SERIE B

Pescara Calcio. In attesa di altre vittorie Cosmi è già “simpatico”: «ambiente ideale»

Venerdì anticipo in casa dello Spezia. Il tecnico: «sfida tra deluse di luglio»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1943

Pescara Calcio. In attesa di altre vittorie Cosmi è già “simpatico”: «ambiente ideale»






PESCARA. Ultimo allenamento in Abruzzo per il Pescara che domani mattina partirà alla volta della Liguria in vista del match di venerdì in casa dello Spezia. I biancazzurri sono chiamati a dare continuità di risultati dopo l'ottimo avvio dell'era Serse Cosmi, imbattuto dopo 2 giornate dal suo insediamento. A La Spezia con ogni probabilità sarà la vera e propria prova del fuoco per il delfino, che dopo il punto fortunoso di Avellino ed il successo contro un Cesena incerottato affronterà uno Spezia nel pieno delle proprie energie.
Il Pescara è ancora lontano dai play-off e la speranza di Cosmi è quella di rientrare quanto prima in zona promozione. Per il momento però il tecnico umbro si gode la simpatia dei tifosi, che non è affatto poco: «le situazioni vanno vissute nella maniera giusta, sia le vittorie sia le sconfitte. Bisogna avere equilibrio sempre. Da parte mia c'è sempre. Ringrazio i tifosi per come sono stato accolto anche perché sul campo non c'è nulla in più di una semplice simpatia perché non abbiamo ancora vinto o conquistato nulla. Ogni gara va affrontata al massimo per le nostre possibilità ed alla fine faremo tutti i conti».
«Ci sono dei posti che a sensazione puoi dire di poter far bene già da subito» – prosegue Cosmi – «e Pescara è uno di quei posti. È una città che vive il calcio come piace a me. Sono sorpreso positivamente dall'organizzazione societaria. Abbiamo un ottimo campo di allenamento ed uno stadio molto bello».
È fuori di dubbio però che l'ambiente è cambiato con maggiori sorrisi durante gli allenamenti: «passare dal viso troppo cupo al troppo allegro non va bene. Mi sono raccomandato con la squadra ed ho già visto visi distesi dopo la prima vittoria col Cesena. Si vede che questi ragazzi, che hanno grandi qualità, non erano proprio abituati a vincere ed era la cosa che veramente mancava».

Venerdì c'è lo Spezia, una squadra costruita a luglio per tentare la salita diretta in Serie A: «lo Spezia aveva dei valori importanti prima di gennaio ed hanno ricostruito bene nella finestra trasferimenti invernale. Hanno cambiato molto e restano forti. Si affrontano 2 squadre che a luglio avevano ben altre aspettative. Loro giocano e lasciano giocare però nel calcio di oggi è fondamentale l'equilibrio. Il 98% per cento degli allenatori guarda molto all'equilibrio, anche se a volte non è così. D'altronde qui a Pescara sono transitati 2 allenatori che non la pensavano così ed hanno vinto tanto con merito (Galeone e Zeman, ndr)».
«Spezia e Latina diranno molto sui nostri possibili obiettivi» – prosegue Cosmi – «andiamo avanti con questo approccio orgoglioso».
A proposito di equilibrio, il rientro di Ragusa potrebbe mutare quei meccanismi che hanno ben funzionato con il Cesena. Difficile però vedere il gioiello biancazzurro fuori dall'undici titolare: «c'è ancora tanto da fare e Ragusa rientra in quel contesto. Le gerarchie esistono nella mia testa ed è chiaro che 2 partite non possono aver già deciso tutto».
Andrea Sacchini