SERIE B

Pescara e Virtus Lanciano a caccia di certezze a Crotone ed in casa col Vicenza

Tra i biancazzurri possibile staffetta Melchiorri-Maniero. Virtus: blocco di Cittadella

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2264

Pescara e Virtus Lanciano a caccia di certezze a Crotone ed in casa col Vicenza




ABRUZZO. Ultime indicazioni per il tecnico Marco Baroni e dopo l'ultimo allenamento in Abruzzo la squadra è partita ieri nel primo pomeriggio alla volta di Crotone. In Calabria i biancazzurri svolgeranno l'allenamento di rifinitura in vista del match di domani (ore 15,00) all'Ezio Scida di Crotone. Dopo il successo per 4-0 sull'Entella serve continuità e trovarla non sarà facile su di un campo da sempre infausto per gli adriatici, che sono usciti indenni dallo Scida soltanto in 11 dei 24 precedenti, con sole 6 vittorie all'attivo. L'ultima nel gennaio 2012, 2-1 con reti di Florenzi, Immobile e Cascione che premiarono il Pescara che poi vinse il campionato di B.
Per tentare di percorrere le orme del grande Pescara di Zeman, Baroni ha diversi dubbi di formazione. Out Boldor e soprattutto Zuparic, con Salamon abile ed arruolabile soltanto per la panchina, la difesa è tutta un rebus con Cosic, Zampano e Pucino unici certi del posto. Per il quarto ed ultimo posto in difesa il favorito sembra essere Grillo, con Pucino spostato al centro per far coppia con Cosic. A centrocampo largo a Guana, Appelt Pires e Lazzari (in vantaggio su Nielsen, ndr) con Bjarnason, Milicevic e Memushaj fuori gioco. In avanti il grande dubbio è per il ruolo da punta centrale tra Maniero (tripletta sabato, ndr) e Melchiorri, in rete nelle ultime 3 gare da titolare disputate. Ai lati scelte fatte con Politano e Pasquato.
Baroni ha convocato 21 giocatori: i portieri Aldegani, Aresti e Fiorillo; i difensori Pucino, Grillo, Salamon, Cosic, Zampano e Pesoli; i centrocampisti Appelt Pires, Guana, Nielsen, Lazzari, Torreira e Memushaj; gli attaccanti Da Silva, Melchiorri, Maniero, Politano, Pasquato e Pogba.


«Questo momento no passerà, ne sono sicuro. Sarei preoccupato se non facessimo gioco, invece a Livorno abbiamo disputato la migliore partita fuori casa». Ad una settimana di distanza, il pensiero torna ancora alla gara di Livorno in cui gli squali hanno collezionato ben «10 palle gol» tornando a casa con una pugno di mosche in mano: «Una gara strana, unica nella mia carriera», ha ammesso mister Drago al portale Crotone Ok nel consueto incontro con la stampa nell’antivigilia della gara col Pescara. E infatti il dente batte sul dente dolente: l’incapacità di concretizzare la grande mole di gioco che il Crotone produce nei 90’. «E' un dato di fatto che il Crotone si esprima meglio in trasferta che in casa» - ha proseguito il tecnico rossoblù -, «quindi dobbiamo cercare di migliorare soto questo aspetto». La speranza è che il Pescara non sia l'ennesima squadra che venga allo Scida e metta un autobus davanti alla propria porta: «Di certo gli abruzzesi verranno qui a cercare 3 punti; ecco perché abbiamo diverse chance di trovare gli spazi giusti per esprimerci al meglio». E se anche domenica non si troveranno le misure giuste per metterla dentro? «Stiamo lavorando a diverse alternative. Già a Livorno si è vista una maggiore propensione dei terzini a inserirsi, sintomo che il lavoro che facciamo in settimana inizia a dare i primi frutti». Quindi, avere «maggiore cattiveria nell’area di rigore» e non solo: «Se da una parte abbiamo fatto 4 gol, dall’altra ne abbiamo subiti 7. E’ necessario quindi migliorare la fase difensiva; specie sulle palle inattive che ci sono costati 3 segnature». Infine, capitolo indisponibili. «Modesto si è allenato sia giovedì che venerdì, quindi è tra i convocati». E chi potrebbe sostituire Dezi (impegnato con la Nazionale)? «Fortunatamente le alternative ci sono: Galardo, Minotti e Salzano», ha concluso Drago.
Probabile formazione 4-3-3: Secco; Zampano, Claiton, Ferrari, Martella (Modesto); Suciu, Galardo, Maiello; Ciano, Beleck e De Giorgio.

LA VIRTUS LANCIANO ATTENDE DOMANI AL BIONDI IL VICENZA
A caccia di conferme anche la Virtus Lanciano, che dopo il bel successo di Cittadella cerca continuità di risultati e di prestazioni domani al Biondi col Vicenza. L'occasione è ghiotta, in caso di successo, per allontanare ulteriormente le zone calde della classifica. D'Aversa a meno di grandi sorprese dovrebbe confermare per intero lo stesso blocco che ha espugnato 3-2 il Tombolato. Da valutare soltanto un recupero in extremis di uno tra Ferrario ed Amenta, con Aquilanti e Conti comunque in vantaggio per scendere in campo dal primo minuto. In avanti largo a Gatto, Thiam e Cerri. Occhio però a Piccolo.
Mister Lopez per la trasferta in terra d'Abruzzo ha convocato 21 giocatori: i portieri Bremec, Truant e Vigorito; i difensori Camisa, Figliomeni, Garcia, Gentili e Laverone, i centrocampisti Sampirisi, Cinelli, Di Gennaro, Gerbaudo, Lores, Moretti, Sbrissa, Sciacca ed Urso; gli attaccanti Cocco, Giacomelli, Ragusa e Spiridonovic.
La gara verrà diretta da Francesco Paolo Saia della sezione di Palermo. Assistenti Rodolfo De Vuolo e Gaetano Intagliata. Fischio d'inizio domani (domenica, ndr) alle ore 15,00 allo stadio Guido Biondi di Lanciano.

Andrea Sacchini