SERIE B

Pescara Calcio. Zeman e futuro, Cosmi è un fiume in piena: «serve rispetto, difenderò la mia immagine»

Stampa, società, giocatori: il tecnico umbro ne ha per tutti. In prova un difensore polacco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4669

Serse Cosmi

Cosmi




PESCARA. Era solo questione di tempo. Le voci sul probabile avvicendamento in panchina tra Cosmi e Zeman, nonostante le smentite di rito della società del patron Daniele Sebastiani, alla fine hanno stancato anche Serse Cosmi, che ha parlato ai cronisti in un'insolita conferenza stampa organizzata dallo stesso tecnico ad inizio settimana.
«Mi sono presentato con grande entusiasmo ed umiltà» – ha dichiarato un Serse Cosmi stizzito da alcune voci circolate nelle ultime settimane a mezzo stampa – «dando rispetto a società, tifoseria che rispetto. Se dovessi tornare indietro rifarei la stessa scelta e ne sono convinto ancora di più. Ho capito più o meno qual'è la realtà di questa città. Ho dato tanto rispetto a tutto ma purtroppo non ho ricevuto altrettanto rispetto».
Frase pesante che viene puntualizzata dallo stesso ex mister di Siena e Perugia: «non significa essere criticati per il lavoro che si propone, perché fa parte del gioco e del nostro lavoro. Ora devo difendere quella che è la mia professionalità e la mia immagine. Io ed il mio staff non siamo qui da mercenari. Sia ben chiaro che sono venuto qui perché credevo e credo ancora di fare un buon lavoro, non per il lato economico. Quando sono arrivato oggettivamente era una situazione molto difficile».
«Quando la società mi ha chiamato» – prosegue Cosmi – «mi ha chiesto di tirare la squadra fuori da quella situazione e non di raggiungere i play-off. O meglio la priorità era di risollevare la squadra che veniva da sei sconfitte di fila. Non posso aprire sistematicamente le pagine dei giornali e leggere il de profundis sulla squadra. Mancano 6 partite con 18 punti ancora da assegnare. Fino all'ultimo secondo che starò a Pescara darò tutto, poi se debbo essere considerato un incapace ci sto ma fino ad un certo punto. L'oggettività ed onestà deve averla anche la stampa, che indirizza un po' le cose».
Il clima surreale che si respira in riva all'Adriatico può avere diversi effetti collaterali: «al giocatore si danno giustificazioni in più quando sui giornali si legge del futuro e che l'attuale allenatore non verrà confermato. Chiedo di parlare del presente perché il futuro del Pescara sono soltanto i 18 punti che devono essere conquistati. Sembra che io sia qui per fare queste sei partite e basta, come se io avessi bisogno di fare queste 6 partite. Se io devo vivere queste 6 partite in questo contesto, mi chiudo con i miei giocatori e basta. Inutile fare conferenze stampa per parlare delle partite quando sui giornali si parla di tutt'altro».
«Se per la stampa il futuro è già iniziato» – chiude risentito Cosmi all'indirizzo della stampa – «è inutile fare conferenze stampa. Se volete parlare, parlate col futuro. Io ho una dignità ed una carriera e non ho paura di nessuno. La stessa rabbia e volontà l'ho messa qui come dovunque. Poi non è vero che i risultati non ci sono».

IN PROVA UN GIOVANE DIFENSORE POLACCO
Il Pescara ha ripreso ieri mattina gli allenamenti in vista del match di sabato a Carpi, importantissimo in chiave salvezza. Hanno svolto lavoro differenziato Rossi e Zuparic mentre Belardi, Cosic e Samassa non si sono allenati. Solito percorso riabilitativo per Schiavi, che dovrebbe tornare a piena disposizione per i primi di maggio. Si è allenato col gruppo anche Gracjan Horoszkiewicz, possente difensore centrale polacco classe 1995. L'ex Herta Berlino in questa stagione è stato impiegato col contagocce in seconda squadra e sosterrà in riva all'Adriatico un provino di qualche giorno prima di essere attentamente valutato dallo staff tecnico biancazzurro. In passato Horoszkiewicz, tra i maggiori talenti del calcio polacco, è stato già vicino al trasferimento in Italia alla Sampdoria e soprattutto alla Roma, dove era molto stimato dal Ds Sabatini.
Domani allenamento a porte aperte alle ore 15,30 al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo.
Andrea Sacchini