SERIE B

Dopo la crisi finalmente Virtus Lanciano: Plasmati-Troest regolano 2-1 il Cittadella

Bene i frentani che spazzano via i fantasmi e chiudono l'andata al quinto posto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2903

Dopo la crisi finalmente Virtus Lanciano: Plasmati-Troest regolano 2-1 il Cittadella




CITTADELLA. Con una prova convincente di carattere ed autorità la Virtus Lanciano espugna 2-1 lo stadio del Cittadella e torna grande dopo un periodo di appannamento in fatto di prestazioni e risultati. Nel primo tempo al 31esimo il vantaggio degli ospiti con Plasmati. Nella ripresa prima Di Roberto pareggia su rigore al 42esimo e poi Troest in pieno recupero sigla la vittoria del Lanciano.
nella ripresa prova di grande valore della Virtus, che ha creato più volte i presupposti del gol difendendosi con ordine e colpendo, dopo il penalty del momentaneo 1-1, in pieno recupero per 3 punti assolutamente meritati per i valori tecnici espressi in campo.
Nel primo tempo immediatamente Cittadella pericoloso. Sugli sviluppi di un corner Coly ha la palla buona per il 2-1 ma il suo tentativo viene respinto dalla difesa frentana. Al quarto d'ora un destro velenoso di La Camera viene smorzato tra le braccia di Sepe da Amenta.
Al minuto 21 è decisivo il portiere del Cittadella Di Gennaro, che si oppone da campione ad un destro insidioso di Piccolo dal limite.
Un minuto dopo è il Cittadella ad andare ad un passo dal vantaggio. Corner e Perez, dopo un errore della difesa di Baroni, sbaglia tutto solo davanti a Sepe.
Al 31esimo il vantaggio della Virtus Lanciano. Cross col contagiri di Mammarella sulla testa di Plasmati che schiaccia in rete. Quattro minuti dopo ancora corner battuto magistralmente da Mammarella e tentativo in volè di Amenta: palla sul fondo non di molto.
Al 39esimo l'ultima chance del primo tempo per i veneti. Cross di La Camera e Perez di un nulla non arriva con convinzione alla battuta a colpo sicuro verso la porta di Sepe che blocca.
Nella ripresa parte molto meglio il Lanciano. All'ottavo ottima chance per Piccolo prima e Plasmati poi, che su tiro cross di Amenta non hanno la giusta cattiveria e precisione per spingere la sfera in rete. Due minuti dopo devastante discesa di Piccolo, che dalla destra si accentra ed a giro prende in pieno il palo a portiere battuto.
Risposta del Cittadella al 21esimo con un colpo di testa di Coralli da buona posizione su traversone di Pugliese: palla a lato non di molto.
Al 31esimo grande idea di Di Roberto che dal limite al volo alza di pochissimo la mira sopra la traversa.
Al 39esimo ecco servita la beffa per i colori rossoneri. Per intervento falloso di Mammarella ai danni di Di Roberto, calcio di rigore per i padroni di casa. Dopo 3 minuti, nei quali addirittura viene sventolato un rosso per errore all'indirizzo del bravo terzino frentano, dal dischetto lo stesso Di Roberto non sbaglia la mira ed insacca.
Sembra tutto fatto ma al terzo minuto di recupero ecco tramutarsi in magica la giornata del Lanciano e soprattutto del proprio centrale di difesa, Troest. Solito calcio piazzato di Mammarella per il difensore rossonero che controlla ed insacca scatenando la gioia dei propri compagni. Subito il gol in Cittadella non ha poi più avuto la forza di riequilibrare la contesa.
Con questa vittoria il Lanciano scaccia i fantasmi della crisi e si porta a 33 punti, in piena zona play-off. Prossimo impegno sabato 25 gennaio al Biondi contro il Brescia.


TABELLINO
CITTADELLA (4-4-2): Di Gennaro; Coly, Gasparetto, Pellizzer, Pugliese (48′st Marino); Di Roberto, De Leidi (24′st Busellato), Paolucci, La Camera (11′st Minesso); Perez, Coralli. A disposizione: Pierobon, Sosa, Donnarumma, Dumitru. Allenatore: Foscarini.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Sepe; De Col, Troest, Amenta, Mammarella; Casarini, Minotti, Buchel; Piccolo (49′st Germano), Plasmati (36′st Falcinelli), Di Cecco (22′st Turchi). A disposizione: Aridità, Scrosta, Aquilanti, Verna, Fofana, Gatto. Allenatore: Baroni.
ARBITRO: Michael Fabbri della sezione di Ravenna. Ammoniti: Pugliese, Pellizzer, Perez, Coralli, Mammarella, Minotti, Amenta, Turchi. Espulsi: Nessuno.
Andrea Sacchini