Basket. Alla Proger Chieti non riesce un'altra impresa: Matera passa 71-64

Rammarico per i teatini, sempre in partita nonostante gli infortuni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1849

Basket. Alla Proger Chieti non riesce un'altra impresa: Matera passa 71-64




MATERA. Chieti varca il parquet lucano con Diomede, Raschi, Bonfiglio, Soloperto e Shaw, i padroni di casa si schierano con Austin Jones Iannuzzi Cantone e Razzano.
Matera inizia subito bene, Rezzano, Iannuzzi , Jones e Cantone non sbagliano i primi colpi e tengono a bada un Chieti che si dimostra comunque ostico e si tiene a galla con i punti di Raschi e Soloperto. Il primo quarto si mantiene sull’equilibrio di un costante +2 per Matera fin quando pero’ Chieti prima con il solito Soloperto al min 7 trova il pareggio e il successivo vantaggio, poi Shaw porta i suoi sul +4. La Bawer comincia a sciupare tante, troppe azioni, ma Chieti non sembra approfittare. Il quarto si conclude all’insegna degli errori, ma con una Proger in vantaggio 16-12.
Il secondo quarto si apre ancora con un canestro materano, ad opera di Austin che accorcia le distanze, ma e’ immediata la risposta di Glover che dai 6.25 non sbaglia. L’Olimpia nonostante tutto sembra in giornata e agguanta subito il pareggio prima con i due punti di Jones poi con la seconda tripla di Rezzano, poi e’ ancora Austin che porta il Matera in un momentaneo vantaggio subito cancellato dalla risposta di Soloperto. Prima parte di quarto spumeggiante. I biancoazzurri provano nuovamente ad allungare approfittando di un momento no degli abruzzesi e con Jones e Rezzano si portano sul +4 esattamente alla meta’ del quarto. Dopo un minuti in cui Chieti non sembra rinsavire, nemmeno dopo il time out chiamato da coach Marzioli, Austin porta a casa un gioco da 3 punti, e la Bawer e’ sopra di 7 punti. Nel finale di quarto la Proger riesce ad accorciare di 3 punti tenendo vive le speranze, ma Matera c’e’, Austin e Jones stanno davvero mettendo a ferro e fuoco la difesa teatina e se continueranno a giocare con questa sinergia e intensita’ per Chieti si farebbe davvero dura. Il terzo quarto riprendera’ sul risultato di 34-30 per Matera. Un margine che di certo pero’ non puo’ far rilassare piu’ di tanto i lucani, adesso negli spogliatoi per rigenerarsi e ascoltare i precisi dettami di coach Benedetto.
Di ritorno in campo, la Bawer parte molto agressiva, attenta in difesa e veloce nelle ripartenze, ma non riesce ad andare a canestro data l’altrettanta’ solidita’ difensiva dall altra parte. Sembra un vero e proprio braccio di ferro fra le due compagini, ma Chieti spinge piu’ giu’ le braccia del Matera che si vede riagganciata per due volte, Solopero sembra inarrestabile, poi ci pensa capitan Cantone a far esplodere il Palasassi che tratteneva il fiato da un po’, mettendo a segno una bomba da 3 punti. Ma Show risponde con altrettanta moneta e riporta in apnea il pubblico presente. Quando mancano 2’ alla fine del 3 quarto l’Olimpia e’ sopra di un solo punto (44-43). Nei restanti minuti il margine resta quasi invariato. Il quarto si conclude sul 50-48 per Matera, il quarto quarto e’ tutto da vivere, la partita ancora apertissima.
In avvio di quarto e’ Vico a prendersi in mano la squadra. L’argentino realizza subito un breck personale di 8 punti, contro i soli 4 di Show. Chieti sembra in difficolta’, la Bawer allora prova ad affondare il colpo, Jones realizza da sotto e i lucani si portano subito sul +8, quando sono passati appena 3 minuti dall’inizio del quarto ed ultimo quarto. L’Olimpia sembra davvero inarrestabile, sembra aver dato un impronta ben precisa e un’accellerata decisiva al quarto. I ragazzi di Benedetto sono ben messi, attenti in difesa, cinici, agressivi e concludenti in attacco e il +10 non tarda ad arrivare. E meritatissimi sono gli applausi del pubblico presente pienamente soddisfatto della prestazione messa in mostra dai suoi beniamini. Matera allenta la presa in attacco, ma resta compatta in difesa, Chieti le prova tutte ma non arriva a canestro, cosi’ sul +12 a 3’30 dal termine coach Marzioli chiama time out per tentare un ultimo, disperato assalto. Le speranze di Chieti pero’ si affievoliscono, il time out non da gli effetti sperati, e Matera, sotto gli applausi scroscianti del pubblico porta a casa la vittoria (71-64) di una partita data per ostica alla vigilia, ma i ragazzi hanno dato al pubblico presente e all’intero campionato una prova di maturita’ davvero convincente.
Matera, adesso, puo’ ricominciare a sognare in grande. Gli americani sembrano essere entrati a pieno ritmo in quelli che sono gli schemi di Benedetto, ma lo si era incominciato a capire gia da 4 partite a questa parte, ma oggi e’ arrivata la piena conferma delle velate intuizioni passate. L’Olimpia e’ maturata, bisognava avere pazienza e fiducia, le grandi conquiste vanno costruite col tempo, la ricerca della solidita’ comporta in qualche modo qualche pregresso sfaldamento, ma quella fase e’ passata, Matera adesso e’ davvero pronta a dare l’assalto alla vetta della classifica.

Bawer Matera - Proger Chieti 71-64 (12-16, 22-14, 16-18, 21-16)

Bawer Matera: Vico 15 (4/9, 0/2), Iannuzzi 10 (3/6), Rezzano 10 (1/3, 2/7), Maganza, Bolletta, Jones 16 (6/10, 0/3), Cantone 7 (2/4, 1/1), Austin 13 (5/8, 0/2) N.E.: Sacco, Scalcione
Allenatore:Benedetto
Tiri Liberi: 20/25 - Rimbalzi: 29 23+6 (Iannuzzi, Jones 7) - Assist: 6 (Vico, Cantone 2) - Cinque Falli: Cantone
Proger Chieti: Glover 3 (1/2 da tre), Gialloreto 5 (1/3, 1/2), Comignani 3 (1/4 da tre), Cesana, Raschi 8 (2/5, 0/1), Diomede 10 (3/3, 0/3), Bonfiglio, Soloperto 22 (11/15), Shaw 13 (4/8, 1/7) N.E.: Bini
Allenatore:Marzoli
Tiri Liberi: 10/11 - Rimbalzi: 29 24+5 (Soloperto 13) - Assist: 9 (Raschi 4)
Fonte: www.basketinside.com