SERIE B

Pescara calcio. Il tormentone Zeman è infinito. In settimana novità importanti?

Lutto: a pochi giorni dall'assoluzione è morto l'ex presidente Dante Paterna

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2579

Pescara calcio. Il tormentone Zeman è infinito. In settimana novità importanti?




PESCARA. La dirigenza del Delfino, sfumata ogni possibilità di cessione di parte del pacchetto azionario ad investitori stranieri, ha iniziato a muovere i primi (anche se timidi, ndr) passi in vista della prossima stagione. Il sogno principale per la panchina resta Zdenek Zeman, la cui risposta definitiva è attesa per la metà di questa settimana. Sì o no, quest'ultimo più probabile, il tutto per buona pace del patron Daniele Sebastiani dovrà definirsi nell'arco di pochi giorni per non ritardare la programmazione in vista del prossimo anno. «Non c'è stato alcun contatto col boemo» si è affrettato a puntualizzare Sebastiani, che al di là delle dichiarazioni di facciata non può nascondere una trattativa in piedi già da qualche giorno.
Di certo c'è che Serse Cosmi non resterà, nonostante il forte gradimento espresso dalla Curva nell'ultima gara stagionale all'Adriatico col Modena.
In ogni caso il nuovo Pescara costerà di meno, un po' più della metà della gestione corrente, e per forza di cose punterà tutto o quasi su giovani di belle speranze e sull'abbattimento del monte ingaggi. La sconfitta di Empoli, che ha chiuso nel peggiore dei modi un ciclo di addirittura 11 gare con una sola vittoria all'attivo, è stata l'ultima in maglia biancazzurra per diversi elementi dall'esperienza comprovata in Serie B. Capitan Balzano è sempre più vicino all'addio e come lui Pelizzoli, Schiavi, Rossi, Salviato, Bovo e Samassa, tutti con contratto in scadenza o prestito fino a giugno. Incerto invece il futuro dei vari Capuano (l'unico completamente di proprietà ad avere un po' di mercato insieme a Brugman, ndr), Mascara, Cutolo, Rizzo e Sforzini, legati al Pescara con contratti pluriennali. Ragusa è destinato da mesi a Genova sponda rossoblù.
Resteranno a meno di sorprese Nielsen, Maniero e e tutti i giovani più interessanti della “cantera” biancazzurra, intorno ai quali verrà costruito il Pescara che verrà.
Ieri infine l'atteso “rompete le righe” estivo. La squadra (o meglio i superstiti di questa annata tutta da dimenticare, ndr) si rivedrà a luglio per il contestato ritiro di Boario, nei pressi di Brescia.

LUTTO. A POCHI GIORNI DALL'ASSOLUZIONE È MORTO L'EX PRESIDENTE BIANCAZZURRO DANTE PATERNA
L'ex presidente del Pescara Dante Paterna (67 anni compiuti, ndr) è morto a seguito di una lunga malattia. Il suo avvento al timone della Pescara calcio (dal 2004 al 2007, ndr) al posto del compianto Pietro Scibilia segnò l'inizio del momento più difficile della storia recente del club, che di lì a pochi anni fallì dopo l'avvicendamento alla presidenza di Renzetti, Pincione ed infine Soglia fino alla rinascita del nuovo sodalizio (Delfino Pescara 1936). Della sua presidenza si ricorda però il positivo anno con Maurizio Sarri, con la squadra che conquistò una tranquilla salvezza in Serie B. Scherzo del destino, Paterna soltanto qualche giorno fa era stato assolto dall'accusa di evasione fiscale. La malattia però non gli ha consentito di vivere con serenità questo momento atteso dal lontano 2010, anno di inizio del processo.
Andrea Sacchini