SERIE B

Vigilia di Natale in campo per il Pescara: col Varese per cancellare critiche e delusioni

Baroni non vuol sentir parlare di sfida salvezza: «ancora prematuro, vicini ai play-off»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2488

Vigilia di Natale in campo per il Pescara: col Varese per cancellare critiche e delusioni

PESCARA. Con l'obiettivo di spazzare via critiche e polemiche legate sia alla gestione societaria nelle ultime stagioni sia alla conduzione tecnica mediocre dell'attuale mister Marco Baroni, il Pescara tornerà in campo domani (mercoledì 24 dicembre, ndr) allo stadio Adriatico contro il Varese. La gara, per l'ennesima volta, rappresenterà uno spartiacque fondamentale per la stagione degli adriatici, che in caso di risultato negativo si ritroverebbero invischiati nella lotta per non retrocedere. A rischio, ma non è una novità visto i risultati e le prestazioni scadenti e nonostante la difesa ad oltranza del proprio mister da parte del patron Sebastiani, ovviamente la panchina di Baroni, che fin qui ha deluso su tutta la linea.
Col Varese dalla parte degli abruzzesi ci sarà quantomeno la tradizione. 10 infatti sono i precedenti tra le 2 formazioni con 6 successi biancazzurri (l'ultimo 3-1 nel novembre 2011 con doppietta di Sansovini e gol di Kone, ndr), un pareggio (2-2 nel lontano 1980, ndr) e 3 affermazioni dei lombardi (l'ultima l'anno scorso 2-1 con gol di Trevisan e Di Roberto per gli ospiti e Maniero per i padroni di casa, ndr).
«Per il Pescara è una gara molto delicata ma è prematuro parlare di sfida salvezza» – ha raccontato nella consueta conferenza stampa della vigilia il tecnico dei biancazzurri, Marco Baroni – «siamo a pochi punti dai play-off ma è giusto guardarsi anche alle spalle. La formazione? Alcuni giocatori non stanno bene (Pucino, ndr) altri invece bisogna vedere se hanno la condizione giusta per reggere a lungo (Pasquato e Brugman, ndr). Voglio una squadra che lotta, poi ci sarà la sosta che ci permetterà di fare tutte le valutazioni tecniche su giocatori e modulo da impiegare».
Per quanto riguarda la formazione, possibile la conferma del 4-4-2 delle ultime giornate con Salamon (al rientro dalla squalifica, ndr) che farà coppia in difesa con Zuparic con Zampano ed uno tra Vitturini e Pucino sulle corsie esterne. A centrocampo Memushaj punto fermo e Brugman favorito su Appelt Pires con Politano e Pasquato sugli esterni. In avanti scontato l'impiego del tandem Maniero-Melchiorri. Fuori gioco Venuti, Grillo, Milicevic e Nielsen.

IL VARESE A PESCARA “DISTRUTTO” DAL VIAGGIO IN TRENO
«Mi aspetto un grande Pescara, è una squadra che ha in rosa grandi giocatori, che non muore mai, combattiva e viva: con il 4-4-2 ha trovato equilibrio» – ha raccontato il tecnico del Varese, Stefano Bettinelli che poi ha parlato delle difficoltà di raggiungere il centro adriatico per l'incendio divampato nella notte nella stazione di Bologna – «è sicuramente un disagio perché, contrariamente a quanto programmato, dovremo raggiungere Bologna in pullman e poi prendere il treno per Pescara. La trasferta sarà un'odissea, non sappiamo quando arriveremo, ma sappiamo che lo show deve continuare e noi per domani saremo prontissimi. A Natale comunque i miei giocatori staranno con le loro famiglie, so che alcune squadre si allenano, ma io proprio non capisco questa scelta».
Mister Stefano Bettinelli porterà in Abruzzo 23 giocatori: i portieri Perucchini, La Gorga e Bastianoni; i difensori Luoni, De Vito, Dondoni, Borghese, Fiamozzi, Tamas, Rea, Simic e Rojas; i centrocampisti Blasi (ex dell'ultima Serie A del Pescara, ndr), Falcone, Rivas, Truzzi, Barberis, Zecchin e Capezzi; gli attaccanti Miracoli, Neto Pereira, Forte e Lupoli.
La gara verrà diretta da Filippo Merchiori della sezione di Ferrara. Guardalinee Daniele Bindoni e Pasquale De Meo. Fischio d'inizio domani (mercoledì 24 dicembre, ndr) alle ore 15,00 allo stadio Adriatico di Pescara.

Andrea Sacchini