Basket. Firenze domata 94-86. Per il Roseto è una vittoria che vale tantissimo

I biancazzurri presentano la propria candidatura per i play-off

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1252

Basket. Firenze domata 94-86. Per il Roseto è una vittoria che vale tantissimo




ROSETO. Roseto saluta le gare interne della stagione regolare, battendo Firenze con il risultato di 94-86, a seguito di una partita strana (dal +16 del 2° quarto, al -7 del 3°), comunque dall’esito meritato. Stanic e compagni ottengono dunque 2 punti di assoluto valore in vista della corsa ai playoff: grazie alla vittoria sui fiorentini, gli Sharks scavalcano Chieti (che ha osservato il turno di riposo) a quota 28 punti, issandosi al 9° posto in classifica, l’ultimo utile per accedere alla post season.
Saranno quindi le due abruzzesi di Silver, Roseto e Chieti, a giocarsi l’ingresso ai playoff in occasione dell'ultimo turno di campionato, previsto per domenica 27 aprile 2014: Roseto a Ferrara e Chieti a Firenze. Se Roseto vince, accede ai playoff indipendentemente dalle gesta dei cugini teatini; se Roseto perde e Chieti perde, sono i rosetani ad andare ai playoff; se Roseto perde e Chieti vince, sono i ragazzi di Bartocci ad aggiudicarsi il ticket per gli spareggi promozione. Infondo, il Derby non può dirsi ancora del tutto archiviato.
Tornando alla partita di questo pomeriggio, risultano decisivi, per l’ennesima volta in stagione, i 27 punti di Alex Legion, cui ha abbinato anche la cattura di 8 rimbalzi. Saltano all’occhio i 20 punti di Sowell che, dopo la bella prova fornita a Matera domenica scorsa, si ripete in casa ricevendo “l’abbraccio” del PalaMaggetti a fine gara. Positiva anche la prestazione del capitano rosetano, Nicolas Stanic, in “doppia doppia” con 19 punti e 10 assist. Dall’altra parte, Young si è dimostrato essere la vera spina nel fianco degli abruzzesi, con 24 punti e 6 assist, al pari di Rabaglietti, autore di 21 punti. La difesa di casa, inoltre, ha sofferto parecchio la fisicità di Castelli, che nel finale ha sciupato una ghiotta opportunità dalla lunetta per consentire all’Enegan di rientrare in partita.
In ogni caso, il numero da analizzare riguarda la voce “tiro da 3 punti”: gli Squali hanno pescato ben 15 bombe nel corso del match, mentre i toscani sono andati a segno solo 4 volte da oltre l’arco dei 6.75. Eppure, i ragazzi di Caja sono rimasti aggrappati al match fino al 39’, infilando la bellezza di 86 punti, per giunta in trasferta. Numeri che fanno riflettere, ma che, almeno questa sera, lasciano spazio alla gioia di un successo che, abbinato alla vittoriosa trasferta lucana di domenica scorsa, proiettano i biancazzurri verso la realizzazione del “sogno” playoff. In ogni caso, è ancora presto per parlare, dato che mancano ancora 40 minuti di stagione regolare, in cui tutto è ancora possibile.
Alla palla a due, coach Trullo propone lo stesso starting five sceso in campo al PalaSassi di Matera la domenica precedente, ovvero con Stanic, Sowell e Legion esterni, Metreveli e Bisconti sotto le plance. Coach Caja (ex di turno, per via dei trascorsi rosetani nella serie A del 2005/2006) risponde con Young, Rabaglietti e Severini fuori dall’arco, Conti e Castelli nel pitturato. L’avvio è più che equilibrato, con entrambe le squadre che producono canestri abbastanza facilmente, prima che Roseto, spinto da Sowell (finalizzatore di uno splendido alley-up propiziato da Stanic) e Metreveli, non effettui il primo allungo sul +5. Vantaggio poi incrementato sul + 8 del 10’ (23-15), alimentato “dall’ingresso” in campo di Legion.
Nel secondo quarto, sono i jump shot di quest'ultimo e le triple di Stanic a trasportare gli adriatici sul massimo vantaggio di 16 punti, grazie a un parziale di 8-0 (31-15). Nel miglior momento dei locali, però, Firenze ha un sussulto d’orgoglio, ispirata da Young che inizia davvero a fare male agli Sharks: sarà l’americano giunto da Imola (DNA Gold) a risvegliare, oltre i suoi, i poteri sopiti di Rabaglietti e Castelli, i quali iniziano a martellare il canestro difeso dai padroni di casa. In meno di 5 minuti, l’Enegan iscrive a referto un parziale devastante di 2-18, impattando sul 33 pari a circa 3 minuti dalla seconda sirena. Roseto prova a riemergere con Metreveli, ma i fiorentini hanno ormai acquisito la fiducia necessaria per giocare a viso aperto. Tira e molla fino al 20’, con Conti che riavvicina Firenze sul -1 allo scadere (39-38), dopo che Metreveli aveva trovato il lay-up del +3.
In avvio di ripresa, gli ospiti partono forte, complici anche le troppe palle perse degli Sharks: break di 0-8 per Rabaglietti and company che, dal -16 di qualche minuto prima, si portano addirittura sopra di 7. Roseto ha gli ingranaggi bloccati, soprattutto in attacco, con la panchina che è costretta a ricorrere al time-out per tamponare una Firenze più che arrembante e decisa ad espugnare il PalaMaggetti. Dopo il minuto di sospensione, Sowell, limitato a soli 2 punti segnati nel primo tempo, entra in partita e sblocca la terza frazione degli Sharks con 2 triple intervallate da quella del connazionale Legion: la Modus FM acciuffa l’Enegan, per poi tornare in surplus. In tutti i modi, Young non molla e mantiene a galla i suoi, fino al 62 pari del 29’. Allo scadere, però, ci pensa Zaharie, che dai 3 punti punisce la difesa fiorentina, mandando le due squadre a consumare l’ultimo mini break sul 65-62.
Negli ultimi e decisivi 10 minuti, Roseto mantiene un costante vantaggio, con Legion, Stanic e Sowell che risulteranno sempre tempestivi nel respingere ogni tentativo ospite di rimonta. E’ una schiacciata di Legion, valida per il 79-72, a chiudere probabilmente il match, almeno psicologicamente. I toscani provano a rientrare con 2 liberi di Conti per il -5, ma ormai il tempo è tiranno, con i biancazzurri che gestiscono lo strappo nei minuti finali durante la "sagra" della lunetta, per poi esultare col proprio pubblico a seguito del 94-86 che sancisce il termine della sfida.
Prossimo turno, domenica 27 aprile 2014, quando la Modus FM se la vedrà in trasferta contro Ferrara, per l’ultima di campionato che può valere i playoff.

MODUS FM ROSETO SHARKS – ENEGAN FIRENZE: 94-86
Roseto: Sowell 20, Legion 27, Zaharie 6, Stanic 19, Leo, Genovese, Marini, Ricci 6, Bisconti 4, Metreveli 12, All. Trullo
Firenze: Young 24, Cucco, Quaglia 6, Rabaglietti 21, Schiano ne, Severini 5, Conti 11, Rancic, Castelli 19, Baggio ne, All. Caja
Arbitri: Nicolini Alessandro, D’Amato Alex, Tallon Umberto
Note: Usciti per 5 falli: Metreveli (Roseto). Parziali: 23-15, 39-38, 65-62, 94-86. Roseto: 30/59 al tiro, 15/34 da 3, 19/23 ai liberi, 30 rimbalzi (8 off.), 24 assist, 14 palle perse, 3 palle recuperate, 111 valutazione. Firenze: 28/68 al tiro, 4/23 da 3, 26/33 ai liberi, 35 rimbalzi (14 off.), 13 assist, 9 palle perse, 5 palle recuperate, 87 valutazione. Spettatori: 1800 circa. Turno di DNA Silver: 29°.