CALCIO

Champions League. Verratti: solo 1-1 con l'Ajax. La Roma ne fa 5 al Cska Mosca

Festa giallorossa all'Olimpico: in gol Iturbe, Gervinho (2), Maicon ed autogol

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1362

Champions League. Verratti: solo 1-1 con l'Ajax. La Roma ne fa 5 al Cska Mosca




AMSTERDAM. La punizione di Lasse Schöne nel secondo tempo pareggia il vantaggio ospite di Edinson Cavani. L’AFC Ajax si salva così, davanti al proprio pubblico, in questa prima gara del Gruppo F di UEFA Champions League contro il Paris Saint-Germain.
Occasione ospite già all’8’ ma il tiro di Lucas su angolo di Thiago Motta finisce sopra la traversa. Il vantaggio francese non tarda. Nicolai Boilesen scivola in area e si fa soffiare la palla da Lucas, che la cede a Zlatan Ibrahimović. Il tiro del capitano della nazionale svedese viene ribattuto da Joël Veltman. Sulla palla vagante si avventa Cavani che sigla l’1-0 per il PSG.
L’ex attaccante dei Lancieri si fa vedere ancora su punizione ma Jasper Cillessen fa buona guardia. Il PSG continua a premere. I padroni di casa ci provano con due tiri da lontano ma non riescono a imbastire trame offensive di rilievo. In attacco Kolbeinn Sigthórsson non tocca praticamente palla per tutto il primo tempo.
I campioni di Francia potrebbero raddoppiare subito a inizio ripresa. Lucas ruba palla a Niklas Moisander ma, da solo e senza essere pressato, non inquadra lo specchio della porta. L’Ajax, rincuorato per lo scampato pericolo, prova a reagire e il tiro del subentrato Niki Zimling sorvola di poco la traversa della porta difesa da Salvatore Sirigu. Ibrahimović ci prova ancora due volte: prima con un tiro a lato e poi con una punizione neutralizzata dal portiere olandese.
Frank de Boer inserisce Anwar El Ghazi al posto di Sigthórsson ma è ancora il PSG ad andare vicino al raddoppio. Luca libera al tiro Gregory van der Wiel, ma Cillessen para. Il centrocampista brasiliano giostra bene come rifinitore; a metà della ripresa un suo cross su punizione viene deviato alto da Marquinhos di testa.
Troppi gli errori sotto porta degli ospiti, che subiscono il pareggio al 74’. Marquinhos atterra Thulani Serero al limite dell’area di rigore. Sulla conseguente punizione, Sirigu tocca ma non trattiene la perfetta punizione di Schöne. Il nazionale danese si ripete tre minuti dopo, ma stavolta Sirigu riesce a deviare la sfera sul palo. Un pareggio che soddisfa maggiormente i padroni di casa (Uefa.com).

LA ROMA “PASSEGGIA” ALL'OLIMPICO: 5-1 SUL CSKA MOSCA
Un ritorno esaltante, da incorniciare. L’AS Roma si riaffaccia alla ribalta della UEFA Champions League dopo tre anni e mezzo di assenza e lo fa con una prestazione fantastica, che non lascia scampo al PFC CSKA Moskva: all’Olimpico finisce 5-1 per i Giallorossi di Rudi Garcia, a segno con Juan Manuel Iturbe, Gervinho (doppietta) e Maicon prima dell’autorete di Sergei Ignashevich.
Un messaggio forte quello mandato dai Giallorossi, che in un girone di ferro – del Gruppo E fanno parte anche FC Bayern München e Manchester City FC – hanno subito preso il comando della classifica. Conquistando la loro vittoria più larga di sempre in UEFA Champions League.
Garcia lascia in panchina Ashley Cole e schiera Vassilis Torosidis esterno sinistro difensivo, per il resto la formazione è quella annunciata. Il CSKA punta su un 4-2-3-1 con il colosso ivoriano Seydou Doumbia schierato terminale offensivo, ma l’avvio è tutto di marca Giallorossa. Dopo due minuti Mário Fernandes rischia l’autorete su un break di Radja Nainggolan, ma il gol è già nell’aria e arriva poco dopo.
Gervinho, defilato sulla sinistra, taglia verso il centro e serve sul filo del fuorigioco Iturbe, che si porta il pallone sul sinistro e batte con freddezza Igor Akinfeev. L’Olimpico è in estate e dopo quattro minuti può di nuovo esultare per il raddoppio: i ruoli si invertono, questa volta è Iturbe a servire Gervinho che con una puntata “fredda” ancora il portiere dei russi.
La squadra di Leonid Slutski è alle corde, ma potrebbe tornare in partita con Doumbia, che dopo aver vinto il rimpallo con Maicon si invola tutto solo verso Morgan De Sanctis: l’attaccante ivoriano, però, inciampa al momento di tirare e favorisce la parata del portiere Giallorosso. Così, al 20’, la squadra di Garcia trova il tris. Iturbe pesca Maicon e il brasiliano scarica un destro da posizione defilata che batte un incerto Akinfeev.
I campioni di Russia sembrano incapaci di reagire e alla mezzora, dopo l’uscita di Iturbe per infortunio - capitolano di nuovo. Lancio illuminante di Francesco Totti per Gervinho, l’ex giocatore dell’Arsenal FC rientra sul sinistro e mette ancora nel sacco. Prima dell’intervallo c’è tempo per una parata di Akinfeev su Miralem Pjanić, ma nella ripresa – malgrado Slutski inserisca Georgi Schennikov per Kirill Nababkin – la musica non cambia.
Dopo cinque minuti, Torosidis pennella un cross per Florenzi, che insacca di testa complice la deviazione di Ignashevich: 5-0. De Sanctis sbriga l’ordinaria amministrazione e dice di no prima a Roman Eremenko e poi a Dmitri Efremov, altro neo-entrato. Più pericoloso Doumbia, che colpisce la traversa.
A otto minuti dalla fine i moscoviti segnano il meritato gol della bandiera. Kirill Panchenko mette in mezzo, Musa vince il rimpallo con Maicon e a tu per tu con De Sanctis lo batte con un lob di sinistro. Nel finale, con la Roma in dieci per l'infortunio di Astori, arriva anche la traversa di Georgi Milanov. Nulla che può comunque rovinare la grande festa giallorossa (Uefa.com).

ROMA-CSKA MOSCA 5-1 (4-0)
ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Manolas (dal 31' s.t. Yanga-Mbiwa), Astori, Torosidis; Pjanic, Keita, Nainggolan; Gervinho (dal 26' s.t. Ljajic), Totti, Iturbe (dal 26' p.t. Florenzi) (Skorupski, Cole, Destro, Paredes). All. Garcia.
CSKA MOSCA (4-2-3-1): Akinfeev; M. Fernandes, V. Berezutski, Ignashevich, Nababkin (dal 1' s.t. Shennikov); Natcho, Milanov; Tosic (dal 7' s.t. Efremov), Eremenko (dal 21' s.t. Panchenko), Musa; Doumbia (Chepchugov, A. Berezutski, Bazelyuk, Chernov). All. Slutski.
MARCATORI: Iturbe (R) al 6', Gervinho (R) al 10' e 31', Maicon (R) al 20' p.t.; Florenzi (R) al 5', Doumbia (C) al 36' s.t..
ARBITRO: Fernandez Borbalan (Spa).
NOTE: spettatori 40.888, incasso 2.082.990 euro. Ammoniti: nessuno.