Basket. La Proger Chieti ospita Reggio Calabria. Roseto in casa col Bari

Impegni casalinghi per le 2 abruzzesi di Lega Adecco Silver

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2280

Basket. La Proger Chieti ospita Reggio Calabria. Roseto in casa col Bari




CHIETI. Avversaria di prestigio per la Proger Chieti domenica 20 alle 18:00 in occasione della seconda partita casalinga, che arriva dopo il successo (in campo e sugli spalti) contro Recanati e la sconfitta di Verbania contro Omegna. Al PalaTricalle “Sandro Leombroni” arriva infatti una nobile della pallacanestro italiana: la Viola Reggio Calabria che sta tentando di rilanciarsi verso prosceni più prestigiosi. Sarà dunque una partita con ottimi motivi di richiamo, visto anche che la Proger dovrà cercare di fare punti importanti in chiave salvezza nella doppietta casalinga (sette giorni dopo arriverà a Chieti la Manetti Ravenna).
In settimana ha saltato un allenamento il play americano Showron Glover, il quale ha subito un intervento dentistico dopo lo scontro fortuito contro Recanati nel corso del quale ha perso un dente. Qualche noia alla schiena anche per Soloperto (ex di turno, sullo Stretto nel 2006/07), che ha fatto ricorso ad una serie di trattamenti specifici ed intanto ha stretto i denti per non far calare intensità agli allenamenti. I dieci che Marzoli convocherà sono gli stessi delle prime due di campionato.
Previste diverse “ospitate” al PalaTricalle. Ci saranno anche questa volta, dopo l’ottimo riscontro avuto dall’iniziativa nella 1^ di Lega Adecco Silver, gli alunni delle scuole elementari teatine che con gli inviti distribuiti potranno venire accompagnati da un genitore. Ospiti di giornata anche i giocatori della Magic Chieti Basket, che ha numerosi gruppi di settore giovanile e che verrà al Palasport ben visibile con le proprie tute ufficiali. Infine, ci saranno anche i soci delle palestre Aska City Fitness e Gymnasia L’altro Club. Le ragazze della Aska avranno anche lo spazio lungo tra il 2° ed il 3° parziale tutto per loro, durante il quale insceneranno un balletto di Sambafit. I dipendenti ed i collaboratori del title-sponsor Proger, invece, entreranno al prezzo eccezionale, a loro riservato, di 1 euro.
Arbitreranno i signori Bramante di San Martino Buon Albergo (VR), Tallon di Bologna, Pepponi di Spello (PG). 

Avversari degli Sharks della terza di regular season invece sono i pugliesi della Liomatic Group Bari, squadra ultima in classifica (in coabitazione con Casalpusterlengo ), frutto di zero vittorie in due partite.
Ma il dato inusuale non è tanto sulle sconfitte, ma sul divario tra i pugliesi e le avversarie incontrate: nel match d’esordio sconfitta casalinga contro Mantova per 58-98 ( anche se mancavano i due “stranieri” ), mentre nell’ultima giornata a Recanati, i marchigiani si sono imposti per 96-58, nonostante il team fosse al completo. Grosse lacune, quindi, fino ad ora per i biancorossi che nella scorsa stagione si erano salvati ai play-out contro Latina, disputando una buona seconda parte di campionato. Partita però da non sottovalutare per gli Sharks, con i pugliesi che vorranno rifarsi davanti ai propri tifosi, anche se il pronostico è tutto per i biancazzurri. L’allenatore è Francesco Raho, vecchia conoscenza del basket abruzzese, dato che è stato per diversi anni il responsabile del settore giovanile del Teramo; il quintetto di Bari dovrebbe prevedere in cabina di regia il nazionale under 20 e fresco campione d’Europa Diego Monaldi, proveniente dal settore giovanile della Mens sana Siena, nello spot di due agirà probabilmente l’ex Scauri e Chieti Armando Iannone, giocatore estroso e talentuoso, l’altro esterno titolare è Momcilo Latinovic, serbo di 24 anni, forse il giocatore, nello scacchiere di coach Raho, con più punti nelle mani, sotto canestro ci sono Francesco Infante, 200 cm proveniente dalla Biancoblu Bologna e l’altro straniero della squadra, ovvero Sekule Jovanovic, nell’ultima stagione nella massima serie del Montenegro, dove ha viaggiato a quasi 12 di media. Dalla panchina coach Raho può contare sull’apporto del play sardo Spissu, anche lui nel giro delle nazionali giovanili, la guardia Didonna, e il lungo rumeno Zaharie.