SERIE B

Bari ancora maledetta per la Virtus Lanciano. Ceppitelli segna e Guarna para: 1-0

Il gol del difensore pugliese punisce un undici rossonero troppo sprecone in avanti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1473

Bari ancora maledetta per la Virtus Lanciano. Ceppitelli segna e Guarna para: 1-0




BARI. Una Virtus Lanciano distratta e poco concreta sotto porta cede 1-0 al San Nicola contro il Bari. Decisivo il gol di Ceppitelli al minuto 33 della prima frazione di gioco. Risultato che va larghissimo ai galletti, che dopo aver sofferto tantissimo nel primo tempo hanno capitalizzato al meglio l'unica vera distrazione dell'incontro. Per contro Lanciano gradevole per buona parte della contesa. Dopo un primo tempo ricco di occasioni da gol create senza però la cattiveria giusta per finalizzarle, nella ripresa l'undici di Baroni è un po' calato pur costruendo almeno un paio di nitide palle da rete. Nel finale il Bari ha controllato piuttosto agevolmente nonostante l'inferiorità numerica per l'incredibile espulsione di Nadarevic ad un quarto d'ora dalla fine.
Avvio di gara equilibrato. Al secondo Joao Silva di testa in inquadra di poco lo specchio della porta. Al quarto minuto primo episodio da moviola con un gol annullato al lancianese Amenta per un presunto fallo in mischia del difensore.
Col passare dei minuti è il Lanciano a fare la partita. Al 12esimo respinta approssimativa di Guarna e tentativo al volo di Di Cecco dal limite che termina sul fondo di un nulla.
Al 22esimo altra ghiotta chance per i frentani. Dalla lunga distanza Minotti esalta questa volta i riflessi di un Guarna attentissimo nell'occasione.
Sembra esserci soltanto l'undici di Baroni in campo. Al 26esimo Comi, da pochissimo entrato in luogo dell'infortunato Piccolo, a tu per tu con Guarna pasticcia e lascia sfumare la ghiotta occasione.
Due minuti dopo palo clamoroso degli abruzzesi. Thiam da posizione più che favorevole in diagonale prende il legno su perfetto suggerimento dal lato opposto di Di Cecco.
Al 33esimo come un fulmine a ciel sereno nel miglior momento dei rossoneri ecco il vantaggio del Bari. Corner di Galano ed in mischia Ceppitelli di testa è il più lesto di tutti a colpire il pallone e scaraventarlo nel sacco.
La reazione del Lanciano è tardiva ma al 44esimo serve un altro intervento prodigioso di Guarna per impedire l'1-1. Dagli undici metri Comi tutto solo sbaglia malamente calciando addosso al portiere. Prima del riposo ci prova senza fortuna anche Paghera dai 25 metri: palla a lato.
Nella ripresa si fa sentire la stanchezza ed il Lanciano non riesce più ad esprimersi sui buoni livelli dei primi 45 di gioco. Al quarto i galletti vanno vicini al raddoppio con Beltrame che da pochi passi non ha la necessaria freddezza per superare Sepe.
All'ottavo risposta dei frentani con Falcinelli e Di Cecco. Il primo trova ancora attento Guarna mentre sulla ribattuta è decisivo il ripiegamento difensivo di Ceppitelli.
Ritmi più bassi ed il Bari ne approfitta per controllare l'incontro. Al 27esimo Galano ad un passo dal 2-0. Colpo di testa largo su perfetta imbeccata di Nadarevic.
A dieci dalla fine incredibile espulsione di Nadarevic che tenta di dare un morso alla coscia di Falcinelli. Rosso diretto giustissimo per il direttore di gara. I frentani però non hanno più la forza di reagire e con tanti palloni buttati nel mezzo non riescono a creare pericoli degni di nota.
Con questa sconfitta la Virtus resta comunque in zona play-off ma perde il terzo posto in classifica. Sabato prossimo gara interna al Biondi contro il Novara.

TABELLINO
BARI (4-3-3) Guarna; Ceppitelli, Calderoni, Polenta, Sabelli; Defendi, Galano(Dal 83’ Chiosa), Fossati; Beltrame(Dal 55’ Nadarevic), Lugo, Joao Silva (Dal 89’ Cani). Allenatore: Alberti.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3) Sepe; Aquilanti, Mammarella, Troest, Amenta; Minotti (Dal 73’ Ragatzu), Paghera (Dal 59’ Casarini), Di Cecco; Thiam, Falcinelli, Piccolo (Dal 26’Comi). Allenatore: Baroni.
ARBITRO: Gavillucci della sezione di Latina.
Ammoniti: Calderoni, Fossati, Paghera, Minotti, Thiam, Mammarella, Defendi
Espulsi: Nadarevic

Andrea Sacchini