Basket. Roseto superstar anche a Treviglio. 85-90 il finale

Domenica prossima c'è Scafati in casa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1209

Basket. Roseto superstar anche a Treviglio. 85-90 il finale


TREVIGLIO. La Mec-Energy Roseto compie una incredibile impresa, sbancando il campo della seconda classificata Treviglio (che finora era caduta una sola volta in casa, sconfitta da Ravenna) con il risultato di 85-90. Le due squadre hanno dato vita a una gara elettrizzante e decisa solo negli ultimi secondi dalla freddezza dei biancazzurri, che dalla lunetta hanno scavato il solco decisivo. Seconda vittoria consecutiva dunque, per un Roseto che sta viaggiando su ritmi altissimi: nelle ultime 5 uscite, gli Sharks hanno vinto ben 4 gare, 2 delle quali in trasferta (a Treviso e a Treviglio!). Dato curioso: dopo aver espugnato il PalaVerde di Treviso (che aveva perso una volta in casa), Roseto si ripete al PalaFacchetti, condannando i lombardi alla seconda sconfitta stagionale. Dopo la stoccata rifilata a Piacenza domenica scorsa, gli Squali mordono Treviglio e conquistano la 9^ vittoria stagionale, salendo a quota 18 punti in classifica. Grazie ai risultati degli altri campi, Roseto aggancia Legnano a 18 punti, a pari merito però con Latina e Scafati (vincenti questa sera rispettivamente con Treviso e Imola), ma distanzia Matera (14 punti), sconfitta in casa per mano di Ferrara, e Piacenza (8 punti), che ha rimediato un ko casalingo con Ravenna. Un weekend molto positivo in tema salvezza.
Tornando alla gara del PalaFacchetti, da segnalare l’ottimo esordio in maglia biancazzurra per Jacopo Borra, autore di 17 punti e 8 rimbalzi. Borra ha indubbiamente aiutato la formazione rosetana, andando a completare un reparto lunghi ormai più che temibile: ben 37 punti sono giunti dalle mani dei 4 “lunghi” della Mec-Energy (Borra, Bryan, Ferraro e Janelidze). Roseto, che era finito sotto di 7 punti nel corso del 3° quarto, ha trovato la forza di non mollare, per poi decidere l’incontro con l’esperienza di Jackson e la personalità di Moreno (18 e 19 punti). Un Roseto che merita applausi per l’impegno messo in campo, in una stagione che non era iniziata positivamente con quello 0/5 di ottobre 2014: i tifosi però hanno dato fiducia ad un gruppo coraggioso, che ha guardato in faccia la realtà, scegliendo di lottare per emergere e per ora sta rispondendo alla grande.

Alla palla a due, coach Vertemati schiera Marino, Carnovali, Kyzlink, Gaspardo e Rossi. Coach Trullo risponde con Pitts, Jackson, Moreno, Janelidze e Bryan. Partita che scorre sui binari dell’equilibrio, con la Remer che si affida principalmente al tiro da fuori (Gaspardo con 2/2) e alla fisicità di Rossi, mentre Roseto punge con Bryan (7 punti nel primo quarto per il capitano degli Sharks). Molto bene anche Pitts tra gli ospiti, che serve assist e crea problemi in penetrazione. Dal 10-11 del 5’, il primo quarto si chiude in favore degli Sharks sul 19-21.
La partita si accende nel secondo quarto, con Carnovali e Sabatini che aiutano i locali a fuggire per la prima volta sul doppio possesso di vantaggio. Roseto si blocca in attacco per un paio di minuti e in difesa commette diversi falli mandando ripetutamente Marino e compagni in lunetta. Treviglio prova ad approfittarne, ma una tripla di Moreno allo scadere ricuce le distanze sul 41-40 con cui si chiude il primo tempo.
Alla ripresa, la Remer è determinata ad imporre la propria pallacanestro, fatta di ritmi elevati, mentre la Mec-Energy fatica più del solito ad inventare qualcosa in attacco, complice anche il 4° fallo di Pitts, costretto alla panchina. Ne segue che in 5 minuti, Bryan e compagni segnano appena 2 punti, ma i padroni di casa non sfruttano l’occasione, restando sopra “solo” di 7 lunghezze (49-42). Gli abruzzesi però non ci stanno, e con Moreno e Ferraro restano in scia dei trevigliesi, andando a riposo per l’ultima pausa sotto di 4 (65-61).
Gli ultimi e decisivi 10 minuti minuti, si aprono con la grinta dei rosetani che in pochi minuti, grazie ad un parziale di 7-11, impattano sul 72 pari, costringendo coach Vertemati a chiamare time-out. Dopo il time-out si apre un botta e risposta destinato a durare fino alla fine dell’incontro e, nonostante l’uscita anticipata di Pitts per somma di falli (gara fatta di ottime letture per il play americano, molto brillante in fase di costruzione), i rosetani si impongono con Moreno e Jackson, protagonisti assoluti con 2 triple pesantissime infilate negli ultimi 2 minuti, a cui Marino (forse il migliore tra i suoi) e Carnovali non hanno saputo rispondere. Negli ultimi secondi, con Treviglio sotto di 3, Carnovali spreca malamente una possibilità di tornare in parità, e poi Jackson dalla lunetta non sbaglia e chiude l’incontro.
Al PalaFacchetti finisce 85-90, con i giocatori rosetani che al suono della sirena si sono lasciati andare ad un urlo liberatorio, dopo 40 minuti ad alta tensione. Grande prova della Mec-Energy che ora si prepara alla prossima sfida di campionato, prevista per domenica 15 febbraio 2015, quando, alle ore 18:00, ospiterà Scafati al PalaMaggetti, per un’altra gara che si preannuncia più che affascinante.

REMER TREVIGLIO – MEC-ENERGY ROSETO: 85-90
Treviglio: Sabatini 8, Marusic 3, Kyzlink 12, Slanina 2, Gaspardo 15, Marino 18, Permon ne, Beretta ne, Carnovali 19, Rossi 6, Turel 2, All. Vertemati
Roseto: Pitts 11, De Dominicis ne, Borra 17, Ferraro 7, Bartoli 3, Marini 2, Janelidze 6, Bryan 7, Jackson 18, Moreno 19, All. Trullo
Arbitri: Galasso, Grigioni, Raimondo
Note: parziali 19-21, 41-40, 65-61, 85-90. Usciti per 5 falli: Moreno e Pitts (Roseto). Falli tecnici: Turel (Treviglio). Turno di A2 Silver: 21°. Luogo: PalaFacchetti di Treviglio. Spettatori: 1555. Treviglio: 25/74 al tiro, 16/35 da 2, 9/39, 26/30 ai liberi, 44 rimbalzi (16 off), 10 assist, 7 perse, 2 recuperate, 87 di valutazione. Roseto: 30/62 al tiro, 21/40 da 2, 9/22 da 3, 21/26 ai liberi, 35 rimbalzi (4 off), 16 assist, 10 perse, 4 recuperate, 91 di valutazione.