Rugby. Gran Sasso delle meraviglie. Anche Firenze si inchina 28-25

Abruzzesi primi in classifica con altri 5 punti guadagnati

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2081

Rugby. Gran Sasso delle meraviglie. Anche Firenze si inchina 28-25




FIRENZE. Un’altra bella vittoria per la Gran Sasso Rugby che nella seconda giornata di campionato nazionale di serie A, batte la squadra Aeroporto Firenze Rugby 1831 conquistando altri cinque punti in classifica. E’ finita così 25 a 28 la prima trasferta dei ragazzi del coach Pierpaolo Rotilio che salgono a 10 punti con quattro mete e un calcio piazzato sul campo “Mario Lodigiani” di Firenze.
Un testa a testa con i fiorentini per i grigio rossi della presidente Loredana Micheli che giocano con decisione e reggono il gioco fino alla fine della partita. E’ l’estremo Dario Pallotta, man of the match, che segna la prima meta al 9’ minuto. Pallotta fa il bis al 39’ minuto, portando a casa la terza marcatura per la Gran Sasso, dopo la meta del pilone Lorenzo Rossi al 32’. La squadra aquilana non si ferma neanche un attimo contro gli avversari e al 22’ minuto del secondo tempo conquista un’altra marcatura ad opera di Alessio Guardiano. Il calcio piazzato di Andrea Pelliccione al 30’ porta la Gran Sasso alla fine della partita con 28 punti, tra gli applausi ed i cori dei tifosi. Una vittoria molto importante per la Gran Sasso perché ottenuta in trasferta con una squadra forte come il Firenze 1831, diretta pretendente agli spareggi del campionato successivo. Gran bella prestazione anche per la terza linea Tullio De Rubeis che però è rimasto infortunato ed è uscito prima della fine del match.
“Quattro belle mete che parlano chiaro – afferma orgoglioso l’allenatore Pierpaolo Rotilio – Cinque punti a Firenze si commentano da soli. Il messaggio per le squadre avversarie è forte, chi vuole approcciare ai posti alti in classifica deve vedersela prima con la Gran Sasso Rugby”.
Vittoria anche per la serie C1 della Gran Sasso Rugby Sambuceto che ha battuto la Old Pescara.