SPORT

Sesta tappa Tirreno Adriatica, lunedì partenza da Bucchianico

Si comincia alle ore 11,40

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3786

Sesta tappa Tirreno Adriatica, lunedì partenza da Bucchianico

Sesta tappa Tirreno Adriatica, lunedì partenza da Bucchianico
Si comincia alle ore 11,40
Sport, bucchianico, tirreno adriatica, ciclismo
BUCCHIANICO. Fervono i preparativi per la partenza della sesta tappa della Tirreno-Adriatica, che partirà da Bucchianico, la Patria di San Camillo de Lellis, patrono della Sanità civile e militare.
Tappa che per i bucchianichesi avrà un significato particolare perché coincide con il quarto centenario della morte di San Camillo de Lellis.
La sesta tappa sembra disegnata per ricordarlo degnamente. San Camillo fu iniziato al mestiere delle armi e a 18 anni partì col padre Giovanni per partecipare alla guerra contro i turchi. Era il 1568. Mentre stavano risalendo l’Adriatico per imbarcarsi ad Ancona, Giovanni si ammalò e decisero di tornare indietro, ma dopo poco morì a Sant’Elpidio a mare e fu sepolto nella chiesa di San Francesco. La tappa ripercorre   proprio questo itinerario e vede l’arrivo a pochi chilometri dal luogo ove morì e fu sepolto il padre di San Camillo. 
Partenza da Bucchianico lunedì 17 marzo alle ore 11,40 con arrivo a Porto Sant’Elpidio per un totale di 187 km.
«È per questo che i Camilliani e l’amministrazione Comunale hanno fortemente voluto che la partenza avvenisse proprio dal sagrato del Santuario di San Camillo, a Bucchianico – afferma il sindaco Mario Antonio Di Paolo – e ringrazio vivamente Maurizio Formichetti per quanto ha fatto a che questo desiderio potesse avverarsi».
Anche perché la Tirreno Adriatica è molto seguita. «Lo scorso anno ben 160 nazioni furono collegate televisivamente con questa corsa e la sola RAI 3 e Rai Sport dedicarono complessivamente 23 ore di trasmissione in diretta, oltre alle varie differite - afferma l’assessore allo sport Walter De Leonardis -. A questo aggiungasi che in tale corsa, che vede la presenza di circa 200 ciclisti, partecipano i maggiori assi del mondo. Sono infatti  attesi alla partenza lo spagnolo Contador (Saxo-Tinkoff), l’australiano Cadel Evans (BMC Racing Team), il britannico Bradley Wiggins (Sky-Procycling), l’italiano e due volte vincitore del giro d’Italia Ivan Basso (Cannondale Pro Cycling), lo slovacco Peter Sagan (Cannondale Pro Cycling), il colombiano Nairo Quintana (Movistar Team) e l’abruzzese Dario Cataldo (Sky Procycling)». 


BUCCHIANICO. Fervono i preparativi per la partenza della sesta tappa della Tirreno-Adriatica, che partirà da Bucchianico, la Patria di San Camillo de Lellis, patrono della Sanità civile e militare.
Tappa che per i bucchianichesi avrà un significato particolare perché coincide con il quarto centenario della morte di San Camillo de Lellis.La sesta tappa sembra disegnata per ricordarlo degnamente. San Camillo fu iniziato al mestiere delle armi e a 18 anni partì col padre Giovanni per partecipare alla guerra contro i turchi. Era il 1568. Mentre stavano risalendo l’Adriatico per imbarcarsi ad Ancona, Giovanni si ammalò e decisero di tornare indietro, ma dopo poco morì a Sant’Elpidio a mare e fu sepolto nella chiesa di San Francesco. La tappa ripercorre   proprio questo itinerario e vede l’arrivo a pochi chilometri dal luogo ove morì e fu sepolto il padre di San Camillo. Partenza da Bucchianico lunedì 17 marzo alle ore 11,40 con arrivo a Porto Sant’Elpidio per un totale di 187 km.«È per questo che i Camilliani e l’amministrazione Comunale hanno fortemente voluto che la partenza avvenisse proprio dal sagrato del Santuario di San Camillo, a Bucchianico – afferma il sindaco Mario Antonio Di Paolo – e ringrazio vivamente Maurizio Formichetti per quanto ha fatto a che questo desiderio potesse avverarsi».Anche perché la Tirreno Adriatica è molto seguita. «Lo scorso anno ben 160 nazioni furono collegate televisivamente con questa corsa e la sola RAI 3 e Rai Sport dedicarono complessivamente 23 ore di trasmissione in diretta, oltre alle varie differite - afferma l’assessore allo sport Walter De Leonardis -. A questo aggiungasi che in tale corsa, che vede la presenza di circa 200 ciclisti, partecipano i maggiori assi del mondo. Sono infatti  attesi alla partenza lo spagnolo Contador (Saxo-Tinkoff), l’australiano Cadel Evans (BMC Racing Team), il britannico Bradley Wiggins (Sky-Procycling), l’italiano e due volte vincitore del giro d’Italia Ivan Basso (Cannondale Pro Cycling), lo slovacco Peter Sagan (Cannondale Pro Cycling), il colombiano Nairo Quintana (Movistar Team) e l’abruzzese Dario Cataldo (Sky Procycling)».