Pallavolo. Domenica scontro al vertice per la Sieco Service Ortona: c'è il Monza

Matteo Guidone: "giocare in casa per noi è sempre un'arma in più"

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2340

Pallavolo. Domenica scontro al vertice per la Sieco Service Ortona: c'è il Monza

Matteo Guidone




ORTONA. Pronti ad una nuova sfida, pronti ad una nuova battaglia sportiva difficilissima. La Sieco Service Ortona è attesa domenica da una partita durissima. Il Palasport di via Papa Giovanni XXIII è pronto ad ospitare il Vero Volley Monza, finalista di Coppa Italia, trofeo sfumato al tie-break contro la Tonazzo Padova.
Attualmente terzo in classifica in compagnia della Coserplast Openet Matera, il Vero Volley può fare affidamento su giocatori di livello assoluto per la categoria.
All'andata fu uno scontro titanico, basta ricordare il risultato per comprendere le emozioni che riservarono quel match. Monza si impose 3-2 (27/25-19/25-21/25-27/25-27/25), in un tie-break che fu praticamente come un normale set terminato ai vantaggi.
Ci si aspetta spettacolo anche per questa partita di ritorno, auspicando in un epilogo diverso. Un incontro di quelli da non perdere e, come tale, lo show non potrà prescindere dal pubblico presente, chiassoso e festoso sugli spalti.
Sciorinando qualche numero, si può evidenziare il primato dei prossimi avversari degli Impavidi per quel che riguarda i muri vincenti, ben 145. Da sottolineare poi la presenza in squadra di un opposto che quest'anno sta disputando un campionato straordinario. Si tratta di Padura Diaz, che guarda dall'alto tutti gli altri atleti nella classifica dei punti realizzati: 269 dopo 12 partite.
Servirà la migliore Sieco, il cuore "Impavida" per ottenere un grandissimo risultato.
Dirigeranno l'incontro i signori Valeriani Silvano e Perri Giampiero.
Alla vigilia del match ha parlato il centrale Matteo Guidone, che ha messo in guardia i suoi dal pericoloso Monza: "Monza è una squadra forte ed equilibrata; il fatto che sia arrivata in finale di Coppa Italia contando su individualità importanti, lo dimostra. La partita persa al tie-break a Monza mi ha lasciato l'amaro in bocca, ma è stato un match giocato veramente ad altissimo livello.. Peccato... Ma ora abbiamo la possibilità di rifarci in casa nostra".
"Giocare in casa per noi è sempre stata un'arma in più" – chiude il centrale dell'Impavida – "e venire ad Ortona a giocare negli ultimi tre anni non è stato facile per nessuno, perchè tra le nostre mura abbiamo un pubblico eccezionale che ci sostiene. A tal riguardo, colgo l'occasione per ringraziare tutti i tifosi che ci seguono in giro per tutta Italia dimostrando un grande attaccamento alla squadra e alla società".