CALCIO

Serie B. Pescara in vena di regali. In superiorità numerica fa 2-2 a La Spezia

Melchiorri e Brugman prima della doccia gelida del pari di Stevanovic

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1150

Serie B. Pescara in vena di regali. In superiorità numerica fa 2-2 a La Spezia

LA SPEZIA. Punto amaro per il Pescara che non va oltre il 2-2 a La Spezia nonostante la superiorità numerica per tutto il secondo tempo.
Nei primi 45 di gioco decisamente meglio lo Spezia, capace di schiacciare il Pescara nella propria metà campo e creare diverse chance (un paio clamorose, ndr) per sbloccare il punteggio. Biancazzurri non pervenuti dalla metà campo in su, con le 2 punte male appoggiate da un centrocampo contratto e privo di idee.
Col passare dei minuti Pescara più lucido ed al 33esimo la solita giocata di Melchiorri vale il vantaggio. 1-0 vanificato a fine frazione dalla gemma su punizione di Brezovec.
Nella ripresa pronti, via e subito Spezia in inferiorità numerica per l'espulsione di Giannetti.
L'espulsione cambia l'inerzia della gara ma nell'immediato non in favore del Pescara, in continuo affanno e vicino alla capitolazione in 2 occasioni. Poi all'undicesimo il duo Melchiorri-Brugman incenerisce Chichizola per il sorpasso. Sembra fatta ed il Delfino sfiora anche la terza marcatura prima della doccia fredda del pari finale di Stevanovic.
L'avvio del Pescara è il solito: lento, compassato e tutt'altro che efficace. Meglio lo Spezia per velocità della manovra e tentate verticalizzazioni per le punte. Prima vera chance da rete al minuto 18. Splendida giocata di Brezovec che dal limite a botta sicura trova la decisiva opposizione di Fornasier.
Clamorosa chance ancora per lo Spezia al minuto 20. Corta respinta di Fiorillo, palla che termina sui piedi di Catellani che a porta vuota trova nuovamente l'opposizione decisiva di Fornasier appostato sulla linea di porta. Poi De Las Cuevas spara sul fondo.
Al 23esimo altro spunto di Situm che da posizione decentrata sfiora il palo.
Al 26esimo primo squillo del Pescara con Sansovini, che dai 20 metri spalle alla porta si gira ma non inquadra lo specchio.
Al 28esimo altro tentativo da fuori di Zuparic che trova la pronta opposizione di Chichizola.
Al 33esimo il vantaggio del Pescara. Passaggio illuminante in profondità di Brugman per Melchiorri che appena dentro l'area fulmina Chichizola.
Nel finale grande pressione dello Spezia, che in pieno recupero trova il punto del pari. Caldio di punizione da oltre 25 metri di Brezovec che cerca e trova l'incrocio: 1-1 giusto al riposo. 

Nella ripresa succede di tutto nei primi 2 minuti. Prima lo Spezia protesta per un presunto rigore non concesso per intervento di Salamon su Situm, poi al secondo lo Spezia resta in 10. Fallo inutile e pericoloso di Giannetti (già ammonito nel primo tempo, ndr) su Zuparic e rosso per l'attaccante bianconero.
Nonostante l'inferiorità numerica è lo Spezia al quinto a sfiorare il vantaggio. Cross col contagiri di Brezovec per la testa di Datkovic che anticipa Fiorillo ma non inquadra il sette.
Al decimo decisivo Fiorillo su tentativo dal limite di Catellani.
All'undicesimo il vantaggio (immeritato, ndr) dei biancazzurri. Straordinario Melchiorri che porta a spasso mezza difesa prima di servire un pallone facile facile per Brugman: 1-2.
Al 24esimo errore di Chichizola e Melchiorri a porta vuota spara addosso ad un difensore spezzino.
Gol mangiato, gol subito. Al 35esimo il Pescara paga a caro prezzo l'incapacità di non aver chiuso la partita. Stevanovic è il più lesto di tutti ad insaccare sugli sviluppi di un calcio d'angolo.
Nel finale inutile la pressione del Pescara.
Giovedì turno pre-pasquale allo stadio Adriatico contro il Brescia.

SPEZIA-PESCARA 2-2 (primo tempo 1-1)
MARCATORI: 33'pt Melchiorri (Pe); 46'pt Brezovec (Sp); 11'st Brugman (Pe); 35'st Stevanovic (Sp).
SPEZIA (4-2-3-1): Chichizola; Milos, Valentini, Datkovic, Luna (22'st Nenè); Juande, Brezovec; De Las Cuevas (32'st Kvrzic), Catellani, Situm (27'st Stevanovic); Giannetti. A disposizione: Nocchi, Acampora, Cisotti, De Col, Gagliardini, Madonna, Piccolo. Allenatore: Bjelica.
PESCARA (4-4-2): Fiorillo; Pucino, Salamon, Fornasier, Rossi (36'st Pasquato); Politano (27'st Gessa), Brugman, Zuparic, Zampano; Melchiorri, Sansovini (21'st Pettinari). A disposizione: Aresti, Abecasis, Caprari, Paolucci, Selasi, Torreira. Allenatore: Baroni.
ARBITRO: Renzo Candussio della sezione di Cervignano del Friuli (Del Giovane-Carbone).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 7mila spettatori (200 circa da Pescara). Ammoniti: Salamon, Giannetti, Brugman, Fornasier, Catellani, Juande, Gessa. Espulso: 2'st Giannetti (Sp).

Andrea Sacchini