Football Americano. Non c'è storia. Crabs Pescara facili 52-0 sui Leones Poggiofiorito

Girone chiuso al secondo posto. Ora il delicato impegno della Wild Card

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2157

Football Americano. Non c'è storia. Crabs Pescara facili 52-0 sui Leones Poggiofiorito




PESCARA. Si è conclusa nel migliore dei modi la Regolar Season per i Pescara Crabs. Una vittoria, la prima stagionale senza incassare punti, e morale alle stelle in vista del delicato impegno della wild card. Al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo, sotto il diluvio, i pescaresi si sono affermati per 52-0 contro i Leones Poggiofiorito. L'altra abruzzese del football a 9, i Goblins Lanciano, ha perso 26-0 contro i Jokers. Questi risultati hanno sancito la definitiva classifica del Gruppo D: Jokers 12, Crabs 8, Goblins 4, Leones 0.
Il derby abruzzese si è messo subito bene per i pescaresi, che hanno riportato in touchdown il kick off degli ospiti con il brillante Muciaccia. Giordani, poi, ha realizzato il punto addizionale e da li è cominciato il monologo dei Crabs. Va comunque detto che i Leones, sempre battaglieri e corretti, erano a ranghi ridotti. Orchestrati dal QB Camplone, alla prima da titolare e con due TD pass all'attivo, i biancorossoblù sono andati in touchdown anche con Sall e Giardinelli ( 2 volte ciascuno ), Morra e di nuovo Muciaccia. Due in tutto i calci addizionali di Giordani, mentre ci sono state tre trasformazioni, da due punti ciascuno, di Marinucci ( 2 volte ) e Di Silverio, al rientro dopo un lungo stop causato da un infortunio muscolare durante uno stage con la nazionale. Gli ultimi punti sono arrivati grazie a un safety del sempreverde Pelaccia. Brillanti le prestazioni dei giovanissimi Finore e Rosini. Se la difesa dei coach Lanaro, Ballone e Iezzi può festeggiare il turno di imbattibilità, l'attacco ha di che essere soddisfatto per la buona riuscita di moltissimi schemi. I ragazzi dei coach Vannozzi, Di Sante ed Esposito hanno colpito con i runner e con i ricevitori. Il gioco aereo dei Crabs è una rarità nella III Divisione. L'head coach Santuccione e il presidente Mancini possono guardare al futuro con fiducia perché i giovani e i debuttanti si sono amalgamati bene con i veterani come Colasante, Di Filippo e Taccone ( autore di due intercetti ). La wild card di fine maggio dirà se i pescaresi sono pronti per le prime piazze o se bisognerà aspettare la piena maturazione. Una citazione per gli Special Team di Camplone, che hanno chiuso la stagione regolare con 43 punti all'attivo e non hanno ceduto agli avversari neppure una trasformazione addizionale. La giornata del Poggio ha regalato anche un episodio che racchiude l'essenza del football: Silvio de Dominicis, un centinaio di presenze nei Crabs anni '80 e '90, ha rimpiazzato l'uomo catena e ha affrontato l'acquazzone, per poi festeggiare la vittoria insieme al pacchetto degli allenatori, tutti suoi ex compagni di squadra.
Marcatori Crabs: 5 Zenobio, 4 Muciaccia e Sall, 2 Kirylo, Baldonero e Morra, 1 Marinucci, Mincone, Pelaccia e Buglione.
Trasformazioni da 2 punti: 2 Marinucci, 1 Di Silverio.
Trasformazioni da 1 punto: 13 Giordani.