Atletica Leggera. Alla Cinque Mulini di Milano ottima prova dell'abruzzese D'Onofrio

Il 21enne della Gran Sasso Teramo ha chiuso la gara 11esimo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1692

Atletica Leggera. Alla Cinque Mulini di Milano ottima prova dell'abruzzese D'Onofrio




MILANO. Alla classicissima Cinque Mulini, manifestazione internazionale di corsa campestre di Km 10 arrivata alla 82^ edizione e svoltasi sul tradizionale percorso di San Vittore Olona (Milano), si è imposto all’attenzione Daniele D’Onofrio (Gran Sasso Teramo). Il promettente atleta sangrino di 21 anni è arrivato undicesimo nel tempo di 32’32”, terzo classificato degli italiani, dietro Michele Fontana (Aeronautica), ottavo in 31’45”, e Martin De Matteis (Podistica Valle Varatia), decimo in 32’15”. I primi posti sono stati occupati dagli atleti africani, questa volta targati Kenya: ha vinto Paul Tanui in 29’59”, davanti ai connazionali Alex Kibet, 30’01”, e Thomas Lokomwa, 30’03”.
Da ricordare che D’Onofrio ha preso parte nel dicembre scorso ai Campionati Europei Under 23 di cross.
In rilievo anche il 30° posto di Giuseppe Paione (Nuova Atletica Lanciano) in 37’31”, primo classificato nella categoria Master SM 35, e il 46° di Marco Benvenuto (Nuova Atletica Lanciano).
Nella gara Allieve di Km 4, si è ben comportata Micaela D’Ambrosio (Nuova Atletica Lanciano), sesta in 19’05”. Primo posto di Francesca Tommasi (Atletica New Foods Verona) in 16’08”.
A livello Master femminile, 15^ Sandra Giallonardo (Nuova Atletica Lanciano).
Nella manifestazione nazionale su strada del Trofeo Invernale Marcia, svoltasi a Latina, significativo risultato tecnico dell’Allieva primo anno Vanessa Tomei (Gran Sasso Teramo), arrivata seconda nella gara di Km 10 con il ragguardevole riscontro cronometrico di 53’07”. Al primo posto Francesca Giada Ciabini (Toscana Atletica Empoli) in 52’00”, terza Lidia Barcella (Bracco Atletica Milano) 54’00”. La Tomei ha disputato una gara regolare, chiudendo con una seconda parte di gara senza cedimenti, considerata la non facile distanza alla sua prima esperienza. Un esordio di categoria promettente per la sedicenne atleta teatina.