Basket. Capolavoro Roseto. La capolista Ravenna al tappeto 62-56

Si torna sul parquet l'11 gennaio per il derby con Chieti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1481

Basket. Capolavoro Roseto. La capolista Ravenna al tappeto 62-56

ROSETO. Grande successo dell’Industrialesud Roseto che batte Ravenna con il risultato di 62-56 in occasione della 14^ giornata di A2 Silver (ultima dell’anno solare 2014), davanti ad una buona cornice di pubblico in quel del PalaCngolani di Recanati. Dunque il palazzetto marchigiano porta di nuovo bene agli Sharks, che dopo Omegna, superano anche Ravenna, capolista del campionato. Altri 2 punti che fanno comodissimo alla banda di coach Trullo, che oggi ha ritrovato Sylvere Bryan, fermo da più di un mese, tornato sul parquet e rivelatosi fattore determinante nella vittoria odierna. Partita difensivamente parlando strepitosa degli Squali, bravi a tamponare le scorribande di Rivali e compagni, mentre in attacco tutti hanno dato il loro contributo (miglior marcatore, Marini con 12).
Alla palla a due, Roseto si presenta con Pitts, Jackson, Moreno, Janelidze e Bryan. Risponde Ravenna con Holloway, Amoni, Cicognani, Rivali e Singletary. Dopo un inizio più che equilibrato, arriva il primo allungo biancoazzurro sul 9-4 grazie ad una tripla di Moreno. Ravenna torna subito in vantaggio (9-11) grazie ai canestri di un Holloway, molto ispirato (7 punti nei primi 6') per poi avviare un parziale di 14-0 che permette ai giallorossi di allungare fino al 9-18. Trullo richiama la squadra in panchina e dopo la sospensione si rifà sotto con un contro break di 9-0 che chiude la prima frazione sul 18-18. Nel secondo quarto si parte nuovamente in maniera equilibrata, mentre nella parte centrale i padroni di casa allungano sul 30-24 grazie ad una difesa impeccabile, guidata da Moreno. I romagnoli, però, non ci stanno e tornano immediatamente a -2 (32-30), per poi chiudere il secondo periodo sul 34-34.
Alla ripresa dei giochi, l'Acmar inizia a premere sull'acceleratore e allunga sul 35-39. Marini avvia una mini-rimonta, “guadagnandosi” un antisportivo (commesso da Amoni) che riporta i padroni di casa sul -2 e sulla successiva azione Bryan schiaccia per il 39-39. Ravenna torna a +3 (40-43) e da questo momento Roseto rimane sempre dietro nel punteggio, fino alla tripla di Moreno che riporta gli Sharks avanti sul 44-43 a 2:30 dalla terza sirena, con i tifosi biancazzurri che esplodono in tribuna. Il terzo quarto si chiude sul 48-47. L'ultima frazione si apre con due triple, una di Ferraro e una di Moreno che regalano il massimo vantaggio a Roseto sul 54-47. Gli ospiti tornano a -2 con Raschi, ma Jackson risponde subito riallungando sul doppio possesso di vantaggio. Siamo sul 56-53 all'inizio degli ultimi incandescenti minuti. L'Industrialesud continua a tenere Bryan in campo nonostante i 4 falli commessi. A 1:40 dalla fine, Ravenna ha il possesso per tornare in parità, ma c'è l'errore da 3 di Rivali e si rimane sul 58-56, prima del sigillo finale di Pitts dalla linea della carità, che congela il vantaggio. Niente da fare per l’Acmar, che perde addirittura palla con Singletary. Finisce 62-56.
Prossimo appuntamento fissato a domenica 4 gennaio 2015, quando gli Sharks muoveranno in Lombardia per affrontare Legnano, mentre il prossimo appuntamento casalingo sarà con Chieti, l’11 gennaio al PalaMaggetti.

ROSETO-RAVENNA 62-56
Roseto: Pitts 11, De Dominicis ne, Ferraro 9, Bartoli, Marini 12, Janelidze 8, Ipppedico, Bryan 9, Jackson 6, Moreno 9 All: Trullo
Ravenna: Holloway 12, Amoni 8, Cicognani 6, Rivali 6, Raschi 3, Grassi ne, Zannini ne, Tambone 6, Foiera 5, Singletary 10 All: Martino
Arbitri Cherbaucich, Barone, Salustri.
Note: Parzali: 18-18; 34-34; 48-47; 62-56. Usciti per 5 falli. nessuno. Roseto: 22/62 al tiro, 16/37 da 2, 6/25 da 3, 12/20 ai liberi, 39 rimbalzi (11 off), 14 assist, 11 palle perse, 7 palle recuperate. Ravenna: 20/52 al tiro, 17/36 da 2, 3/16 da 3, 13/17 ai liberi, 32 rimbalzi (4 off), 6 assist, 15 palle perse, 5 palle recuperate. Usciti per 5 falli: nessuno. Turno di A2 Silver: 14°. Luogo: Palacingolani. Spettatori: 900.