Atletica Leggera. Storico argento e record regionale per Ludovica Clementini

L'atleta abruzzese sui 100 metri chiude in 11''97

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2739

Atletica Leggera. Storico argento e record regionale per Ludovica Clementini




RIETI. I Campionati Italiani Allievi (under 18) di atletica leggera, che si sono conclusi domenica 22 giugno a Rieti, vanno in archivio, per l’atletica abruzzese, con due medaglie di bronzo e due primati regionali di categoria. La copertina spetta alla velocista Ludovica Clementini, piazzatasi terza sui 100 metri. La 17eenne atleta aquilana, allenata da Giulia Fischione, oltre al conseguimento della medaglia di bronzo è stata protagonista di una prestazione statisticamente storica per l’atletica abruzzese. E’ la prima Allieva a essere scesa sotto i 12 secondi sui 100, avendo fatto segnare 11”97 in batteria di qualificazione con vento regolare di + 1,4 metri al secondo. Il precedente record di categoria apparteneva a Claudia Ferrelli (Serafini Sulmona) con 12”07, risalente al 1990. Il tempo della Clementini è il terzo assoluto di sempre in Abruzzo, dietro all’inarrivabile, per il momento, 11”41 della pescarese Carla Mercurio, datato 1985, e l’11”4 (cronometraggio manuale) della stessa sulmonese Claudia Ferrelli, risalente al 1992, quando era categoria Juniores. L’esito della finale di Rieti, però, ha forse lasciato un po’ di amarezza alla Clementini che, dopo essersi qualificata con il miglior tempo, si è vista superare dalle sue principali avversarie negli ultimi 50 metri. Ha vinto la bolzanina Julia Victoria Calliari (ASV LC Bozen) con 11”96, davanti a Daniela Tassani (Bracco Atletica Milano), seconda con 11”96 (ma tre millesimi dietro al fotofinish). L’atleta aquilana ha chiuso terza in 12”14 (vento + 0,8 m/s), ma con la soddisfazione di essersi ormai inserita tra le promesse della velocità italiana. Il giorno successivo ha preso parte anche ai 200 metri, dove si è piazzata settima con il tempo 25”26 (vento + 2,3 m/s). Se non fosse stato ventoso, il crono le sarebbe valso il primato personale, che rimane di 25”36. La gara è stata vinta da Daniela Tassani (Bracco Atletica Milano) con 24”26. Sulla scia delle Clementini, interessanti progressi anche per la non ancora sedicenne Giulia Naddei (U.S. Aterno Pescara), quinta in batteria sui 100 con 12”61 (vento + 1,4 m/s).
Sempre in tema di velocità, i 100 hanno riservato soddisfazioni anche a livello maschile. Umberto Tammaro (U.S. Aterno Pescara), dopo aver conquistato la finale con il nuovo primato personale, 11”02 (vento +1,7 m/s), si è piazzato settimo con 11”08 (vento + 1,9 m/s). La finale è stata vinta da Diego Pettorossi (Virtus Emilsider Bologna) con 10”70. In batteria, miglioramento anche per Alex De Federicis (Gran Sasso Teramo) con 11”35 (v. + 1,7 m/s).
L’altra medaglia della spedizione abruzzese è arrivata dalla marcia femminile. Sulla distanza dei 5000 metri la teatina Vanessa Tomei (Gran Sasso Teramo) ha conquistato il terzo posto, chiudendo in 25’48”35 alle spalle dell’inarrivabile capolista europea Noemi Stella (Atletica Don Milani Taranto), prima in 23’26”96, e della sorpresa Cindy Porcu (Cariri Rieti), seconda in 25’25”27. Da sottolineare l’eccellente sesto posto di Fabiana Bucci (Serafini Sulmona), al primato personale migliorato di oltre trenta secondi, che ha chiuso in 26’40”17. 

Il quarto posto di Alessia Beneduce (U.S. Aterno Pescara) nel lancio del martello (Kg 3) vale forse quanto una medaglia. La sedicenne lanciatrice pescarese ha stabilito per la settima volta in questa stagione il record regionale di categoria con la misura di 57,42 metri. Il giorno precedente, in fase di qualificazione, aveva fatto segnare un altro record, con 56,61 metri. Gara di alto livello tecnico, con le prime tre classificate oltre i 60 metri. Vittoria di Lucia Prinetti Anzalapaya (Decathlon Vercelli) con 64,94 metri.
Un’altra importante impresa tecnica è il quarto posto di Marco Macchia (Bruni Atletica Vomano) sui 2000 siepi, con 6’09”85, miglioratosi di quasi sette secondi. La gara è stata una corsa contro il cronometro di Yohanes Chiappinelli (Atletica Siena), vincitore in 5’46”20, oltre venti secondi su Francesco Agostini (Atletica Vallecamonica Brescia), secondo con 6’06”64.
Ci si aspettava di più dall’ostacolista teatino Riccardo Falasca (Gran Sasso Teramo) sui 110, accreditato del terzo temo stagionale. Gara sfortunata, nella quale è stato eliminato in batteria con un modesto 15”49. Meglio il compagno di squadra Tommaso Marcone, terzo in batteria con 14”97 (vento + 1,0 m/s), qualificatosi per la finale dal 9° al 16° posto dove è giunto sesto con 15”35 (vento – 2,2 m/s).