cappelletti, Saddler, Conger, Masciadri e Iannuzzi. Roseto con Pitts, Moreno, Marini, Carenza e Bryan. Prima uscita stagionale da titolare per Carenza.
In avvio, sono Saddler e Cappelletti a sbloccare il punteggio per i padroni di casa, mentre Roseto risponde con Marini e Carenza, quest’ultimo alla sua prima uscita da titolare nello starting five di coach Trullo. Iannuzzi e Bryan danno avvio ad una bella sfida sotto le plance, con il capitano della Mec-Energy che porta i suoi sull’11-13 dopo i primi 5 minuti. Saddler non ci sta e chiude un mini parziale di 4-0, ma Bryan sembra inarrestabile: 10 punti nei primi 6 minuti per l’italo-dominicano. La Paffoni, tuttavia, prova a fuggire con le triple di Cappelletti e Masciadri (24-19). Marini, però, trova ben 6 punti consecutivi in meno di 60 secondi e accorcia fino al -1, prima del 28-25 infilato da Vildera, con cui vengono archiviati i primi 10 minuti. Roseto parte forte nel secondo quarto con un break di 0-7 (28-32), nuovamente con Marini in evidenza (10 punti in 11 minuti). Borra e Dip si iscrivono a referto, con i rosetani che provano a mantenere i due possessi di vantaggio nei confronti dei piemontesi. Trullo, che come già detto deve rinunciare a Jackson, pesca il “jolly” dalla panchina, con Bartoli che mette la tripla del 32-37. Magro vuole più intensità in campo e Gurini, appena entrato, trova la 4^ “bomba” per Omegna, che porta l’allenatore degli Sharks a richiedere time-out. E’ ancora Bartoli a pungere i locali, con la tripla del 35-40. I rossoverdi vanno in netta crisi contro la rapidità dei biancazzurri che, a 3’ dall’intervallo, toccano addirittura il +12 (38-50), propiziato da un Pitts scatenato, con 11 punti segnati tutti nel secondo quarto. Saddler e Iannuzzi fanno del loro meglio, per una Paffoni in palese difficoltà, ma Pitts non ne vuole sapere: altri 2 punti che gonfiano il devastante parziale rosetano della seconda frazione fino a 16-29, che significa dunque intervallo sul punteggio di 44-54. 

Dagli spogliatoi esce una Omegna rinvigorita dalla strigliata di Magro: 13-2 dei locali firmato Saddler-Conger, che allontana l’entusiasmo rosetano che si respirava sul parquet nel primo tempo. Sorpasso della Paffoni (57-56) che arriva nel momento di maggiore criticità per gli ospiti, complice anche l’assenza di un giocatore fondamentale come Jackson. Iannuzzi sale in cattedra e Trullo deve continuare a combattere un terzo quarto molto complicato in attacco. Squadre a riposo per l’ultimo mini intervallo sul 72-67. Negli ultimi e decisivi 10 minuti, Roseto, con Pitts, si riporta sul -1, ma Smorto allontana gli Squali sul 78-74. Omegna controlla il vantaggio, ma i ragazzi di Trullo non mollano e con Pitts e Bryan tornano a controllare la gara sul’87-89, quando siamo ad un minuto dalla sirena. Le squadre sono nervose, così Roseto si affida all’esperienza di Bryan, che dalla lunetta consegna alla Mec-Energy una lunghezza di vantaggio (88-89), a 15 secondi dalla fine, con Trullo che chiama minuto. Finale thrilling: Iannuzzi schiaccia il 90-89, ma Pitts infila il controsorpasso, per poi subire fallo a seguito di una palla persa di Cappelletti. Sangue freddo per l’americano del Roseto, che fa 2 su 2 e chiude la partita fissando il risultato sul 90-93. Gioia incontenibile per la Mec-Energy, che sbanca il PalaBattisti e vince l’8^ partita nelle ultime 11 uscite. Nel prossimo impegno di sabato 4 aprile (ore 20:30), Bryan e compagni, che grazie alla vittoria di ieri hanno agganciato (e superato) Omegna in classifica a quota 26 punti, sfideranno Latina tra le mura amiche del PalaMaggetti. Archiviato l'impegno coi laziali, la Mec-Energy andrà in trasferta a Ravenna (l'ultima prevista dal calendario), per poi, venerdì 17 aprile, salutare la stagione 2014/2015, in casa, contro Legnano.

PAFFONI OMEGNA – MEC-ENERGY ROSETO: 90-93
OMEGNA: Resca ne, Iannuzzi 21, Vildera 2, Cappelletti 12, Conger 17, Masciadri 5, Oglina ne, Gurini 8, Dip 2, Smorto 6, Saddler 17. All.: Magro
ROSETO: Pitts 30; Borra 9; Ferraro 2; Bartoli 9; Marini 11; Janelidze 2; Carenza 3; Bryan 15; Jackson ne; Moreno 12. All.: Trullo.
ARBITRI: Scudiero-Salustri-Barilani
NOTE: parziali: 28-25; 16-29; 28-13; 18-26. OMEGNA: tiri totali 31/67; tiri da tre 9/24; tiri liberi 19/25; rimbalzi offensivi 11; rimbalzi difensivi 20. ROSETO: tiri totali 35/76; tiri da tre 6/25; tiri liberi 17/22; rimbalzi offensivi 18; rimbalzi difensivi 20.