SERIE B

Virtus Lanciano. Prima crisi e Mammarella ha la cura: «dimenticare a tutti i costi Padova»

I rossoneri sabato ospitano al Biondi il Modena di Novellino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1539

Virtus Lanciano. Prima crisi e Mammarella ha la cura: «dimenticare a tutti i costi Padova»

Mammarella




LANCIANO. Non conta che l'obiettivo salvezza sia stato già centrato con abbondante anticipo. Il disastro di Padova, la peggiore sconfitta della storia biennale della Virtus Lanciano in Serie B, va al più presto dimenticato e riscattato con un buon risultato e ancora meglio con una prestazione orgogliosa e di grande personalità. Lo sanno benissimo i giocatori frentani, che per la prima volta in stagione hanno ascoltato qualche fischio più di amarezza e delusione che di rabbia. All'orizzonte c'è la gara di sabato al Biondi contro il Modena, che fin'ora in stagione si è espresso con alti e bassi senza mai trovare davvero continuità di prestazioni e risultati. Cosa che invece fin'ora ha sempre fatto la Virtus, che per la prima volta è costretta a fare i conti con questa mini-crisi.
«Logicamente quando perdi una partita 5-1 ti verrebbe da dire che non ha funzionato nulla» – ammette Carlo Mammarella – «Però il mister ci ha fatto vedere l'analisi dettagliata della partita. Nel primo tempo la Virtus ha fatto il suo, a cospetto di una squadra come il Padova che era quasi all'ultima spiaggia. Inspiegabile è il crollo del secondo tempo, ma sicuramente ci lavoreremo su».
La sconfitta non è preoccupante secondo l'ex Primavera del Pescara: «più che crollo mentale, io la considero come una singola partita, o meglio alcuni minuti. In un'annata capita che qualsiasi cosa fai vada per il verso sbagliato. L'anno scorso l'abbiamo vissuto sulla nostra pelle a Bari e quest'anno spero che questa sia l'ultima volta. Però è normale che un episodio simile possa accadere a tutte le squadre, dalla serie A fino alle più grandi squadre. Può capitare di incappare in una giornata più che negativa».

Sul prossimo avversario: «il Modena è squadra in forma, che viene da ottimi risultati. Una squadra forte, composta da ottimi giocatori. Non ci dimentichiamo mai di quali erano i progetti iniziali di tutte queste squadre che oggi si ritrovano a rincorrere un posto nei playoff. Dovremmo essere bravi a fare la nostra partita, cercando di dimenticare il più presto possibile Padova».
«Abbiamo ripreso gli allenamenti e stiamo iniziando a lavorare in ottica Modena» – prosegue il capitano della Virtus Lanciano – «Aspettiamo i video che ci prepara il mister sulle ultime partite dell'avversario. Tuttavia, non ci dobbiamo preoccupare tanto dell'avversario, ma di quello che dobbiamo fare noi».
Del match d'andata, chiuso con una sconfitta immeritata, brucia ancora il gol vittoria di Babacar, realizzato in netta posizione di offside: «al di là del gol dell'andata (stop di mano e fuorigioco di Babacar ndr), nel calcio non c'è bisogno di vendicarsi di qualcosa. Noi dobbiamo cercare di ritrovare le motivazioni per fare questo finale di campionato alla grande, al di là di chi possa essere il nostro avversario».

Andrea Sacchini