Delfino Pescara. Col Catania “nel ricordo” di Bergonzi. Baroni: «ritroviamo lo spirito giusto»

Oggi una Virtus Lanciano in grande salute fa visita al Bari

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2070

Delfino Pescara. Col Catania “nel ricordo” di Bergonzi. Baroni: «ritroviamo lo spirito giusto»




ABRUZZO. La sfida tra abruzzesi e siciliani da quel lontano maggio 2002 non è mai stata una gara come tutte le altre. L'allora Pescara dell'indimenticabile Pietro Scibilia, reduce da un buon campionato di Serie C1 concluso in zona play-off, dopo aver superato il Catania per 1-0 nell'andata delle semifinali perse la gara di ritorno per 1-0 per effetto del gol di Cicconi. Protagonista assoluto dell'incontro fu Bergonzi di Genova, che convalidò la rete dell'attaccante rosso-azzurro in nettissima posizione di fuorigioco nonostante la presunta segnalazione del guardalinee. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti ma il pubblico di fede biancazzurra non ha mai dimenticato quel triste pomeriggio di maggio, che consegnò ingiustamente la finale promozione in B agli etnei.
Allo stadio Adriatico il 2 manca oramai da ben 10 anni (dicembre 2005, 1-0 con gol di Spinesi, ndr). Nel complesso in cadetteria 10 confronti tra le 2 squadre con 3 vittorie del Pescara, ben 6 pareggi ed un'affermazione del Catania.
«La squadra sta bene» – ha raccontato nella consueta conferenza stampa della vigilia il tecnico Marco Baroni – «ci sono partite come questa nelle quali avverti un po' più di tensione ma è il nostro lavoro. Quando ci sono gare come queste la cosa importante è richiamare lo spirito e la determinazione. Queste sono le componenti che ti aiutano ad uscire da ogni situazione difficile».
Catania può essere decisiva per il futuro dell'ex tecnico della Virtus Lanciano: «Io non sono mai agitato. Il nostro lavoro dà spazio al presente. Bisogna pensare soltanto alla gara senza pensare ad altre cose. Accetto la critica ma non posso perdere energie in cose che non posso modificare. Io cerco di lavorare soltanto sulla squadra. I pensieri e le energie della mia settimana sono state spese tutte sul campo di allenamento».
Il Catania è un avversario che incute rispetto, non timore: «Non voglio guardare molto l'avversario perché sappiamo il loro valore tecnico e l'importanza della posta in palio. Ci sono giocatori di grandi qualità e la società Catania in gennaio ha fatto di tutto per diminuire il gap con le altre squadre. In campo però sarà l'atteggiamento quello che può fare la differenza. I ragazzi sanno benissimo cosa voglio, dobbiamo centrare la prestazione dal punto di vista del coraggio e temperamentale».
Nelle ultime gare il tecnico biancazzurro è stato bersaglio della critica per alcune scelte cervellotiche della formazione iniziale. Esperimenti, come quello di Pettinari col Trapani e Caprari con il Latina che non hanno affatto convinto«Non ho fatto nessun tipo di esperimento. Dobbiamo smetterla di vedere i giocatori sostituiti come bocciati. Serve un buon numero di giocatori pronti per la partita ed abbiamo una rosa ampia. La formazione? Pasquato ha buone possibilità di giocare dall'inizio, come Sansovini. Sono in dubbio perché entrambi stanno meglio ma Pasquato al momento lo vedo in leggero vantaggio».
Tornerà Maniero dopo il discusso trasferimento di gennaio in Sicilia: «Nel calcio queste cose fanno parte della nostra professione. Di lui abbiamo parlato molto ed ora fa parte del passato. Sicuramente ci saluteremo a fine gara».

OGGI IN CAMPO LA VIRTUS LANCIANO A BARI (ORE 18,00)
Consueto turno al sabato alle ore 18,00 invece per la Virtus Lanciano che dopo il convincente successo di una settimana fa al Biondi col Brescia farà visita ad un Bari in piena crisi d'identità e risultati. Buone notizie per il tecnico Roberto D'Aversa che potrà contare quasi sull'intera rosa a propria disposizione eccezion fatta Nicolas, che verrà sostituito tra i pali da Aridità.
Campo maledetto quello del San Nicola per i colori rossoneri. Nei 2 precedenti in B infatti tutte sconfitte per i frentani. Clamorosa quella di 2 anni fa (4-3 con Gautieri in panchina, ndr) dopo un vantaggio di 3 reti alla fine del primo tempo.
Il mister rossonero ha convocato i portieri Aridità e Petrachi; i difensori Aquilanti, Mammarella, Troest, Amenta, Conti, Ferrario e Nunzella; i centrocampisti Vastola, Paghera, Grossi, Di Cecco, Bacinovic, Agazzi e Pinato; gli attaccanti Turchi, Monachello, Thiam, De Silvestro, Cerri e Gatto.
L'allenatore del Bari Davide Nicola ha invece chiamato 22 calciatori per il match del San Nicola: i portieri Guarna, Donnarumma e Micai; i difensori Sabelli, Salviato, Rinaudo, Benedetti, Contini, Filippini, Rada, Camporese e Calderoni; i centrocampisti Romizi, Donati, Minala, Schiattarella e Bellomo; gli attaccanti Boateng, De Luca, Galano, Ebagua e Caputo.
Bari-Virtus Lanciano verrà diretta da Claudio Gavillucci della sezione di Latina. Guardalinee Maurizio De Troia e Marco Zappatore. Fischio d'inizio oggi pomeriggio alle ore 15,00 allo stadio San Nicola di Bari.

Andrea Sacchini