Rugby. Il Calvisano è di un altro pianeta: L'Aquila ko all'esordio 43-17

Troppo forti i campioni d'Italia. I neroverdi non guadagnano punti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1755

Rugby. Il Calvisano è di un altro pianeta: L'Aquila ko all'esordio 43-17




L'AQUILA. Esordio poco fortunato per L'Aquila Rugby Club, nella partita che segnava il ritorno al campionato nazionale di Eccellenza. I neroverdi del coach Massimo Di Marco hanno lottato e non hanno sfigurato contro i campioni d'Italia in carica del Calvisano: 17-43 il punteggio finale, tra gli applausi degli oltre 800 tifosi sugli spalti.
Il punteggio si sblocca dopo un quarto d'ora di gioco, con De Jager che sfugge sulla sinistra e si invola in meta. Dallo stesso lato del campo arriva la seconda meta, ad opera di Zdrilich, che a fine gara sarà nominato man of the match. L'Aquila si batte con cuore ma soffre la maggiore esperienza dei giallo neri, provenienti da un doppio turno in Europa, dove hanno testato la preparazione. Dopo il bis di Zdrilich, una meta dell'ottimo Steyn e i calci precisi di Seymour, il primo tempo termina 29 a 0. Nella ripresa sono tanti i cambi da entrambe le parti, ma L'Aquila caccia la determinazione e l'orgoglio: i primi punti della stagione arrivano al primo minuto, con un calcio di Giulio Forte, mentre la prima meta dell'anno è siglata da Andrea Lofrese, tra i migliori in campo, che accorcia le distanze al 16'. E' il momento migliore per L'Aquila, che spinge in mischia e si conquista la seconda meta, questa volta tecnica, alla mezz'ora, prima di subire l'ultima marcatura del Calvisano allo scadere. La gara finisce 17-43.
"Ci siamo battuti e impegnati moltissimo – dichiara dopo il match l'allenatore Massimo Di Marco – abbiamo fatto delle cose buone, ma abbiamo anche regalato punti a una squadra esperta e forte come il Calvisano, che non perdona gli errori”.
“La squadra ha ampi margini di miglioramento, sono molto contento per l'atteggiamento in campo – continua il coach – è solo la prima partita, per di più contro i favoriti del campionato. Possiamo migliorare e fare bene”. 

L'esordio al “Fattori” aveva visto, nel corso della mattinata, centinaia di bambine e bambini per il torneo di mini rugby “GiocAmici”, organizzato da Rugby Experience in collaborazione con L'Aquila Rugby Club, che ha visto le famiglie entusiaste dell'iniziativa. Poi, prima del fischio di inizio dell'arbitro francese Charabas, ovazione per Maurizio Zaffiri, bandiera neroverde, che oggi ha dato l'addio al rugby giocato. Zaffiri esordì in Serie A proprio in una gara tra L’Aquila e Calvisano (1996), quel Calvisano che in seguito rappresenterà una parte importante della sua carriera rugbistica. Nel 2003 si trasferisce a Parma nelle file dell’Overmach e poi passa ai gialloneri, dove resterà fino al 2009. Con i bresciani vince due titoli italiani e una Coppa Italia. Nel 2009 torna all'Aquila, che non lascerà fino alla promozione della scorsa primavera. Un altro trofeo alzato al cielo per capitan Zaffiri, 14 caps nella nazionale italiana e ora preparatore atletico dei neroverdi.
In omaggio a lui, tra il primo e il secondo tempo sono entrati in campo per un mini match le selezioni under 12 della Polisportiva L'Aquila Rugby e del Cus L'Aquila, società con cui Zaffiri ha iniziato la sua carriera.

L'AQUILA RUGBY CLUB v CAMMI CALVISANO 17-43 (0-29)
Marcatori: p.t. 14' m. De Jager tr. Seymour; 20' cp. Seymour; 26' m. Zdrilich nt; 32' m. Steyn tr. Seymour; 38' m. Zdrilich tr. Seymour; s.t. 1' c.p. Forte; 14' m. Castello tr. Seymour; 16' m. Lofrese tr. Forte; 29' m. tecnica tr. Forte; 40' m. Steyn tr. Seymour.
L'AQUILA RUGBY CLUB: Santillo, Palmisano, Mattoccia, Forte, Ciofani, Matzeu (24' st Erbolini), Picone (20 st' Leone), Ceccarelli (30' st Speranza), Lofrese (37' Flammini), Catelan (16' st Di Cicco), Cialone, Flammini (5' st Boccardo), Iovenitti (1' st Brandolini), Fagnani (1' st Cocchiaro), Subrizi (1' st Milani). All. Di Marco
CAMMI CALVISANO: Rokobaro (12' st Bergamo), Di Giulio (18' st Susio), Chiesa, Castello, De Jager, Seymour, Ambrosio (1' st Violi), Steyn, Zdrilich, Belardo (7' st Salvetti), Kalou (16' st Cavalieri), Andreotti, Costanzo (7' st Biancotti), Ferraro (7' st Morelli), Scarsini (7' st 18 Panico). All. Guidi
Arb: Charabas (Francia)
Cartellini: 24' pt giallo Catelan (L'Aquila)
Man of the match: Zdrilich (Calvisano)
Calciatori: Seymour (Calvisano) 6/7; Forte (L'Aquila) 3/3.
Note: giornata mite, terreno in buone condizioni. Spettatori 800 ca.
Punti conquistati in classifica: Cammi Calvisano 5; L'Aquila Rugby Club 0.