Basket Serie C. Nelle semifinali vittoria del Pescara sul Magic Chieti. Tutto facile per Ortona

Giovedì l'attesa Gara 2. Le abruzzesi sognano la Divisione Nazionale C

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1955

Basket Serie C. Nelle semifinali vittoria del Pescara sul Magic Chieti. Tutto facile per Ortona




ABRUZZO. Non c'è storia nel primo atto della serie di semifinale (ma si tratta a tutti gli effetti di una finalissima, visto che c'è in palio la promozione in DNC) tra Pescara Basket e Magic Chieti: i biancazzurri di coach Tracanna si impongono facilmente, come testimonia il punteggio finale di 72-47, portandosi a casa il primo punto del confronto.
I padroni di casa partono con Morè, De Luca, Lestini, Cantatore e Stilla, dall'altra parte coach Tempera schiera Italiano in cabina di regia con il duo Mariani-Di Falco sul perimetro assieme a Lagioia e Sprecacenere. La partenza è contratta per Pescara, condizionata probabilmente anche dalla lunga astinenza di gare ufficiali (l'ultima sul parquet di Ripalimosani datata addirittura 13 aprile): i biancazzurri fanno fatica sopratutto in attacco, dall'altra parte un buon impatto di Lagioia permette agli ospiti di condurre sul 4-7 a metà del primo parziale. La verve di Morè (palla recuperata e canestro) consente ai suoi di rimanere vivi, ma è comunque il Magic (ancora trascinato da Lagioia) a chiudere avanti sul 12-18 la prima sirena.
In avvio di secondo quarto è l'ingresso di Di Giorgio a dare una scossa a Pescara: cinque suoi punti in fila riportano i biancazzurri ad una sola lunghezza di distanza. Il preludio ad un parziale che cambierà di fatto la storia del match: Febo e De Luca confezionano il sorpasso (28-24 al 18°), e poco prima dell'intervallo lo stesso Febo e Lestini con una tripla a testa allungano il gap fino al 34-26 di fine primo tempo.
Il momento favorevole a Pescara prosegue al rientro in campo: a salire in cattedra è uno strepitoso Lestini, che con una raffica dall'arco dei 6.75 consente ai suoi di scappare (devastante parziale di 16-0, suggellato da un 2+1 di Di Flavio). Il match assume di fatto già i contorni del garbage time, nonostante un tenace Di Falco provi a tenere vivi gli ospiti. Un'altra bomba di Febo, seguita dal bel piazzato di Adonide riportano Pescara sopra i venti di scarto sul 57-35 con cui si chiude il terzo parziale.
Anche nell'ultimo quarto, nonostante il successo ormai ipotecato, Pescara continua a premere sull'acceleratore: Adonide ispira il massimo vantaggio casalingo con 5 punti consecutivi sul 65-37, il compagno di reparto Stilla si procura anch'esso il 2+1 con cui i biancazzurri si portano sul 68-40. Gara1 non ha di fatto più molto da dire, e nel finale c'è spazio anche per il giovane Venturoli che con un canestro fissa il punteggio finale di 72-47.
Chiara la soddisfazione in casa biancazzurra per una gara-1 praticamente dominata: da rimarcare soprattutto l'aspetto difensivo, con Cantatore e compagni capaci di tenere Chieti a soli 17 punti nei due quarti centrali, quelli in cui di fatto si è decisa la contesa. La serie contro i biancoverdi resta però dura e impegnativa: la serata-no di Italiano e Mariani (entrambi a 0 punti) ha condizionato l'attacco ospite, ma in gara-2 sarà lecito aspettarsi qualcosa in più dal Magic. Appuntamento fissato dunque per giovedì 15 (palla a due alle 20:30).

LISCIO COME L'OLIO PER LA WE'RE BASKET ORTONA COL TERMOLI
Inizia nella maniera migliore la semifinale playoff del We're Basket Ortona, che supera l'Airino Termoli con un perentorio 88-52 frutto di una partita giocata con notevole intensità nelle due metà campo, spettacolari giocate offensive, una media elevata al tiro da tre punti ed una difesa che ha concesso davvero poco ai malcapitati ospiti, che pur essendo la quarta forza del campionato si sono visti affibbiare 36 punti di scarto, rimediando la quarta sconfitta nei quattro scontri diretti finora disputati in questo campionato.
La gara del We're Basket è stata un costante incedere nel punteggio, che provoca una progressione inesorabile nel divario tra le due formazioni: +10 già nel primo quarto e +17 nel secondo, con Termoli che ha una fiammata che vale un 7-0 di parziale, e si riavvicina nel punteggio, ma all'intervallo è comunque sotto di dodici punti.
Al rientro sul parquet c'è il break che decide la partita: un 12-0 targato We're, con Ilic in gran spolvero mentre il quintetto molisano resta a secco per cinque lunghi minuti.
È Marinaro – autore di una grande partita – a spezzare il digiuno dell'Airino, ma ormai i padroni di casa hanno messo in cassaforte la vittoria, e potendo giocare in scioltezza dilagano nel vantaggio fino all'88-52 finale.
Vittoria di squadra per l'Ortona, ma con tre uomini che si ergono a protagonisti del match: Nikola Munjic, Valerio D'Alessandro e Nicola Leonzio.
Il pivot serbo gioca una partita di sostanza, domina sotto le plance capitalizzando ogni rimbalzo offensivo ed alla fine mette a referto 19 punti, miglior marcatore dell'incontro assieme a Marinaro.
D'Alessandro detta i tempi giusti per l'attacco biancoblù ma senza rinunciare alle iniziative personali, e realizza 16 punti mostrandosi molto preciso dall'arco dei 6,75.
Leonzio si conferma illegale a questi livelli: anche lui precisissimo dall'arco, firma un paio di eccezionali canestri in penetrazione nella trafficatissima area molisana ed alla fine fattura 18 punti senza forzare mai un tiro.
Grazie a questo trio delle meraviglie il We're Basket Ortona si aggiudica quindi gara uno della semifinale playoff che – lo ricordiamo – alla fine della serie al meglio delle cinque partite decreterà la promozione in DNC della formazione vincente.
Trentasei punti di scarto sembrano un buon viatico per gara 2 – giovedi alle 20:30 a Termoli – ma in casa We're c'è gente giusta che rifiuta di esser preda di facili entusiasmi e ideologie alla moda, e sanno che bisognerà impegnarsi al massimo per avere ragione di un Airino Termoli che non vorrà vestire i panni dell'agnello sacrificale.

PESCARA BASKET-MAGIC CHIETI 72-47 (12-18; 34-26; 57-35)
PESCARA: Cantatore 4, Piscione 2, Morè 4, Febo 11, De Luca 7, Di Flavio 3, Di Giorgio 5, Stilla 9, Adonide 9, Lestini 16, Venturoli 2, Di Pinto ne. Coach: Tracanna.
CHIETI: Nepa, Di Falco 8, Gentile 5, Italiano, Sprecacenere 2, Mariani, Diodati, Febbo 2, Milillo 3, Palena 2, Ponziani 3, Lagioia 22. Coach: Tempera.
WE'RE BASKET ORTONA – AIRINO TERMOLI 88-52 (21-12; 42-30; 69-43)
WE'RE BASKET ORTONA: D'Alessandro 16, Di Raimondo, Brandimarte, Ilic 8, Leonzio 18, Brown 2, Griffo 2, Agostinone 8, Munjic 19, Salvatore 4, Pacella 2, Scavongelli 9. All. Salomone.
AIRINO TERMOLI: Marinaro 19, Di Lembo 7, Davico 2, Muccino 4, Zurlino, Coronese, Celenza 4, Sisto 11, Cau, Bertinelli 5, Colasurdo n.e. All. Di Lembo.
Arbitri: Tarquinio e Pasqualone.