Pallavolo. Domani la Sieco Service Ortona sarà di scena sul campo del Sora

Bruno presenta la gara: "Sora squadra molto forte"

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2600

Pallavolo. Domani la Sieco Service Ortona sarà di scena sul campo del Sora




ORTONA. Importante. E' questo l'aggettivo giusto per definire la partita di domenica a Sora, valida per l'ottava giornata di campionato. Due squadre, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e Sieco Service Impavida Ortona, appaiate in classifica in quarta posizione con 13 punti. Un incontro che vale dunque le zone di vertice della serie A2, un match che regalerà sicuramente tante emozioni.
Per la Sieco Service, un nuovo successo potrebbe rappresentare una vera e propria svolta: i nove punti nelle ultime tre giornate hanno riconsegnato entusiasmo (qualora fosse venuto a mancare tra i più scettici) e rinvigorito il pensiero di poter essere protagonisti in questo torneo.
Ma, come ogni domenica d'altronde, non sarà per nulla semplice. In primis perchè Sora è squadra forte, quadrata e dai nomi importanti. Poi potrà sfruttare il fattore campo. Per di più, la Globo viene da una sconfitta in quel di Monza (3-0) e lotterà certamente per ritrovare il giusto piglio e la strada dei tre punti.I precedenti ufficiali di certo non sorridono agli ortonesi, visto che nella passata stagione le due compagini si sono affrontate per ben quattro volte (due in campionato e due nei play off) e i numeri dicono tre vittorie per i ciociari e solo una, al tie break, per l'Impavida. Ma le statistiche sono fatte anche per essere smentite quindi gli ingredienti ci sono tutti per assistere ad una gara frizzante.
Questo sarà un fine settimana di solidarietà su tutti i campi della Serie A sostenendo l’AIL (Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma) nella XXV edizione della manifestazione “Stelle di Natale AIL”. Per tutte le informazioni è consultabile il sito www.ail.it.
A presentare questo match e a parlare di sé questa volta è l'argentino Nicolas Martin Bruno. Classe 1989, nato a Buenos Aires, per la prima volta nella sua carriera si affaccia al campionato italiano: "Sora è una squadra forte e che prepara al meglio ogni match per fare bene in questo campionato. Io però credo nella mia squadra e dobbiamo fare bene e credere nelle nostre potenzialità".