SERIE B

Il Pescara è un disastro totale. Il Varese vince 2-1. Marino al capolinea

Maniero risponde a Trevisan ma non basta. Di Roberto chiude i conti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2360

Il Pescara è un disastro totale. Il Varese vince 2-1. Marino al capolinea

PESCARA. Per raccontare Pescara-Varese basterebbero i fischi al termine di una gara (l'ennesima) spenta e priva di mordente di un undici di Marino (ormai al capolinea) alla deriva ed in completo stato confusionale.

Nel primo tempo vantaggio del Varese con Trevisan al minuto 39. Nella ripresa pareggio biancazzurro di Maniero al 24esimo e sigillo definitivo di Di Roberto al 33esimo.

Primo tempo brutto e povero di contenuti tecnici apprezzabili da entrambe le parti, con tantissimi errori in fase di appoggio e di ultimo passaggio e reparti scollati ed incapaci di appoggiare con qualità gli attaccanti. Primi 45 di gioco che rappresentano la fotografia perfetta di Pescara e Varese, formazioni in grande crisi di identità e risultati, con un 2014 molto avaro di soddisfazioni.

Nel marasma più totale, dopo un paio di ghiotte chance fallite, sull'ennesimo orrore della retroguardia biancazzurra ecco il gol tutto sommato meritato del vantaggio varesino.

Nel secondo tempo sagra degli errori e degli orrori da una parte e dall'altra, con le difese protagoniste in negativo e la gara che si è mantenuta sui binari della confusione e dell'improvvisazione, con continue praterie che si sono aperte da una parte e dall'altra. Ne ha approfittato il Varese che senza brillare sotto il profilo dell'organizzazione e solidità ha fatto qualcosa in più di un Pescara sotto shock dal primo all'ultimo minuto.

Marino virtualmente al capolinea dopo 5 sconfitte consecutive ed una lunga serie di prestazioni poco convincenti dal punto di vista della qualità, dell'organizzazione e dell'intensità fisica. Attese novità nel post gara, con la posizione del tecnico di Marsala molto traballante al di là delle dichiarazioni in settimana della società.

 

LE FORMAZIONI. PESCARA FALCIDIATO DA INFORTUNI E SQUALIFICHE. VARESE: IL TRIDENTE FA PAURA

 

Nel Pescara Zuparic e Samassa hanno vinto i rispettivi ballottaggi con Cosic e Sforzini-Maniero. Per il resto Pescara falcidiato da infortuni e squalifiche con Rossi, Schiavi e Capuano out e Zauri in panchina a mezzo servizio. Salviato, Zuparic, Bocchetti e Balzano davanti la porta difesa da Belardi. Ritorno al centrocampo a 3 con Bovo e Rizzo a coprire le spalle di Brugman. In avanti Samassa terminale di riferimento con Politano e Ragusa ai lati.

Nel Varese mister Gautieri si gioca la panchina ed affida tutto il peso dell'attacco al tridente tutto velocità e fantasia formato da Oduamadi, Pavoletti e Di Roberto. Dal primo minuto in campo l'ex Blasi. Arbitra Francesco Borriello della sezione di Mantova davanti a circa 6mila spettatori.

 

PRIMO TEMPO. PESCARA MOLLE E DISTRATTO: IL VARESE PASSA

 

Al secondo prima grande occasione della gara. Politano illumina in profondità per Bovo che a tu per tu con Bressan sparacchia addosso al portiere che si rifugia in angolo.

Al 15esimo contropiede di Pavoletti steso ai 25 metri da Zuparic. Cartellino giallo ai limiti del rosso per il giovane difensore pescarese, costretto al fallo per evitare una solare palla gol degli ospiti. Sulla punizione Zecchin sfiora l'incrocio dei pali.

Al 18esimo errore in disimpegno di un difensore del Varese e fuga di Ragusa il cui tiro al momento del dunque viene contrato in corner da un provvidenziale recupero di Zecchin.

Al 21esimo clamorosa palla gol fallita dai lombardi. Zuparic perde palla nella propria metà campo ed Oduamadi a tu per tu con Belardi calcia col piatto incredibilmente fuori.

Al minuto 24 termina subito il debutto di Samassa che per noie muscolari è costretto a lasciare il posto a Maniero.

Al 29esimo Salviato sull'out di destra riceve un buon pallone e senza pensarci due volte scarica verso la porta: palla di poco sull'esterno della rete.

Al 37esimo ottima chance su calcio piazzato per gli ospiti. Palla che termina al limite per Di Roberto che esalta i riflessi di Belardi.

Al 39esimo il vantaggio meritato del Varese. Calcio franco di Oduamadi al centro dell'area, tocco smarcante di Pavoletti nel mezzo per Trevisan che appoggia in rete da 2 passi. Imbarazzante la retroguardia di Marino, completamente immobile.

In pieno recupero Varese ad un passo dal 2-0 su azione fotocopia del vantaggio. Pallone da calcio di punizione nel mezzo per Rea che di un nulla non riesce a schiacciare il pallone in rete.

Reazione timida ed inconcludente del Pescara, termina la prima frazione di gioco tra i fischi dell'Adriatico.

 

SECONDO TEMPO. REAZIONE POVERA. IL GOL DI MANIERO NON BASTA: CONTESTAZIONE AL TRIPLICE FISCHIO

 

Nei secondi 45 di gioco già al sesto ecco la ghiotta palla gol del possibile 2-0 del Varese. Pallone perso e contropiede rapido concluso da Oduamadi, che a giro cercando il secondo palo costringe Belardi ad alzare in corner.

Al dodicesimo Ragusa da distanza siderale non inquadra di poco lo specchio della porta.

Al 24esimo il pareggio del Pescara. Maniero di giustezza sotto misura insacca alle spalle di Bressan un traversone di Salviato. Al 26esimo Maniero da oltre 30 metri conclude debole tra le braccia del portiere.

Al 28esimo palla gol solare per il Varese fallita da Ely che in piena area di testa gira a lato libero da marcature.

Al 30esimo super occasione per il Pescara. Ragusa riceve palla e da posizione decentrata non inquadra di poco la porta dopo una serie di deviazioni in mezzo l'area.

Al 33esimo il vantaggio del Varese. Scambio Zecchin-Di Roberto e conclusione precisa sotto misura dell'ex Cittadella che fredda Belardi.

Reazione del Pescara inesistente nonostante gli spazi concessi dal Varese e punteggio che non cambierà nonostante i sette minuti di recupero per l'infortunio alla testa di Rea, portato via in ambulanza per accertamenti. Al termine fischi impietosi e copiosi sui biancazzurri.

Con questa sconfitta il Pescara resta a 34 punti e vede allontanarsi sempre più la zona play-off.

Sabato i biancazzurri saranno ospiti del Bari allo stadio San Nicola. Uno stadio che emana sempre particolare fascino, soprattutto in Serie B.

 

TABELLINO

 

PESCARA (4-3-3): Belardi; Salviato, Zuparic, Bocchetti, Balzano; Bovo, Brugman (37'st Cutolo), Rizzo; Politano (20'st Caprari), Samassa (24'pt Maniero), Ragusa. A disposizione: Pelizzoli, Zauri, Nielsen, Cosic, Milicevic, Sforzini. Allenatore: Marino.

VARESE (4-3-3): Bressan; Laverone, Rea (41'st Damonte), Trevisan (29'st Grillo), Ely; Corti, Zecchin, Blasi; Di Roberto, Pavoletti, Oduamadi (28'st Calil). A disposizione: Bastianoni, Neto, Fiamozzi, Cristiano, Forte, Momentè. Allenatore: Gautieri.

ARBITRO: Francesco Borriello della sezione di Mantova.

NOTE: Presenti sugli spalti circa 6mila spettatori. Ammoniti: Zuparic, Trevisan, Salviato, Ragusa, Zecchin, Ely, Bovo.

 

Andrea Sacchini