SERIE B

Vastola illude, Thiam rovina: Virtus Lanciano fa 1-1 a Varese

Ottima la prima mezz'ora poi il rosso a Thiam cambia il match: il punto va bene

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1480

Vastola illude, Thiam rovina: Virtus Lanciano fa 1-1 a Varese




VARESE. In vantaggio di un gol dal minuto 4 del primo tempo la Virtus Lanciano getta alle ortiche un'occasione d'oro per far propria l'intera posta in palio. A Varese termina 1-1 merito di Neto Pereira (gol al 16esimo della ripresa, ndr) ma soprattutto del rosso diretto a Thiam, espulso nel corso dei primi 45 di gioco per uno sciocco fallo di reazione nei confronti di Borghese, che ha costretto i propri compagni di squadra ad una partita di pura difesa e sofferenza.
Bene i frentani per tutto il primo tempo poi col passare dei minuti è aumentata la pressione del Varese che ha pienamente meritato il punto del pareggio. Per i rossoneri tanti rimpianti per come sarebbe potuta essere la storia del match senza la sciocca espulsione di Thiam al 27esimo. In dieci contro undici la formazione di D'Aversa ha arretrato troppo il proprio baricentro concedendo troppo campo ed iniziativa ad un Varese apparsa comunque compagine tutt'altro che trascendentale.
Alla fine però il punto soddisfa Mammarella e compagni che allungano a 3 la striscia di risultati utili consecutivi.

PRIMO TEMPO. GIOIA VASTOLA POI THIAM COMPIE IL DISASTRO: LANCIANO AVANTI MA IN 10...
Dopo le buone prestazioni con Catania e Modena, D'Aversa conferma a grandi linee le indiscrezioni della vigilia. In difesa Aquilanti vince il ballottaggio con Conti per affiancare la coppia centrale Ferrario-Troest e capitan Mammarella. A centrocampo trio tutto agonismo ed intensità composto da Vastola e Di Cecco ai lati di Paghera. In attacco non ce la fa Piccolo (noie muscolari, ndr) sostituito da Grossi che completa il tridente d'attacco insieme ai confermatissimi Gatto e Thiam. Ancora panchina per il baby Cerri e per l'ex regista del Palermo Bacinovic.
Nel Varese mister Di Stefano opta per un 4-4-2 classico col compito di pungere affidato al tandem Neto Pereira-Petkovic. Gara particolare per l'ex attaccante del Catania, il cui trasferimento in maglia rossonera era sfumato pare per l'esito negativo delle visite mediche. Sulle fasce spazio alla velocità ed alla tecnica di Zecchin e Cristiano.
Al quarto minuto passa subito avanti il Lanciano. Solito preciso calcio piazzato di Mammarella per la testa nel mezzo di Vastola che incenerisce Bastianoni.
Avvio shock per il Varese che una manciata di secondi più tardi perde per infortunio anche Zecchin, uno degli uomini d'attacco migliori a disposizione di Di Stefano, sostituito da Scapinello.
All'undicesimo primo squillo dei lombardi con Petkovic, che al limite fa tutto bene ma conclude troppo debole tra le braccia di Nicolas.
Al 25esimo break del Lanciano. Contropiede micidiale e conclusione da posizione decentrata di Gatto che viene contrata in corner.
Prima vera occasione dal gol per il pari varesino al minuto 27. Dal limite Corti chiama al non facile intervento Bastianoni.
Al 29esimo cambia la partita. Fallo di Borghese su Thiam e gesto di reazione da parte dell'ex Juventus: per Maresca di Napoli è cartellino rosso diretto (forse eccessivo ma scaturito da una sciocchezza di Thiam, ndr). Lanciano in dieci e D'Aversa costretto a modificare lo schieramento in un super difensivo 4-4-1 con Gatto unico terminale offensivo.
La superiorità numerica infonde coraggio ai padroni di casa che al minuto 38 vanno vicini al pareggio. Sugli sviluppi di un calcio da fermo dal limite cross col contagiri di Corti per la testa di Neto Pereira che tutto solo sbaglia la mira.
Al 44esimo giocata straordinaria di Neto Pereira che con una girata di tacco di un nulla non insacca alle spalle dell'immobile Nicolas.
Il Varese preme ma il Lanciano anche in inferiorità numerica è pericolosissimo in contropiede. Prima del riposo assolo di Gatto che supera in dribbling 3 difensori e costringe Bastianoni alla difficile parata con i pugni.

SECONDO TEMPO. PURA SOFFERENZA PER LA VIRTUS ED 1-1: VA BENE COSÌ
Nella ripresa subito un cambio nelle fila del Lanciano: fuori il match winner Vastola e dentro Monachello nel tentativo da parte di D'Aversa di appoggiare maggiormente Gatto in avanti. Scala sulla linea dei centrocampisti invece Grossi. Proprio l'ex della contesa diviene suo malgrado protagonista al quinto minuto sfiorando l'autogol: sugli sviluppi di una punizione battuta da Cristiano da posizione decentrata colpo di testa e palla sulla traversa. Grossi in evidente affanno fisico sostituito pochi minuti dopo dal baby gioiello scuola Milan Pinato.
Al 14esimo cincischia la retroguardia frentana e Scapinello appena fuori dall'area di prima intenzione non centra di un nulla il bersaglio grosso.
Il pari del Varese però è soltanto rimandato di 2 minuti. Imbucata di Cristiano per Neto Pereira che in piena area controlla e fredda di precisione Nicolas. Lanciano troppo schiacciato in difesa e pareggio tutto sommato meritato almeno per l'atteggiamento diverso dei lombardi nella ripresa.
Al 21esimo sbanda ancora la retroguardia della Virtus e Petkovic da 2 passi non trova il tempo giusto per la battuta a rete.
Al 27esimo azione prolungata nel cuore dell'area frentana poi Cristiano dal limite grazia Nicolas.
Nel finale via via si esaurisce la pressione del Varese ed il Lanciano ne approfitta per serrare le fila e tentare qualche sortita offensiva.
Nel forcing finale l'ultimo brivido alla porta di Nicolas viene portato da una girata di Neto Pereira: sicuro l'estremo difensore rossonero.
Al triplice fischio viva la soddisfazione dei rossoneri per un punto prezioso guadagnato in classifica (il quinto in 3 gare, ndr). Sabato prossimo al Biondi arriva il Frosinone per mantenere l'imbattibilità.

VARESE-VIRTUS LANCIANO 1-1 (primo tempo 0-1)
VARESE (4-4-2): Bastianoni; Fiamozzi, Borghese, Rea, De Vito; Zecchin (7'pt Scapinello), Blasi, Corti, Cristiano (39'st Falcone); Petkovic (27'st Forte), Neto Pereira. A disposizione: Perucchini, Luoni, Tamas, Barberis, Simic, Capezzi. Allenatore: Di Stefano.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Nicolas; Aquilanti, Troest, Ferrario, Mammarella; Vastola (1'st Monachello), Paghera, Di Cecco; Grossi (10'st Pinato), Thiam, Gatto (39'st Cerri). A disposizione: Aridità, Turchi, Conti, Nunzella, Bacinovic, Agazzi. Allenatore: D'Aversa.
ARBITRO: Fabio Maresca della sezione di Napoli (Valeriani-Carbone).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 4mila spettatori. Ammoniti: Corti, Gatto, Falcone. Espulsi: 27'pt Thiam.

Andrea Sacchini