Basket. La Proger Chieti è già in A2 ma onora il campionato: 80-72 al Piacenza

Successo meritato. Piacentini vicinissimi alla retrocessione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1291

Basket. La Proger Chieti è già in A2 ma onora il campionato: 80-72 al Piacenza




CHIETI. Si sveglia troppo tardi la Pallacanestro Piacentina a Chieti e torna a casa con l’ennesima sconfitta di una stagione che sembra non voler cambiare verso. L’ultimo quarto di grande intensità e grande vitalità non basta ad una squadra che nei primi tre quarti difende male e subisce Chieti che si porta su un più 19 che sembra poter chiudere la partita. E’ li che Piacenza dimostrando voglia di lottare rientra canestro dopo canestro arrivando a 2 minuti dalla fine a meno 4 ma ai biancorossi manca il guizzo decisivo per rientrare definitivamente in partita. Piacenza recrimina sull’enorme differenza di viaggi in lunetta (19 contro 9) concessi dalla terna arbitrale.
Coachi Sodini parte con Gasparin, Stefanini, Rombaldoni, Sorokas e Zozic. La sorpresa è per l’esordio in quintetto di Stefanini schierato subito per marcare il pericolo numero uno Sollazzo. E’ Piacenza a trovare i primi due punti con Zizic che appoggia a canestro un assist di Gasparin. I biancorossi entrano meglio in partita e provano l’allungo con la tripla di Sorokas che porta il vantaggio sul + 4 (5-9) ma in un minuto Chieti ribalta il risultato con un parziale di 11-2 grazie a tre triple consecutive che costringono coach Sodini al time out. La pausa dà la giusta carica a Piacenza ed iniziano i cambi con Rossetti che porta Piacenza sul meno 1. (19-18). A due minuti dalla fine entra anche Becirovic che in settimana causa influenza si era allenato poco trovando subito una tripla che impatta sul 21 pari. Nell’ultimo minuto Chieti trova la quinta tripla su sei tentativi ed allunga chiudendo il quarto sul più 5 (26-21) primo allungo che risulterà quello decisivo nell’economia della partita.

Nel secondo quarto è subito Becirovic a segnare i primi due punti. Due falli di Gasparin in venti secondi e Piacenza è già in bonus dopo 2’20 del secondo quarto. Piacenza trova buoni canestri ma non difende bene e Chieti trova quasi sempre il canestro soprattutto dalla lunga distanza mettendo 9 punti tra se e Piacenza (42-33). E’ il momento più difficile per i biancorossi che sbagliano tre canestri nella stessa azione e nell’azione successiva trovano uno zero su due ai liberi da Sorokas. Cheti non ricambia gli stessi errori e ne approfitta per allungare sul +15. I quattro minuti di assenza dal canestro sono chiusi da Becirovic che insieme a Gasparin trovano un mini parziale di 5-0 che costringe coach Galli a chiamare time out. I padroni di casa ritornano mentalmente sulla partita e chiudono sul +13 che porta le squadre negli spogliatoi. La differenza sono le palle perse 6 Piacenza contro 1 Chieti, le triple 7 contro 4 sempre a favore dei padroni di casa ed i falli 7 Chieti contro i 13 di Piacenza che portano 8 tiri liberi in più alla squadra di casa.
Si riparte con Gasparin, Stefanini, Rombaldoni, Rossetti e Zizic. Monaldi con la ottava tripla di squadra apre i giochi della ripresa subito seguito da Rombaldoni. Piacenza arriva a meno 11 con Stefanini ma lui, Gasparin e Rombaldoni sono già gravati di tre falli. Come ogni volta sembra potersi riaprire la partita la bomba di Chieti ed una palla persa rimettono immediatamente 16 punti tra le due squadra punteggio che rimane praticamente inalterato fino a fine quarto che si chiude con Chieti in pieno controllo della partita (69-54).

Anche l’ultimo quarto di apre con il canestro di Becirovic che viene subito raddoppiato dallo sloveno di passaporto italiano costringendo Galli all’immediato time out. E’ ancora Piacenza a recuperare una palla ed a trovare due punti con Stefanini che diminuisce il distacco sotto i 10 punti (69-60). C’è solo in campo Piacenza che arriva con un parziale di 10-0 sul meno 5. Chieti trova il primo canestro dopo 4’20 e riallunga subito sul +9. Ancora Piacenza che con una tripla del capitano a 2’30 dalla fine arriva a meno 4. (73-69). Ancellotti ridà ossigeno ai suoi ma il canestro più fallo di Monaldi che chiude di fatto una partita che si era riaperta.

PROGER CHIETI-BAKERY PIACENZA 80-72 [26-21, 25-17 (51-38), 18-16 (69-54), 11-18]
Proger Chieti: Hamilton 19 (34:42, 4/7, 2/3), Cinalli (0:56), Palermo 11 (21:30, 3/3, 1/3), Marchetti (2:44), Paesano 1 (11:36, 0/3), Ancellotti 4 (35:56, 1/3), Sergio 15 (30:10, 2/2, 3/6), Monaldi 18 (32:13, 4/7, 3/7), Di Giacomo (1:20), Sollazzo 12 (28:49, 3/11, 1/3). All.: Galli
Bakery Piacenza: Galli 0 (6:52, 0/1 da tre), Rombaldoni 16 (28:13, 2/7, 4/6), Becirovic 16 (24:43, 4/11, 2/4), Stefanini 10 (23:59, 4/8), Sorokas 7 (25:39, 2/3, 1/2), Zizic 10 (24:18, 3/8, 1/1), Gasparin 6 (24:51, 3/4, 0/2), Rossetti 4 (25:40, 2/2, 0/1), Infante 3 (15:41, 1/4) N.E.: Mazzocchi. All.: Sodini.
Arbitri: Pepponi, Capurro e Raimondo.
Note - Tiri Liberi: Chieti 16/19, Piacenza 6/9. Rimbalzi: Chieti 31 (6 off), Piacenza 33 (6 off.). Assist: Chieti 8 (Palermo e Sollazzo 2), Piacenza 17 (Rombaldoni, Becirovic 5). Spettatori 1500.