SERIE B

Il Pescara si sblocca e di misura supera il Siena. Scacciati i fantasmi play-out

Sforzini risolve in mischia una gara brutta. Martedì derby col Lanciano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1751

Il Pescara si sblocca e di misura supera il Siena. Scacciati i fantasmi play-out




PESCARA. Con un gol di Sforzini al 25esimo della ripresa il Pescara con qualche affanno supera 1-0 il Siena e lascia definitivamente alle spalle i fantasmi della retrocessione.
Successo tutto sommato giusto per i valori tecnici espressi in una gara brutta soprattutto nel primo tempo, con i biancazzurri che hanno trovato le solite grandissime difficoltà in fase di costruzione della manovra. Più che la prestazione serviva un successo, che ha blindato una volta per tutte la permanenza in Serie B.
Ritmi blandi e partenza soft da parte di entrambe le squadre, con i biancazzurri avvolti dalle solite paure ed incapaci di calarsi almeno in avvio nel clima di una gara da vincere a tutti i costi per allontanare le zone calde della classifica. I nuovi esperimenti tattici di Cosmi, con Salviato preferito nel mezzo a Nielsen e Rizzo, oltre all'ennesima sonora bocciatura per i 2 centrocampisti suona come l'ennesimo segnale di una confusione che oramai regna sovrana nelle stanze dei bottoni dirigenziali come sulla panchina del delfino.
In fase di non possesso palla i biancazzurri coprono bene il campo, ma sono troppo distanti dalla porta avversaria. Nonostante una buona compattezza a centrocampo, la distanza da coprire palla al piede è troppa per dare velocità sufficiente alla manovra e mettere in apprensione l'attenta retroguardia del Siena. I continui errori poi in fase di impostazione di un centrocampo privo di idee e tecnica, oltre a non dare profondità all'azione d'attacco, consente al Siena di controllare piuttosto agevolmente l'incontro. Non è un caso se le uniche emozione dell'incontro la regalano gli ospiti su errori degli abruzzesi in fase di disimpegno. Al minuto 24 con Pulzetti, entrato da poco in sostituzione dell'infortunato Rossetti, che spara alle stelle dopo una serie di batti e ribatti nel cuore dell'area di rigore. Prima del riposo Rosina da fuori non inquadra di un nulla lo specchio della porta.
Il resto sono solo e soltanto fischi all'indirizzo di un Pescara inesistente in avanti e capace di effettuare neanche una conclusione in porta.

SECONDO TEMPO. SFORZINI ENTRA E RISOLVE IN MISCHIA: VITTORIA SALVEZZA
Al settimo Rossi da fuori impegna Lamanna. Al nono rasoiata da fuori di Salviato con pallone che sfiora il palo alla destra di Lamanna. L'uscita di Brugman per infortunio e di Salviato per scelta tecnica, con l'inserimento di Sforzini punta centrale in un inedito 4-4-2, mutano nell'immediato la storia di un match noioso ed equilibrato: calcio piazzato di Ragusa ed in mischia da 2 passi tocco risolutore del neo-entrato Sforzini per il punto dell'1-0.
Sbloccato il punteggio il Pescara si lascia alle spalle limiti e difficoltà e conclude la gara senza grossi patemi d'animo, sfiorando anche il 2-0 ancora con Sforzini (traversa) e subendo qualcosa solo in piena recupero con Rosina che nel cuore dell'area ha concluso altissimo.
Con questa vittoria il Pescara è salito a 50 punti in classifica. Martedì derby d'Abruzzo allo stadio Adriatico contro la Virtus Lanciano, con l'obiettivo di ritrovare continuità e soprattutto serenità.

TABELLINO
PESCARA (3-5-2): Pelizzoli; Zauri, Capuano, Bocchetti; Balzano, Salviato (22'st Sforzini), Brugman (14'st Nielsen), Bovo, Rossi; Ragusa, Maniero (35'st Mascara). A disposizione: Belardi, Politano, Caprari, Cutolo, Rizzo, Zuparic. Allenatore: Cosmi.
SIENA (3-4-3): Lamanna; Belmonte (32'st Cappelluzzo), Giacomazzi, Dellafiore; Angelo, Vergassola (1'st Spinazzola), Valiani, Feddal; Rosina, Rossetti (12'pt Pulzetti), Scapuzzi. A disposizione: Farelli, Ceccarelli, Fabbrini, Thomas, Schiavone, Matheu. Allenatore: Beretta.
ARBITRO: Daniele Minelli della sezione di Varese. Guardalinee: Raparelli-Pentangelo.
NOTE: Presenti sugli spalti circa 5mila spettatori. Ammoniti: Brugman, Feddal, Angelo, Valiani.
Andrea Sacchini