CALCIO

Serie B. Pescara-Bari termina 0-0 con poche emozioni e tanti sbadigli

Una traversa di Galano ed un tiro di Bjarnason. Poi il nulla

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1422

Serie B. Pescara-Bari termina 0-0 con poche emozioni e tanti sbadigli
PESCARA. Il Pescara delude l'Adriatico e non va oltre lo 0-0 casalingo contro il Bari.
Un passo indietro rispetto le ultime 4 giornate, con i biancazzurri protagonisti di una prova opaca contro un Bari ben quadrato in difesa ma apparso tutt'altro che trascendentale.
Gara estremamente tattica ed avara di particolari emozioni nei primi 45 di gioco. Leggermente più gradevole la ripresa, con il Pescara che non è riuscito a creare seri grattacapi alla porta di Guarna ed il Bari che ne ha approfittato soprattutto in avvio con una traversa di Galano. Non pervenuto il Pescara, del quale si ricorda soltanto una conclusione di Bjarnason nel finale.
Si fanno preferire gli abruzzesi in avvio, con alcuni buoni spunti e situazioni pericolose al limite dell'area. Al decimo punizione dal limite di Pasquato che alza troppo la mira.
Col passare dei minuti i biancazzurri diventano più confusionari ed incapaci di creare seri pericoli dalle parti di Guarna. Stesso discorso per il Bari, preoccupato più alla fase di non possesso che a quella offensiva.
Al 35esimo velenosa combinazione Galano-Caputo con la retroguardia abruzzese che libera con qualche difficoltà di troppo. Al 37esimo destro larghissimo di Galano dal limite.
Nella ripresa parte meglio il Bari, vicinissimo al vantaggio con la prima vera occasione da gol della gara. Galano riceve palla, si gira e dal limite di interno scheggia la traversa.
Al decimo grandi proteste del Pescara per un presunto fallo in area sullo scatenato Melchiorri. Per Fabbri di Ravenna però è tutto regolare.
Poi mezz'ora di nulla con un susseguirsi di errori (anche banali, ndr) da una parte e dall'altra con 0 tiri in porta e tanti sbadigli. Al 43esimo ci prova Bjarnason a risvegliare l'Adriatico ma la sua conclusione da posizione decentrata termina sull'esterno della rete complice una deviazione decisiva di Guarna.
Sabato altra gara delicata in ottica play-off sul campo dello Spezia.

PESCARA-BARI 0-0 (primo tempo 0-0)
MARCATORI: nessuno.
PESCARA (4-4-2): Fiorillo; Pucino, Salamon, Zuparic, Rossi; Pasquato (17'st Caprari), Memushaj, Brugman, Bjarnason; Melchiorri, Sansovini (35'st Pettinari). A disposizione: Aresti, Fornasier, Abecasis, Venuti, Vrdoljak, Torreira, Paolucci. Allenatore: Baroni.
BARI (4-3-3): Guarna; Sabelli, Rinaudo, Contini, Calderoni (22'st Defendi); Schiattarella, Romizi, Bellomo; Galano, Caputo (33'st Ebagua), Boateng (18'st De Luca). A disposizione: Donnarumma, Salviato, Donati, Benedetti, Filippini, Ebagua, Rada. Allenatore: Nicola.
ARBITRO: Michael Fabbri della sezione di Ravenna (Peretti-Tolfo).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 11mila spettatori. Ammoniti: Sabelli, Romizi, Melchiorri, Bjarnason. Espulsi: nessuno.

Andrea Sacchini