PUGILATO

Premio Marciano a Ripa Teatina: ieri la premiazione di Clemente Russo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1842

Premio Marciano a Ripa Teatina: ieri la premiazione di Clemente Russo




RIPA TEATINA. Nella splendida cornice della tenuta Di Sipio di Ripa Teatina, si è svolta ieri sera la serata di gala del Premio Rocky Marciano 2014. Un’edizione da incorniciare, nel decennale della nascita del Premio, vista la presenza del gotha del mondo pugilistico italiano e in particolare della Federazione Pugilistica Italiana. Oltre alle presenze degli atleti premiati e dei due grandi testimonial dell’evento, Rocky Marciano Junior (figlio del grande Rocky) e Rocky Mattioli (originario di Ripa Teatina, già campione del mondo dei pesi superwelter), hanno accolto l’invito partecipare  anche: il  ct della nazionale ed ex pugile Francesco Damiani;  il segretario generale Federazione Pugilistica Italiana Alberto Tappa;  il responsabile delle Squadre Azzurre Maschili della Federazione Pugilistica Italiana Raffaele Bergamasco;  il vicepresidente vicario della FIP e commissario straordinario della FIP Abruzzo-Molise Walter Borghino;  il consigliere nazionale della Federazione Pugilistica Italiana Giuseppe Di Gaetano. Accompagnati da Bergamasco, che affianca la squadra federale in ritiro in questi giorni a Roseto, sono stati salutati sul palco del Premio anche Vincenzo Mangiacapre, vincitore di molteplici Tornei Internazionali e Medaglia di Bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012 e il pescarese Alfonso Di Russo, recente vincitore nella categoria Kg. 69 dell'ottava edizione 2014 del Guanto D'Oro d'Italia.

Il Premio Rocky Marciano 2014 è andato quest’anno al pluridecorato campione di pugilato Clemente Russo, napoletano, e al portiere  abruzzese Stefano Mammarella, della Nazionale Italiana di Calcio a 5 e della squadra dell’Acqua e Sapone.  Parole belle e commoventi quelle pronunciate dal giovane Mammarella, un atleta che, pur essendo il perno della nazionale italiana di calcio a 5, mantiene inalterate le sue doti di umiltà e schiettezza tipicamente abruzzesi. Ha ritirato il premio per Clemente Russo (impossibilitato a presenziare per motivi familiari) l’ex pugile Francesco Damiani, rimasto entusiasta dell’accoglienza e della serata. Damiani ha dichiarato di «aver conosciuto inaspettatamente una manifestazione di grande valore, in un territorio straordinario, e per di più nella patria di Rocky Marciano».
«Non mancherò – ha aggiunto Damiani -  alle prossime edizioni del Premio: oltre ad essere una manifestazione di rilievo nazionale, il Comune ha saputo organizzare una serata bellissima all’insegna della musica e dello sport».
«Anche quest’anno – dichiara il sindaco Ignazio Rucci – grazie alla presenza del figlio di Rocky Marciano, e dei tanti ospiti di rilievo, abbiamo potuto segnare un altro punto a nostro favore per lanciare Ripa Teatina verso ambiziosi obiettivi, come quelli di organizzare un torneo internazionale di boxe e di ampliare il museo della boxe, appena costituito nella sede della Torre, per arricchirlo di cimeli e pezzi appartenuti ai campioni originari di Ripa».