SERIE B

Delfino Pescara. Baroni punta il Trapani ma non è sereno: «le voci ci hanno destabilizzato»

Post-Maniero: non solo Ferrari, lunga la lista dei papabili

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2147

Delfino Pescara. Baroni punta il Trapani ma non è sereno: «le voci ci hanno destabilizzato»

PESCARA. Con un occhio al mercato di riparazione invernale e con uno al campo, il Pescara è partito nel primo pomeriggio alla volta di Trapani in vista della ripresa del campionato di B di domani. Trasferta ostica per gli abruzzesi, che cercheranno di uscire indenni da un campo non facile che fin'ora ha visto i siciliani mai imbattuti (7 vittorie e 3 pareggi, ndr) e protagonisti sempre di prestazioni sopra le righe per qualità e sostanza.
Alla vigilia il tecnico Marco Baroni ha messo in guardia i suoi sui pericoli rappresentati dall'avversario e dalla lunga sosta natalizia: «ricominciare su di un campo difficile come quello di Trapani non va a nostro vantaggio. Serve il giusto atteggiamento propositivo senza paura. Loro sono una buona squadra che gioca bene e che ha creato difficoltà a chiunque in questi 2 anni. Ma noi dovremo fare la nostra partita».
«Il mercato?» – prosegue il tecnico biancazzurro – «direi una bugia se dicessi che non ci ha destabilizzato in questi giorni. Sappiamo però come vanno queste cose e dobbiamo essere bravi ad essere più forti di voci ecc».

Diverse ancora le assenze: «non sono stati convocati Grillo, Salamon e Lazzari e poi Pesoli, che ha avuto un problema muscolare. Davanti ci sarà Pasquato mentre in difesa vedrò chi tra Pucino e Cosic offrirà maggiori garanzie».
Con il caso Maniero risolto positivamente per entrambe le parti (il Pescara ha ricevuto un indennizzo importante per un giocatore in scadenza di contratto e l'attaccante ha firmato il contratto della vita con un club importante che mira al ritorno in Serie A, ndr), per il sodalizio biancazzurro è tempo di trovare un valido sostituto. Ascoltato il parere di mister Baroni, che ha chiesto un giocatore anche poco appariscente capace di sacrificarsi per la squadra, è balzato agli occhi il profilo di Nicola Ferrari. Il possente attaccante del Modena, classe 1983, non è una prima scelta del proprio tecnico Novellino (soltanto 13 presenze con una rete dopo una stagione in chiaroscuro in prestito dall'Hellas Verona allo Spezia. Ferrari però è ambito anche da altri club di Serie B, Latina in primis.

Sul taccuino del duo Pavone-Repetto anche Caracciolo e Galabinov. Più indietro Ardemagni. Per il ruolo di terzino è spuntato il nome dell'ex Andrea Rossi (l'anno scorso in biancazzurro ed in prestito quest'anno a Latina via Parma, ndr), che chiuderebbe ben volentieri la stagione con la maglia del Pescara.
L'arrivo infine di Rea è legato a doppio filo alla permanenza o meno in riva all'Adriatico di Cosic.
Per quanto riguarda il mercato in uscita, si lavora per il passaggio al Livorno di Appelt Pires, chiuso dal rientro di Brugman. In lista di sbarco anche Boldor, Nielsen, Sowe e Pogba che non hanno ancora trovato adeguata e gradita sistemazione.

Andrea Sacchini