SERIE B

Virtus Lanciano. Bari un anno dopo: nessuno dimentica. Paghera: «ricordo ancora vivo»

Obiettivi: «né salvezza né play-off, ma atteggiamento giusto fino alla fine»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1306

Virtus Lanciano. Bari un anno dopo: nessuno dimentica. Paghera: «ricordo ancora vivo»






LANCIANO. Il turno di squalifica di Buchel costringerà mister Marco Baroni ad un piccolo turnover forzato a centrocampo con Minotti pronto ad indossare nuovamente i gradi di titolare al fianco di Casarini e Paghera. Proprio l'ex centrocampista in prestito dal Brescia, più volte in ballottaggio con Minotti, nelle ultime settimane è diventato inamovibile nello scacchiere tattico di Baroni e la gara di sabato a Bari è l'ennesima occasione per dimostrare tutto il proprio valore.
«Il ricordo della gara dell'anno scorso è ancora vivo nella nostra memoria» – ha ammesso in conferenza stampa proprio il centrocampista Fabrizio Paghera, che l'anno scorso non era in campo ma faceva parte del gruppo rossonero che perse 4-3 a Bari dopo essere stato in vantaggio per 3-0 alla fine del primo tempo – «è un ricordo che ci porteremo dietro per tutta la nostra carriera. È stata un grande insegnamento e questo l'ho riscontrato ad Avellino, dove la squadra anche in vantaggio 3-0 non ha minimamente allentato la tensione. A Bari è stato un momento critico, ma ci ha fortificati».
L'obiettivo dichiarato della Virtus resta sempre la salvezza e la classifica corta impone una massima concentrazione in ogni gara: «ci costringe a stare sempre sul pezzo ed a non dare mai nulla di scontato. Con 3 risultati buoni puoi scalare la classifica e viceversa con risultati negativi. Sarà così tutta la stagione quindi non si può calare la concentrazione». 

«Ci mancano ancora dei punti per la salvezza ma il nostro obiettivo non sono né i play-off né la conquista dei 6 punti che possono portarci alla fatidica quota 50...» – ammette Paghera – «dobbiamo giocare queste ultime 15 partite con l'atteggiamento giusto senza mai sbagliare l'approccio. Dobbiamo giocare da Lanciano, poi alla fine del campionato vediamo dove siamo arrivati».
Ieri seduta di allenamento mattutina al campo Memmo per la Virtus in vista della trasferta di Bari. Proprio al San Nicola i rossoneri potrebbero tornare a schierarsi col 3-5-2 sulla scorta di Avellino. Lavoro differenziato per il solo Germano mentre sono a disposizione Turchi e Ferrario. Indisponibili Comi, De Col e Branescu, convocati nelle rispettive nazionali. I due italiani hanno anche giocato, Comi titolare e De Col nel secondo tempo, nella gara vinta dagli azzurri 2-0 in Irlanda del Nord. Oggi allenamento mattutino sempre agli ordini del tecnico Baroni.
Andrea Sacchini