Basket. In Serie C vincono Magic Chieti e Pescara. Ko le due teramane Bb e Penta

Domenica derby Magic Chieti-Pescara

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1394

Basket. In Serie C vincono Magic Chieti e Pescara. Ko le due teramane Bb e Penta




TERAMO. Non si ferma più la matricola Magic Basket Chieti che spazza via anche la favorita Penta Basket Teramo con il punteggio di 65-79. La squadra di coach Merletti disputa una sontuosa partita: match subito nelle mani del Magic che crea un parziale di 11 a 24 dopo soli 10 minuti. Nel secondo tempo Teramo torna sotto di 9, ma il Chieti Basket resta compatta fino alla fine, i ragazzi di coach Merletti vincono la terza partita consecutiva e si godono il primato.
Tra i principali protagonisti c’è ancora l’Ala Vincenzo Di Falco, autore di 17 punti, che ha fine gara ha commentato: «E’ stata la vittoria del gruppo, siamo stati sempre in vantaggio, sapevamo che sarebbe stata dura ma non abbiamo perso la testa neanche quando è aumentata la loro pressione». Sabato prossimo, 26 ottobre ore 18:00, big match al Paladayco dove andrà in scena il derby con l’altra capolista Pescara Basket.
Sconfitta contro l’Italcom Campobasso invece per il Basketball Teramo che deve arrendersi alla formazione di Coach Anzini col punteggio finale di 105-82.
Il primo tempo è caratterizzato da un sostanziale equilibrio con continui capovolgimenti di fronte ed un buon basket offensivo giocato dalle due squadre: si va, infatti, negli spogliatoi sul punteggio di 49-44.
Fatale per i biancorossi l’inizio della ripresa: la squadra di casa, infatti, con un break di 12-0 spaccava in due la partita e si portava sul più 16 prendendo un margine di sicurezza che riusciva a mantenere fino alla fine ed a galvanizzare ulteriormente la squadra di casa (76-55).
Il quarto finale serviva solo per i tabellini e per dar spazio a tutti.
Ottima la partita del Campobasso ed in particolare di Ranauro (mvp) e Anzini che costruiscono il break decisivo nella terza frazione.
Nel prossimo turno che si giocherà domenica alle ore 17:30 al Palazzetto dello Sport di Scapriano, il Basketball Teramo dovrà vedersela con il San Salvo di coach Linda Ialacci, che ha in Assogna, il gigante Toth e gli “eterni” Celenza e De Siati i giocatori più rappresentativi, in un match che si preannuncia molto equilibrato.

IL PESCARA BASKET CENTRA LA TERZA VITTORIA DI FILA COL SULMONA
Buona anche la terza per la Pescara Basket, che supera il Centro Abruzzo Sulmona con il punteggio di 89-79 mantenendo quindi la vetta della classifiica.
Non poteva esserci regalo migliore per il Presidente Di Censo, che compie gli anni proprio oggi. Coach Tracanna parte con Morè, De Luca, Febo, Di Giorgio e Stilla e l'inizio è molto equilibrato, con Sulmona che come prevedibile si affida alla vena realizzativa di Marzoli: dopo 5 minuti il punteggio è di assoluta parità sull'11-11. Febo e Cantatore provano a dare il primo strappo alla gara, ma una tripla di Marzoli a fil di sirena vale il 22-20 di fine primo quarto.
Nel secondo periodo il protagonista principale dei biancazzurri è Angelo Adonide, che con un paio di bei canestri ricaccia indietro il Centro Abruzzo (che si era portato in vantaggio di due punti). Stilla e Febo regalano il massimo vantaggio a Pescara sul 35-29, ma gli ospiti con le iniziative di Marzoli e Silvestri si tengono a contatto chiudendo sotto di sole due lunghezze l'intervallo sul 43-41.
Dall'intervallo esce un'altra Pescara Basket: un parzialone di 15-2 in apertura di ripresa, ispirato da un ottimo Morè, costringe Sulmona al time-out. Potrebbe essere la svolta del match, ma i ragazzi di coach De Angelis sono bravi a guadagnarsi tanti tiri liberi che gli consentono di riavvicinarsi: Marzoli e compagni toccano anche il -6, e alla terza sirena il punteggio recita 66-56.
L'ultimo periodo sembra poter prendere la direzione dei biancazzurri, ma il Centro Abruzzo non molla mai: un parziale di 7-0 riporta Sulmona a -5. De Luca e Febo tengono Pescara sempre in vantaggio, ma i tanti liberi a segno di Marzoli e Bellantuono (che sfruttano il bonus raggiunto molto presto da Stilla e compagni) tengono alta l'intensità del match fino a pochi secondi dalla fine. Alla fine le due giocate decisive sono un recupero con canestro di Morè (che vale il +8 a due minuti dalla fine), e una tripla di De Luca che chiude definitivamente i conti rendendo vani due bei canestri di Riccardo Rante.
Finisce 89-79: ai biancazzurri manca ancora un po' di continuità sia in attacco che in difesa, ma il bilancio non può che essere positivo.