Delfino Pescara. Sabato col Brescia la tredicesima formazione diversa in 13 gare

Baroni in settimana ha provato il rombo con Maniero-Melchiorri in attacco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

879

Delfino Pescara. Sabato col Brescia la tredicesima formazione diversa in 13 gare




PESCARA. Ultimo allenamento in Abruzzo a porte rigorosamente chiuse per il Pescara che nel primo pomeriggio partirà alla volta di Brescia in vista del match del Rigamonti di sabato (ore 15,00). Convocati i portieri Aldegani, Aresti e Calore; i difensori Vitturini, Cosic, Zuparic, Salamon, Pesoli, Zampano, Grillo e Boldor; i centrocampisti Torreira, Selasi, Lazzari, Bjarnason, Appelt Pires e Memushaj; gli attaccanti Melchiorri, Maniero, Pasquato, Politano, Pogba e Sowe.
Indisponibili Fiorillo, Pesoli, Pucino (squalificato per un turno dal giudice sportivo, ndr), Bunoza, Venuti, Nielsen, Milicevic, Brugman, Caprari e Da Silva.
Per quanto riguarda la formazione è prevista la solita confusione, con Marco Baroni che con ogni probabilità opterà per il tredicesimo undici diverso in altrettante gare. In settimana è stato parzialmente accantonato il modulo a 3 punte in favore di un più coperto 4-3-1-2, con chiaro intento da parte del tecnico di ridurre le distanze tra i reparti e presentare a Brescia una squadra più compatta. Davanti al portiere Aresti agiranno Zampano, Pesoli, Salamon e Grillo; a centrocampo Memushaj, Lazzari, Appelt Pires e Bjarnason si giocano 4 maglie con Pasquato trequartista a supporto dell'inedito tandem formato da Melchiorri e Maniero. 

Proprio il cambiare spesso uomini e modulo di gioco (al di là dei tanti infortuni e delle squalifiche, ndr) non ha certo aiutato i biancazzurri a trovare solidità ed una precisa identità. Baroni sin dal primo giorno in riva all'Adriatico ha chiesto una rosa ampia che in un campionato lunghissimo come la Serie B è un vantaggio ma potrebbe alla lunga rappresentare una pericolosa arma a doppio taglio. Col rientro degli infortunati, infatti, l'ex mister della Virtus Lanciano dovrà scegliere tra ben 26 giocatori (esclusi i 3 portieri, ndr) tutti di ottimo livello per la Serie B. Un problema non di poco conto che potrebbe creare scompiglio ed invidie all'interno dello spogliatoio.
In vista del match di sabato tanti indisponibili per il Pescara ed altrettanti problemi per il Brescia, con Ivo Iaconi che potrebbe rinunciare a Zambelli, Lancini, Sodinha e Ntow, tutti alle prese con qualche acciacco fisico.
Brescia-Pescara verrà diretta da Ivano Pezzuto della sezione di Lecce. Guardalinee Francesco Di Salvo e Antonino Santoro.

Andrea Sacchini