BRASILE 2014

Mondiali 2014. Il fallimento azzurro è completo. Prandelli e Abete si dimettono

Buffon: "è stato un disastro". Il ct: Balotelli? Non si sa mai se è sereno...

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1367

Cesare Prandelli

Cesare Prandelli




BRASILE. “Sono responsabile del progetto tecnico, e dunque ho annunciato al presidente Abete, al vice presidente Albertini e al direttore generale Valentini le mie dimissioni. Mi sembra giusto visto il fallimento del progetto”: Cesare Prandelli si presenta in conferenza stampa con il volto tirato e una decisione importante, le sue dimissioni da cittì dell’Italia. Ad un’ora dall’eliminazione della Nazionale dal Campionato del Mondo, il Commissario tecnico ha maturato quella riflessione che si era ripromesso di fare nell’immediato futuro.
Amarezza, rabbia, delusione, il volto del commissario tecnico è un mix di sentimenti tenuti a freno da una diplomazia che rischia di saltare. “Prima della firma del
Contratto – continua – c'era la volontà di andare avanti e di proseguire questo progetto. Avevamo camuffato bene in quattro anni i problemi del calcio italiano. Poi siamo stati aggrediti, sia io che il presidente Abete, come se fossimo un partito politico e ci hanno accusato di prendere, anzi di rubare, i soldi ai contribuenti. Io ho sempre pagato le tasse e non ho mai rubato i soldi a nessuno. Se sbaglio tecnicamente, invece, è un discorso diverso e mi prendo tutte le responsabilità”.
A caldo, ai microfoni della Rai, Prandelli non aveva lasciato trapelare le sue dimissioni: “Mi assumo tutte le responsabilità del progetto tecnico – sottolinea il cittì – ma è assurdo rimanere in dieci in una partita come questa. Non si può condizionare così una gara, l'arbitro l’ha rovinata. E’ stata una partita equilibrata, loro non hanno mai tirato in porta fino al vantaggio, noi abbiamo cercato il gol, ce la siamo giocata, è stata anche una bella gara, ma l’arbitro ha rovinato tutto. Quando lotti su ogni pallone come abbiamo fatto noi e come ha fatto l’Uruguay, qualche fallo ci sta. Ma non sono mai stati falli cattivi, quello di Marchisio non era assolutamente da rosso”.
Non è in discussione, per Prandelli, la preparazione atletica. “Era buona e oggi l'abbiamo dimostrato. Siamo stati però l'unica squadra a giocare nella calda Manaus e due volte a ora di pranzo”.
Poche parole su Balotelli, sostituito nella ripresa: “Lo considero importante, ma deve dare più garanzie sul piano della tranquillità. Non riesci mai a capire se è sereno o no. L'ho tolto a fine primo tempo proprio perché era ammonito e avevo paura di restare in dieci”.

SI È DIMESSO ANCHE IL PRESIDENTE FEDERALE GIANCARLO ABETE
"Convocherò un Consiglio Federale tra venerdì e lunedì presentando le mie dimissioni irrevocabili". Lo ha dichiarato il presidente della Figc Giancarlo Abete dopo la sconfitta con l’Uruguay, che ha decretato l’eliminazione dell’Italia dai Mondiali:
“Andrò al Consiglio Federale con le mie dimissioni irrevocabili – ha aggiunto Abete – non perché senta una particolare responsabilità per i risultati conseguiti, ma perché voglio favorire un livello di riflessione sulle strategie future della federazione. Era una decisione che avevo già preso prima dei Mondiali, a prescindere dal risultato. Manterrò i miei incarichi in Uefa e Coni, ma voglio liberare la federazione dalle critiche che mi vengono rivolte in quanto vertice federale. Convocherò l’Assemblea federale o l’11 agosto o in un’altra data utile affinché la ripresa del campionato avvenga con una nuova dirigenza federale. Il nuovo presidente avrà il mio appoggio".
"Spero che Prandelli – l’auspicio di Abete – ritiri le dimissioni e penso che, al di là del risultato che amareggia tutti, sia stato fatto il possibile all’interno dei livelli di competitività del nostro calcio. Il secondo posto agli Europei, il terzo posto alla Confederations e le brillanti qualificazioni non vanno sottovalutate alla luce del risultato di oggi".

BUFFON: "FALLIMENTO SU TUTTA LA LINEA"
“E' un fallimento, sono triste per la squadra e per la nazione. Ma ora dovremo fare tutti un bell’esame di coscienza”: sono le prime parole di Gigi Buffon, capitano azzurro, che oggi è stato premiato come miglior giocatore della partita.
Più drastico Giorgio Chiellini: “E' una vergogna – dichiara – la partita è stata decisa dall'arbitro. Suarez mi ha dato un morso, l’arbitro ha visto ma se non c'è la volontà…”.
Le accuse del difensore sono chiare: “Purtroppo oggi si parlerà dell'eliminazione dell'Italia, ma si deve parlare di una partita condizionata dall'arbitraggio, da
episodi che fanno la differenza. C'è stata disparità di giudizio con la ridicola espulsione di Marchisio e la ancor più ridicola mancata espulsione di Suarez. Sapevamo che l'unico modo per farci male erano i calci piazzati e così è stato. Si parlerà di fallimento, che non ci sono passi avanti, ma io avrei ampiamente da ridire, perché se c'era una squadra che meritava il passaggio del turno eravamo solo noi”.