Serie B. Pasquato salva il Pescara: 1-1 a Terni

Passo indietro rispetto a Trapani ma il punto può andare bene

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1334

Serie B. Pasquato salva il Pescara: 1-1 a Terni



TERNI. Il Pescara non riesce a sfatare il tabù del Liberati ma almeno strappa un 1-1 prezioso a Terni. Nel primo tempo vantaggio della Ternana con Ceravolo al minuto 39 del primo tempo. Nella ripresa all'undicesimo il sigillo fondamentale di Pasquato.
Il punto va più che bene al Pescara, molto meno brillante rispetto all'esordio con il Trapani. I biancazzurri, apparsi meno determinati ed aggressivi rispetto ad una settimana fa, devono ringraziare la prima magia in biancazzurro di Pasquato, che direttamente su calcio di punizione ha tolto le castagne dal fuoco e regalato un punto preziosissimo per la classifica e per il morale.
Nel primo tempo avvio illusorio degli abruzzesi, che dopo un paio di buone occasioni create hanno offerto il fianco alle veloci ripartenze della Ternana. Abili gli umbri nell'approfittare della lentezza dei 2 centrali di difesa pescaresi che senza la protezione dei centrocampisti hanno trovato parecchie difficoltà nell'opporsi alla velocità e potenza del tandem d'attacco Ceravolo-Avenatti. Non è un caso se il gol del vantaggio rossoverde sia stato originato da un passaggio in profondità dalla trequarti di Eramo, la cui qualità, insieme a quella di Viola, non è stata mai arginata a sufficienza dai mediani di Baroni.
Meglio il Pescara nella ripresa, cambiato nello spirito dopo la punizione-magia di Pasquato.

PRIMO TEMPO. INIZIA BENE IL PESCARA POI AUMENTA LA PRESSIONE DELLA TERNANA

Formazioni: stante l'emergenza in tutti i reparti (out i nazionali Cosic, Boldor e Bjarnason e gli infortunati Venuti, Brugman, Milicevic, Memushaj e Caprari), Baroni lancia subito nella mischia il neo-acquisto Pasquato nel tridente d'attacco insieme a Politano e Maniero. In difesa Pesoli preferito a Salamon per far coppia con Zuparic. Centrocampo muscolare con Nielsen, Lazzari ed Appelt Pires.
Tra le fila degli umbri mister Tesser opta per un versatile 4-3-1-2. Cerniera di centrocampo affidata al trio composto da Valjent, Viola e Gavazzi. In avanti Eramo trequartista a supporto del tandem Avenatti-Ceravolo.
Avvio subito più determinato dei biancazzurri che collezionano calci d'angolo in serie e sfiorano la marcatura già al minuto 5 con Pasquato, che a giro dal limite non inquadra di poco lo specchio della porta complice anche una deviazione di un difensore ternano. Al settimo Pesoli sugli sviluppi di un corner in precario equilibrio non trova il tempo per la battuta a rete.
Prima iniziativa dei padroni di casa al decimo con un interessante diagonale di Avenatti che termina tra le braccia dell'attento Fiorillo.
Dopo un buon inizio del Pescara, col passare dei minuti sale in cattedra la Ternana con veloci rapide verticalizzazioni ad innescare la velocità delle punte, pericolosissime in situazione di uno contro uno contro i lenti centrali biancazzurri.
Al 22esimo monumentale palla gol per la Ternana. Delizioso lancio in profondità di Viola per Ceravolo che sorprende la retroguardia abruzzese ma fallisce il tentativo di pallonetto sulla pronta uscita di Fiorillo.
Sbanda il Pescara in difesa ed al 39esimo viene meritatamente punito. Eramo trova il corridoio giusto per l'inserimento centrale di Ceravolo, che approfitta della dormita di Pesoli ed elude in uscita Fiorillo con un tocco dolcissimo: 1-0.
Al 40esimo giallo in area Ternana. Gol annullato a Maniero per sospetto fuorigioco su tocco illuminante di Pasquato.
Nel finale ancora Ternana pericolosa su calcio piazzato ma il risultato al riposo non cambia.

SECONDO TEMPO. PASQUATO TOGLIE LE CASTAGNE DAL FUOCO: 1-1

Nella ripresa la Ternana contiene bene le sfuriate dei biancazzurri ma all'ottavo un tiro-cross di Grillo per poco non rovina i piani di Tesser: traversa a Brignoli battuto.
All'undicesimo un po' a sorpresa arriva il pareggio del Pescara ed è un'invenzione di Pasquato, che direttamente su calcio di punizione insacca all'incrocio dei pali: 1-1. solo.
La perla di Pasquato scuote l'undici di Baroni decisamente più in palla ed incisiva rispetto ai primi 45 di gioco.
Al 18esimo rasoiata di Politano dal limite ed intervento difficile in corner di Brignoli.
Al 22esimo prova a scuotersi la Ternana: ennesimo passaggio illuminante di Viola in profondità per Ceravolo che da posizione decentrata non inquadra di molto lo specchio della porta.
Tesser comprende che è il miglior momento della Ternana ed inserisce un'altra punta (Falletti) in luogo dell'esausto Eramo. Risposta di Baroni con l'inserimento di Guana per Pasquato ed il passaggio ad un più coperto 4-4-2 con Politano-Maniero in avanti.
Due minuti dopo ancora umbri velenosi. Errore di Grillo in possesso palla e contropiede rossoverde chiuso da un tiro dal limite di Falletti che costringe Fiorillo al difficile intervento in 2 tempi.
Al 29esimo splendido assolo di Avenatti che di potenza difende un pallone e dai 20 metri sfiora l'incrocio con un bolide terrificante.
Nel finale forcing dei padroni di casa e colossale chance divorata da Masi di testa su corner in pieno recupero. Al triplice fischio Pescara soddisfatto: altro punto prezioso per la classifica.
Prossimo impegno dei biancazzurri venerdì allo stadio Adriatico contro il Bologna.

TERNANA-PESCARA 1-1 (p.t. 1-0)

TERNANA (4-3-1-2): Brignoli; Bastrini, Ferronetti, Masi, Fazio; Valjent (32'st Crecco), Viola, Gavazzi; Eramo (21'st Falletti); Ceravolo (37'st Diop), Avenatti. A disposizione: Sala, Popescu, Vitale, Meccariello, Russo, Taurino. Allenatore: Tesser.
PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Grillo (34'st Zampano), Zuparic, Pesoli (32'st Salamon), Pucino; Lazzari, Appelt Pires, Nielsen; Pasquato (25'st Guana), Maniero, Politano. A disposizione: Aresti, Selasi, Mancini, Pogba, Sowe, Melchiorri. Allenatore: Baroni.
ARBITRO: Michael Fabbri della sezione di Ravenna (Del Giovane-Calò).
NOTE: Ammoniti: Grillo, Gavazzi, Pucino, Zuparic, Eramo.

Andrea Sacchini