Rally Circolo Polare Artico. L'abruzzese Petrocco insieme a Savini rompe il motore

In Lapponia successo per i finlandesi Janne e Markku Tuohino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1230

Rally Circolo Polare Artico. L'abruzzese Petrocco insieme a Savini rompe il motore




FINLANDIA. Niente da fare per gli “umani”. Troppo estreme le condizioni del terreno in cui si svolge la gara, troppo diverse rispetto alla normalità alla quale siamo abituati noi “umani”, troppo freddo, troppo ghiaccio, eppure tutto troppo bellissimo.
Si è concluso così il rally della Lapponia finlandese, il 49° Arctic Lapland Rally, che ogni anno delizia il palato degli appassionati di tutto il mondo di questo genere di manifestazioni motoristiche.
Nulla da fare per l'unico personaggio pescarese, abruzzese e italiano, e tra i pochi europei “umani”, che ha dovuto abbandonare per una rottura al motore della super performante Subaru Impreza Wrc. Quindi, se vogliamo, un pizzico di amarezza nella bocca del pilota Lucio Petrocco e del suo navigatore Antonio Savini che speravano – all'ottava partecipazione nel rally di Rovaniemi – di poter riportare a casa una sorpresa.
Ma d'altro canto non è stato certo l'unico team a dover abbandonare per ritiro, anzi la buona compagnia è stata piuttosto nutrita, essendo stati 41 gli equipaggi ad arrendersi alle condizioni estreme che hanno incontrato per la strada, pardon... per il ghiaccio.
Invece dalla Lapponia hanno riportato ancora una volta una straordinaria esperienza sportiva, ma anche di vita, di amicizia ormai consolidata con il popolo lappone e la consapevolezza di volerci riprovare di nuovo nel 2015.
Chi ha vinto, quindi, a Rovaniemi? Ovviamente loro, i finnici, assoluti dominatori, felini famelici in un territorio che evidentemente solo loro sanno domare. E dominare.
Primi Janne e Markku Tuohino su Ford Fiesta R5, secondi Jarkko Nikara e Timo Hantunen su Mitsubishi Lancer Evo, terzi Jussi Vainionpaa e Mika Juntunen sempre su Mitsubishi Lancer Evo; 79 gli equipaggi all'arrivo, 41 out. Da segnalare il 26° posto dei francesi (primi tra gli “umani”) Jean Michel Raoux e Sabrina De Castelli su Subaru Impreza Sti.