Basket. La Modus Roseto travolge 81-55 Mantova

Prova di forza del cinque di Melillo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1347

Basket. La Modus Roseto travolge 81-55 Mantova




ROSETO. Una super Modus FM tramortisce Mantova per 81-55 davanti al pubblico amico, conquistando la terza vittoria stagionale. Continua il trend positivo degli Sharks, che vincono la seconda partita consecutiva (dopo il successo di domenica scorsa a Bari, 79-89) e la seconda in casa in altrettante uscite. Ora sono 6 i punti in classifica per i biancazzurri, i quali, alla luce della netta vittoria di questa sera sugli Stings, possono prepararsi nel migliore dei modi per la prossima di campionato, in programma giovedì 31 ottobre 2013 a Ravenna (ore 20.30).
E’ ancora la coppia di statunitensi, in casa Modus FM, a spingere i rosetani verso i 2 punti: sono i 27 punti di Alex Legion e i 20 di Sowell a permettere alla formazione di casa di passare su una Mantova irriconoscibile, se non altro alla luce del bel colpo esterno piazzato domenica scorsa a Firenze. I lombardi, però, devono rinunciare all’asso della regia, Mike Nardi, indisponibile per problemi fisici; assenza quanto meno compensata dal recupero di Alex Ranuzzi, che in settimana non si era allenato per problemi fisici. Coach Melillo, per contro, ha tutte le pedine a disposizione e per la prima volta in stagione inserisce il convalescente Lillo Leo nello starting five, accompagnato da Stanic, Sowell, Legion e Bisconti. Coach Morea, dalla sua, schiera Losi (al posto di Nardi dunque), Ranuzzi, Alibegovic, Clemente e Jefferson.
Alla vigilia, i timori in casa Sharks erano tutti riversati alla coppia americana dei rossoneri, composta da Clemente e Jefferson, autori di uno splendido inizio di campionato, oltre che all’emergente classe ’92 Mirza Alibegovic (15 punti di media nelle prime tre giornate). In ogni caso, il pacchetto lunghi adriatico, rinvigorito come al solito dal concreto supporto nel pitturato fornito da Alex Legion (“doppia doppia” con 27 punti e 10 punti), regge alla grande il confronto coi pivot mantovani. In questo modo, gli esterni di casa hanno il via libera per arrecare danno alla difesa ospite, tanto che il trio titolare, Stanic-Sowell-Bisconti, colleziona la bellezza di 58 punti, più di quelli realizzati dalla Dinamica (55). Autentica chiave del match, la percentuale al tiro della Modus FM: 51% al tiro totale, 53% da 3 e 73% dai liberi. Soluzioni offensive, per i rosetani, di estrema qualità, tanto che in 40 minuti servono ben 18 assist, con un totale di 99 di valutazione.
Roseto, in pratica, chiude i conti dopo pochi minuti, dando subito dimostrazione di voler vincere la 4^ di Adecco Silver. Dopo 5 minuti, i possessi di vantaggio diventano già un paio (12-6), per poi tornare in panchina durante il primo mini intervallo addirittura sul + 15 (29-14). Nel secondo quarto Mantova prova ad aumentare l’intensità, ma la Modus FM non lascia spazi, mantenendo un costante surplus in doppia cifra. Al 15’, Roseto è sul +11 (36-25) e nel finale di frazione allunga fino al + 16 (45-29). In avvio di ripresa, Mantova si riaffaccia con Losi, il migliore tra i suoi, o meglio, l’unico ispirato nel pieno di un’autentica giornata storta. Tra i numerosi errori di Ranuzzi, appena rientrato da un infortunio, e Alibegovic, il capitano mantovano è l’unico che suona la carica.
Ad ogni modo, Legion e Sowell, da semplice incubo, diventano un problema irrisolvibile per coach Morea: sono le triple del primo (4/6 al 40’ da oltre l’arco) e le penetrazioni dell’altro a mandare in tilt ogni tentativo lombardo di restare a galla. La Modus FM chiude definitivamente i conti toccando il + 21 del 30’: gli ultimi 10 minuti, di fatti, servono solo a gonfiare tabellini e lasciare spazio ai più giovani, come Faragalli e Gloria (entrambi classe ’95), autori di prestazioni coraggiose. Losi mette la tripla del -18 a 8 minuti dalla fine, facendo scaturire all’interno del PalaMaggetti una lieve ombra di preoccupazione generale, tanto che Melillo chiama time-out. Sarà solo un fuoco di paglia, dato che Stanic tampona una volta per tutte le speranze degli ospiti, segnando una tripla rocambolesca allo scadere dei 24 secondi, valida per il nuovo +21.
Si chiude tra gli applausi di un rumorosissimo pubblico rosetano (circa 2600 gli spettatori presenti al PalaMaggetti), entusiasta per l’81-55 finale. Solita ottima prestazione in attacco da parte della Modus FM, che supera nuovamente la soglia degli 80 punti, e migliora notevolmente in difesa: Mantova, che prima del match odierno era la squadra col miglior attacco del campionato (84.5 punti segnati in media), infila a malapena 55 punti, frutto di tanti errori, certo, ma pur sempre condizionati da un arcigno avversario come Roseto. In doppia cifra, sponda Sharks, Legion con 27, Sowell 20 e Stanic con 11. Buona prova anche per Bisconti, autore di 8 punti e tanta presenza in area. Per gli ospiti, l’unica lancia da spezzare è in favore di Jordan Losi, mai domo e perpetua spina nel fianco della difesa abruzzese (14 punti per lui, unico in doppia cifra assieme a Jefferson con 13). Prossimo turno, giovedì 31 ottobre 2013, con la Modus FM che se la vedrà con Ravenna in trasferta (palla a due alle ore 20.30).
Infine, da non perdere l'appuntamento con la prima giornata del Campionato nazionale under 19, con la giovane Modus FM allenata da coach Di Tommaso che esordirà nella regular season 2013/2014 in casa (al PalaMaggetti, ore 18.00) contro la Virtus Roma.

MODUS FM ROSETO SHARKS- DINAMICA MANTOVA: 81-55 (29-14, 45-29, 64-43)
Roseto: Faragalli, Sowell 20, Legion 27, Stanic 11, Leo 5, Genovese 5, Marini 3, Pomenti, Gloria 2, Bisconti 8, all. Melillo.
Mantova: Jefferson 13, Veccia, Sissa n.e., Clemente 7, Ranuzzi 8, Nardi n.e., Alibegovic 5, Pignatti 4, Allodi 4, Losi 14, all. Morea.
Arbitri: Tirozzi, Solfanelli, Bongiorni.
Note:Roseto 30/59 al tiro, 10/19 da 3, 11/15 ai liberi, 32 rimbalzi (5 off), 18 assist, 11 palle perse. Mantova 22/62 al tiro, 4/19 da 3, 7/12 ai liberi, 36 rimbalzi (13 off.), 12 assist, 14 palle perse. Usciti per 5 falli: nessuno. Spettatori: 2600 circa.