Rugby. L'Aquila fa doppietta: è fatta per Catelan e Grigolon. Gran Sasso: ok Lorenzetti

Prosegue a buon ritmo il mercato delle abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1601

Rugby. L'Aquila fa doppietta: è fatta per Catelan e Grigolon. Gran Sasso: ok Lorenzetti

Mattia Catelan




L'AQUILA. L'Aquila Rugby dà il benvenuto a Mattia Catelan. Un nuovo giovane rinforzo a disposizione del tecnico Massimo Di Marco arriva nel capoluogo abruzzese, in vista della nuova stagione nel campionato di Eccellenza.
Mattia Catelan (classe 1994, 191 cm x 115 kg) è una terza linea di origini venete. Cresciuto nelle giovanili del Valsugana Padova, proviene da due stagioni positive in Serie A: prima nell'Accademia Nazionale “Ivan Francescato” (8 presenze con 1 meta) e lo scorso anno proprio al Valsugana, dove ha collezionato 20 presenze, 8 mete e tre gare da capitano. Dal 2010 viene convocato nelle nazionali giovanili, nelle quali è stato capitano della under 17 e della under 18. Un ottimo innesto per L'Aquila Rugby che, dopo Picone, continua a rinforzare la rosa in vista della stagione alle porte.
“Ho già sentito alcuni miei nuovi compagni, che già conoscevo – afferma Catelan, che arriverà all'Aquila in settimana – sono contento di entrare in un club prestigioso come L'Aquila, una squadra che dà la possibilità di giocare tanto e con cui esordirò nel massimo campionato italiano”.
Il mercato dell'Aquila Rugby Club non si ferma qui. È in arrivo in terra abruzzese Nicola Grigolon. Classe 1994 (189 cm x 110 kg), l'atleta veneto può giocare con le maglie 6 e 8. Anche in questo caso, Grigolon è stato convocato dalle nazionali giovanili (under 17 e under 19). E' stato raggiunto l'accordo con il giocatore, ma è ancora aperta la trattativa con il Valsugana Padova, società di appartenenza.
Per quanto riguarda le partenze, invece, il centro Riccardo Lorenzetti ha annunciato che, per motivi professionali, lascerà L'Aquila Rugby Club: “Sono costretto a lasciare – dichiara Lorenzetti – è stata una scelta estremamente difficile per me, ma non posso più giocare a rugby come attività principale. Non smetterò, ma per motivi professionali non posso più svolgere attività professionistica”.
Cresciuto nella Polisportiva, Lorenzetti veste la maglia neroverde dal 2006: “Questa volta non ho ascoltato il cuore, che mi chiedeva di restare – evidenzia il mediano classe 1986 – ma ho fatto prevalere la parte razionale, la ragione. E' una scelta molto dolorosa, ma non posso fare altro”.
L'oramai ex utility back dell'Aquila si trasferirà alla Gran Sasso, altro sodalizio abruzzese che disputerà per il secondo anno di fila il campionato di Serie A.